PORTALE DI MARIOLOGIA - Canto alla Santa Vergine
PORTALE DI MARIOLOGIA  
  
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO 
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
Enciclopedie










Inserti Speciali



























Nuovi in Biblioteca
  Uno sguardo a Maria. I molteplici aspetti del mistero mariano
  L'Annunciazione a Maria nell'arte d'Oriente e d'Occidente
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
Pensieri
Nuova pagina 1


 

Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

La divina maternità di Maria nelle opere di Sant'Ambrogio


Canto alla Santa Vergine


Nuove icone della Vergine nella Home in tutto il 2022


Uno sguardo a Maria. I molteplici aspetti del mistero mariano


Maria, Donna in relazione, evangelizzatrice e icona della pace secondo Paolo VI


Verso il Natale insieme a Maria


Maria, icona dell'Avvento


Maria, la credente al servizio della fraternità


Maria, Donna veramente libera e credente


Avvocata delle donne, secondo Auguste Nicolas


L’immagine della Madre di Dio detta ‘Gioia degli Afflitti’


Maria, memoria eucaristica della Chiesa


Come Maria, davanti all'imprevisto e all'effimero


L'immagine mistagogica di Maria nella spiritualità orientale


Maria Maestra di nuovi valori


Immagini
Sondaggio
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 571
Contatore visite
DAL 1999

web counter 
F.A.Q.

Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 49
Iscritti: 0
Totale: 49
Orario

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
Canto alla Santa Vergine
Inserito Domenica 9 Gennaio 2022, alle ore 9:58:32 da latheotokos
Santi

L'ultima poesia di Santa Teresa del Bambino Gesù dedicata a Maria prima di morire, da La Madonna della Neve, n. 10/dicembre 2021, pp. 12.13.



Nell'ultimo anno di vita Teresa di Gesù Bambino scrive l'ultima poesia - La giovane monaca realizza un desiderio coltivato da tempo - Sulla Madonna lei vuole dire solo la verità - Non va a cercare episodi straordinari - Ma porre in evidenza le virtù di Maria alla sequela del Figlio.

1.
Vorrei Maria cantare perché io t'amo,
perché al tuo dolce nome mi trasalisce il cuore
e perché mai la suprema tua grandezza
mai potrebbe II mio animo intimidire.
Se nella sublime gloria ti mirassi
mentre i beati tutti in splendore superi,
mai credere potrei che ti sono figlia:
e gli occhi abbasserei; Maria, davanti a te.

2. Perché possa un figlio amar sua madre,
questa ha da spartir con lui le pene e piangere.
O Madre amata, sulla straniera riva
quanta piangesti per attrarmi a te!
Se la vita tua nel Vangelo santo medito,
io oso guardarti e avvicinarmi a te.
Non m'è difficile credermi tua figlia,
ché ti vedo mortale e sofferente come me.

**************


24.  La casa di Giovanni è il tuo solo asilo:
di Zebedeo il figlio supplisce il tuo Gesù.
Questa notizia il Vangelo ci dà per ultima,
poi più non parla della Regina nostra.
Ma quel silenzio profondo, Madre amata,
non rivela forse che il Verbo Eterno vuole
i segreti cantar Lui stesso della tua vita,
e stupire i tuoi figli, del Cielo eletti?

25. Io presto ascolterò quella dolce armonia
e presto nel Cielo bello verrò a vederti.
Tu che al mattino, di mia vita mi hai sorriso,
vieni e ancor sorridimi! Madre, è già sera!
Non temo più il fulgore della tua gloria eccelsa:
ho sofferto con te ed ora ti domando
di cantar sulle tue ginocchia perché t'amo
e ripetere sempre che sono figlia tua!

Non è fuori luogo considerare il testo con il quale santa Teresa di Gesù Bambino ha, in qualche modo, concluso la sua produzione poetica. Giustamente e stata definita il "canto del cigno", questa poesia dedicata alta Madonna - Perché io t'amo, Maria! -, composta nel maggio 1897, pochi mesi prima di morire.
«Io ho ancora qualcosa da fare prima di morire» - confidava Teresa, già assai malata, alla sorella Celina -: «io ho sempre sognato di esprimere in un canto alla Santa Vergine tutto quello che penso di lei». Tra l'altro in quel mese di maggio, ella incomincia a presentire la probabile diffusione dei suoi scritti, comprese le poesie. E considera i suoi «pensieri» su Maria come parte integrante dell'«opera più importante» che si prepara. Forse addirittura ne sono il coronamento. Perciò la richiesta di una poesia sulla Madonna che la sorella maggiore, suor Maria del Sacro Cuore, le indirizza va a toccare un desiderio personale molto vivo.
Per Teresa, "pensiero" non è sinonimo di "idea". Sono nel cuore che i pensieri si schiudono. Infatti essi affondano nella preghiera e si fanno presto orazione. Ed è nella preghiera che bisogna anzitutto accogliere il lungo poema, una sorta di inno liturgico di 200 versi alessandrini suddivisi in 25 strofe.
É questo il tempo nel quale Teresa «non riesce a nutrirsi che della verità». Ha bisogno di «vedere le cose come sono». Riguardo alla Vergine Maria, l'unica cosa che la interessa è la «sua vita reale, non le supposizioni sulla sua vita». D'istinto, ella si rivolge al Vangelo, ormai sua unica fonte d'ispirazione: «Questo libro mi basta». E ci indica pure il suo metodo: «Mi insegna il Vangelo... e il mio cuore mi rivela».
Ai vangeli, Teresa chiede dei fatti, degli avvenimenti: «quello che Maria ha fatto e insegnato», si potrebbe dire parafrasando il libro degli Atti 1,1. Con attenzione, la giovane monaca «vede... guarda... intende... ascolta ... » quello che t'evangelista riferisce. Tutti i verbi sono al presente, perché ella è . Ella omette dunque, di seguito, i "misteri gloriosi"; Gesù stesso si riserva di svelarli in paradiso: «più non si parla della Regina nostra. Ma quel silenzio profondo, Madre amata, non svela forse che il Verbo Eterno vuole cantar Lui stesso / segreti di tua vita e stupire i tuoi figli, del Ciel gli eletti?».
Il suo cuore le fa «comprendere» (anche questo è un verbo tipicamente teresiano) per connaturalità il senso nascosto dei fatti, la loro portata per la sua vita di oggi e presto anche per la sua eternità. L'intelligenza del cuore le si è affinata durante gli ultimi mesi in mille modi, ma soprattutto in due ambiti: il mistero della sofferenza, sotto la lima della prova della fede; e la profondità delle esigenze della carità, grazie a vive illuminazioni. Il tutto dentro il silenzio.
La sua esperienza personale l'aiuta a scoprire nella vita di Maria la stessa legge che regola la vita di suo Figlio: è necessario che ella soffra per poter entrare netta gloria. Questo ha voluto Gesù per sua Madre, poiché «è un bene soffrire qui in terra». E Maria non si è accontentata di subire la sua condizione «mortale e sofferente», simile alla nostra. Se Teresa non l'afferma esplicitamente, I'intera sua poesia sottintende che Maria ha scelto liberamente questa condizione, per solidarietà con noi.
Per tutta la sua vita, ella poteva dire già e incomparabilmente meglio di come non avrebbe fatto Teresa un giorno: «Mio Dio, io scelgo tutto quello che voi volete... non mi fa paura soffrire per voi» (