PORTALE DI MARIOLOGIA - Maria, la ''mamma'', madre che ci accompagna
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

Maria, la credente al servizio della fraternità


Maria, Donna veramente libera e credente


Avvocata delle donne, secondo Auguste Nicolas


L’immagine della Madre di Dio detta ‘Gioia degli Afflitti’


Maria, memoria eucaristica della Chiesa


Come Maria, davanti all'imprevisto e all'effimero


L'immagine mistagogica di Maria nella spiritualità orientale


Maria Maestra di nuovi valori


Il culto al Cuore Immacolato di Maria: riflessioni teologiche


Messaggio di Fatima: attualità e incidenze


Maria e la sensibilità contemporanea


Il Rosario: una preghiera per più occasioni


«Il mio Cuore Immacolato trionferà»: alcune riflessioni


Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 560
 Contatore visite 

Dal 1999
free counter

 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 117
Iscritti: 0
Totale: 117
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Maria, la ''mamma'', madre che ci accompagna 
Spiritualità

Due articoli di Mario Morra e Madre Yvonne Reungoat in Maria Ausiliatrice, XXXIII (2012), n. 3 maggio-giugno, pp. 8-9; pp. 2-3.

 



In tutti i secoli, gli uomini si sono rivolti alla Madonna come a buona Mamma, ne hanno cantato le lodi e sperimentato la protezione. Soprattutto nelle difficoltà e nella sofferenza.
In questo periodo di crisi, Maria, esperta nell’arte di accompagnare suo Figlio nella sua crescita umana e la Chiesa nei tempi difficili, è la nostra compagna di viaggio. Ci aiuta a ritrovare l’entusiasmo di seguire Gesù. Ci invita ad una rinnovata fiducia nel Dio della vita, che ci chiama a camminare nella fede e nell’amore e ad infondere speranza.

MARIA, LA "MAMMA"

Nel corso dei secoli, nei momenti lieti e tristi, gli uomini si sono rivolti alla Madonna come a buona mamma, ne hanno cantato le lodi e sperimentato la protezione. L’hanno invocata sotto i più bei titoli: Madonna del Soccorso, Madonna dell’Aiuto, Ausiliatrice, Madonna della Consolazione, del Buon Consiglio, della Misericordia, della Salute, del Suffragio, della Pace... Maria è presente in tutte le vicende umane, soprattutto dove si soffre e si piange. Ella, come mamma tenerissima, ha pianto sul proprio Figlio condannato dalla ingratitudine degli uomini, lungo la Via dolorosa, ai piedi della Croce, con Gesù morto tra le braccia. Proprio sul Calvario, dall’alto della Croce, Gesù morente la dona come mamma a Giovanni ed in lui a tutti gli uomini. Per questo Maria partecipa al dolore di tutti i suoi figli e piange sulle loro miserie.

        La “Pietà” partecipa ai dolori di tutte le mamme
        La devozione popolare ha dato un nome eloquente a Maria che accoglie nel suo grembo Gesù morto, deposto dalla Croce. È il pianto di una mamma che piange il figlio ucciso dalla cattiveria degli uomini: è “la Pietà” per eccellenza! Quante mamme si sono sentite confortate da questo pianto di Maria! Quante, come Lei, hanno pianto i propri figli uccisi dalle tante guerre! Quante non hanno avuto neppure il conforto di versare le proprie lacrime sui figli uccisi o dispersi in Paesi lontani! L’arte cristiana ha saputo esprimere a meraviglia questo dolore di Maria e di tante mamme. Basti contemplare la bellezza e la maestà della Pietà di Michelangelo! La Madonna è apparsa in varie occasioni con Gesù morto tra le braccia, quasi a ricordarci il suo dolore di mamma e la sua partecipazione al dolore di tutte le mamme che piangono il proprio figlio morto o disperso. A Pietralba, in Trentino Alto Adige, la Madonna appare a Leonardo Weissensteiner che scopre, scavando le fondamenta della chiesetta, una bianca statua in alabastro raffigurante appunto la Pietà. A Castelpetroso, nel Molise, la Madonna appare, in ginocchio, orante e con il Figlio morto adagiato sulla roccia, a due contadinelle la sera del 22 marzo 1888, giovedì di Passione. Riappare, in seguito, al Vescovo, recatosi sul luogo per ordine di papa Leone XIII, e dopo ancora a un gruppo di pellegrini polacchi e al conte Acquaderni di Bologna, già guarito dall’acqua prodigiosa scaturita sul posto dell’apparizione, e fondatore dell’attuale Santuario. La Madonna non dice una parola, ma il suo atteggiamento doloroso è un eloquente messaggio.

        La Madonna piange per la nostra cattiveria
       Anche la cattiveria degli uomini che offendono il Signore ed il prossimo è causa del pianto di Maria. Il 28 febbraio 1522 il pianto sgorgato dall’immagine della Madonna, dipinta su una parete, salva la città di Treviglio dal saccheggio minacciato dal Maresciallo francese Lautrec. Il 19 settembre 1846, una “Bella Signora” appare a due fanciulli, Massimino e Melania, mentre stanno pascolando le mucche su un alpeggio del Comune di La Salette, a 1.800 metri di altezza. In un piccolo avvallamento, all’improvviso, essi scorgono un globo di luce “come se il sole fosse caduto in quel luogo”. Lentamente il globo si apre e nella luce abbagliante i due ragazzi travedono una donna seduta, con i gomiti sulle ginocchia e il volto nascosto fra le mani, che piange. La “Bella Signora” si alza e li invita ad avvicinarsi. Rassicurati, Massimino e Melania scendono di corsa lungo il pendio. Quella “Bella Signora” non smette di piangere. È alta e tutta splendente della luce che si sprigiona dal Crocifisso che porta sul petto. Ai lati del Crocifisso si vedono un martello e delle tenaglie. Continuando a piangere, Ella affida ai fanciulli il seguente messaggio: «Se il mio popolo non vuole sottomettersi alla legge del Signore, sono costretta a lasciare libero il braccio di mio Figlio. Esso è così forte e così pesante che non posso più sostenerlo». Insomma, Maria adempie con amore materno al suo compito di mediatrice presso Dio per i peccatori, ma non può far tutto da sola. Per questo supplica tra le lacrime: «Convertitevi, figli miei!».

MADRE CHE CI ACCOMPAGNA

La crisi economica e lo smarrimento di valori a cui oggi assistiamo non toccano soltanto le giovani generazioni, ma anche gli adulti. C’è chi propina ricette con soluzioni a medio o a lungo termine. Nessuno, però, può risolvere il calo di fiducia nella vita e nel futuro, che sembra all’origine di una crisi generalizzata e che investe ogni dimensione del vivere umano. Soltanto una ritrovata visione evangelica potrà ridimensionare questa crisi facendo balenare all’orizzonte indicazioni di senso. Maria di Nazaret, esperta nell’arte di accompagnare il suo Figlio Gesù nella sua crescita umana e la Chiesa nei tempi difficili, è la nostra compagna di viaggio. Maestra nel cammino della fede, addita anche a noi Gesù, si pone al nostro fianco, ci infonde fiducia e sicurezza. Anche Lei ha dovuto apprendere giorno per giorno la direzione giusta. Le è bastato rendersi disponibile a Dio, fidarsi di Lui, lasciarsi accompagnare da Lui. Maria è una giovane donna che fa spazio all’ingresso della luce. Ascolta nel silenzio del suo essere la densità della Parola che le viene rivolta dall’angelo: «Rallegrati, piena di grazia: il Signore è con te... Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù» (Lc 1,28.31). É una ragazza che sa amare e progettare il futuro, ma rimane aperta all’imprevisto di Dio. La sua casa è luogo del silenzio dell’ospitalità, dell’accoglienza del divino, che lei riceve nel cuore prima che nel grembo. Scopre che la sua autenticità sta nel sentirsi abitata da Dio, nel realizzare il passaggio dall’esistere per se stessa all’esistere per un Altro. Maria rimanda al centro della fede: Gesù Cristo, manifestazione luminosa di Dio. Lei è la casa dove la Parola può dimorare, ma lei stessa è accolta dalla Parola e dimora in essa: l’essere discepola di Gesù inizia con il suo “sì” ad essere madre. [...]

Maria accompagna anche noi oggi a vivere la chiamata del Signore nella ricerca continua del suo progetto, che esige la purificazione dai protagonismi personali e dall’egoismo. Ci sostiene nell’impegno di renderci disponibili ad accogliere le sorprese di Dio nel quotidiano. Ci aiuta a far fiorire la vita, a risvegliarla e potenziarla sul nostro cammino. Ci rende attenti a riconoscere i segni di speranza presenti nel nostro tempo, nella vita dei fratelli e delle sorelle che il Signore ci pone accanto, nell’esistenza dei giovani. Guardando a Lei, ci chiediamo: "siamo ancora capaci di ascoltare con stupore la Parola, di custodirla nel cuore e di aprirci all’inedito dell’amore?" Un cuore che ama è sempre pronto a cercare la persona amata, ad accogliere ogni suo desiderio per poi correre a realizzarlo. Maria è con noi, nella nostra casa e nella nostra vita; ci aiuta a ritrovare l’entusiasmo di seguire Gesù, a fidarci di Lui; ci guida nel pellegrinaggio della fede che si confronta ogni volta con nuove sfide e opportunità. La nostra testimonianza di adulti fiduciosi e gioiosi può infondere nei giovani la certezza di essere custoditi da Dio, sostenuti dalla mano materna di Maria, da Lei accompagnati nella ricerca del loro progetto personale, che è sempre un progetto di vita per la gioia degli altri; una vita che si gioca a favore del bene della comunità ecclesiale e sociale. Da Lei i giovani possono imparare la relazione che fa crescere in libertà e responsabilità, nel servizio agli altri e nell’apertura a Dio. Adulti e giovani siamo chiamati a un percorso di fede in cui lasciarci amare da Dio, accettare di entrare nel suo progetto servendo il bisogno di vita, di senso, di gioia delle nostre famiglie e comunità, delle giovani generazioni. Maria ci sostenga nell’impegno di diventare come Lei “aiuto” per custodire e fare crescere la vita.

 

ASCOLTA L'AUDIO DELL'ARTICOLO

Inserito Domenica 16 Maggio 2021, alle ore 19:40:05 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Spiritualità
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Spiritualità:
La Vergine Maria ''prima discepola'' di Gesù

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Spiritualità

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi