PORTALE DI MARIOLOGIA - Come Maria, davanti all'imprevisto e all'effimero
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

Maria, la credente al servizio della fraternità


Maria, Donna veramente libera e credente


Avvocata delle donne, secondo Auguste Nicolas


L’immagine della Madre di Dio detta ‘Gioia degli Afflitti’


Maria, memoria eucaristica della Chiesa


Come Maria, davanti all'imprevisto e all'effimero


L'immagine mistagogica di Maria nella spiritualità orientale


Maria Maestra di nuovi valori


Il culto al Cuore Immacolato di Maria: riflessioni teologiche


Messaggio di Fatima: attualità e incidenze


Maria e la sensibilità contemporanea


Il Rosario: una preghiera per più occasioni


«Il mio Cuore Immacolato trionferà»: alcune riflessioni


Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 560
 Contatore visite 

Dal 1999
free counter

 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 101
Iscritti: 0
Totale: 101
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Come Maria, davanti all'imprevisto e all'effimero 
Società

Di Michel Designes in Dei Maristi parlano di Maria, Centre de Documentation Mariste, 104 rue de Vaugirard, Paris, pp. 73-76.



Maria è quella “che è” prima di essere quella “che parla”. È tutto il suo essere che testimonia Dio. Senza discorso, ma con la sua esistenza stessa, ella testimonia dell’esperienza di Dio che è stata la sua. Ella testimonia della sua fede ben più con la sua presenza che per quello che lei dice. All’Annunciazione, Maria dice: “Io sono la serva….” A Cana, ella è là, attenta. Alla croce, ella è là, in piedi. Alla Pentecoste, ella è sempre là, in mezzo agli apostoli, in preghiera. Consideriamo tutto il peso, tutta la densità di questa presenza che comunica qualche cosa o, meglio, qualcuno. Maria ha scelto d’essere, in seno alla Chiesa nascente, quella che è posseduta dal Signore e che lo irradia; gli anni di vita a Nazareth, la lenta scoperta del Dio vivente, la lunga familiarità con Gesù, hanno modellato in lei questo volto del Cristo Risorto. Maria non si è contentata di ripetere indefinitamente la Parola, ella gli ha dato carne di nuovo con tutto il suo essere. Prototipo della fede cristiana, Maria è oggi come ieri questa presenza che aiuta e invita a meglio incontrare il Signore. Frequentare Maria, vivere nella sua familiarità, è una facilità per noi per riscoprire l’importanza dell’essere, di modellare in noi il volto del Cristo vivente.

UNA VITA DISPONIBILE

Il nostro mondo è in continua evoluzione. Il ritmo si accelera e le nostre facoltà di adattamento si estenuano. Il nostro ambiente cambia, le nostre abitudine di pensare e di agire sono sconvolte; bisogna acquisirne delle altre. Un mondo nuovo sta nascendo. L’avvenire si costruisce sul passato, ma bisogna anche lasciare il passato (lasciare! Una grossa parola per la Bibbia dopo Abramo), per andare verso l’avvenire, con lo sguardo sempre avanti. Dobbiamo lasciare le nostre sicurezze. In questo movimento c’è una parte d’incognita e d’avventura; per ben tanti settori noi non sappiamo chiaramente come sarà il nostro domani. Bisogna coraggiosamente ritirare l’ancora e lasciarsi portare dal soffio della Speranza. Noi siamo dei pellegrini. Maria ha vissuto questo distacco più di ogni altro; ella ha qualche cosa da dirci a proposito di questa disponibilità. Maria aveva anch’essa il suo progetto personale di vita, la sua cultura della religione e del Messia. Ed ecco che Dio interviene: e le propone altra cosa di quel che prevedeva: egli scuote la sua idea della consacrazione a Dio, la sua stessa idea di Dio, e l’attrae ben al di là dell’immaginabile e della prudenza spirituale. Nella fede ella accetterà fina all’assurdo: restare vergine e diventare madre. Maria è “sconvolta” dall’imprevisto, ella non comprende “come questo avverrà”… Ma ella accetta di lasciarsi imbarcare per l’avventura, un avventura che la sorpassa. Ella accetta soprattutto di non vederci chiaro immediatamente, di cercare a capire, di scoprire passo a passo la presenza di Dio in Gesù: ella ha inteso la chiamata del Signore e ha fatto fiducia. L’avventura non si accetta che facendo fiducia a un altro. Maria non piange sul suo passato, sui suoi progetti personali messi da parte: ella canta il Magnificat. Più tardi, seguendo suo Figlio, lascerà l’antico Israele per raggiungere la comunità fondata da Lui; ella passa alla setta proibita per vivere il presente e il futuro della Chiesa nascente. Maria ha vissuto la rottura, il cambiamento radicale, lo sradicamento, ma la sua Speranza resta la stessa, ella ha preso solamente un’altra forma. Il racconto dell’Annunciazione riassume in venti righe tutta una vita di fedeltà nella fede, e la speranza di vedere Dio alla conclusione dell’avventura. Dio ha bisogno anche oggi come allora dei credenti con questa dose di disponibilità attiva.

VERGINE FEDELE

La nostra epoca dubita della possibilità di un impegno duraturo, definitivo (nel matrimonio, la vita religiosa, il sacerdozio…). Il mondo è così instabile, le condizioni di vita evolvono così in fretta che ciò che ho promesso ieri non corrispondono più a ciò che vivo oggi, e ancor meno a ciò che sarà domani. Maria non avrebbe forse qualcosa da dirci a questo proposito? Come tutti, Maria ha conosciuto la prova della fede. Alla Presentazione, ella ha ben dovuto interrogarsi su questo destino doloroso che sarebbe stato il suo; al Tempio, quando Gesù ha dodici anni, ella comincia a sentire che dovrà perdere suo figlio; alla Croce, è per essa, come per gli apostoli, il colmo del sentimento della disfatta. Ora è proprio questo momento che il Signore sceglie per ridirle ch’egli ha bisogno di lei, per rinnovarle la sua fiducia, per farle sentire che ella è più indispensabile che mai: “Donna, ecco tuo figlio…”. La fede di Maria è ravvivata con questo appello di Dio. È la stessa domanda dell’Annunciazione che si rinnova: vuoi tu essere la Madre del Figlio di Dio? A l’Annunciazione e a Natale, era stato per la nascita del corpo di Cristo; al Calvario, è una seconda nascita che le viene domandato nel momento più grave dell’evento: si tratta per Maria di generare Gesù Cristo nella fede, cioè di credere che Gesù non sarà più qualcuno che vivrà al suo lato, ma che vivrà in essa con lo Spirito, e in tutti coloro che accetteranno di credere in Gesù risorto e di far nascere il volto di Cristo nell’essere di tutti i futuri credenti, rappresentati dall’apostolo Giovanni. Maria non è più la sola in causa. Deve portare nella fedeltà alla sua fede la Chiesa nascente traumatizzata dalla sconfitta. La fedeltà di Maria è la prima vittoria di suo Figlio. Ed è forse la cosa essenziale che Maria abbia avuto da comunicare agli apostoli durante i cinquanta giorni d’interim della vita della Chiesa, da Pasqua alla Pentecoste: rafforzare il loro questa fedeltà, far nascere in loro la fede alla presenza del Cristo vivente. Quando gli apostoli avranno la certezza assoluta che il Cristo continua a vivere attraverso di loro e che essi sono indispensabili per la missione, quando lo Spirito di Cristo infine li avrà totalmente invasi per non essere più che una sola cosa con lui, allora usciranno dal Cenacolo e cominceranno a predicare.

Inserito Lunedi 25 Ottobre 2021, alle ore 22:24:23 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Società
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Società:
Maria e la consolazione degli afflitti

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Società

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi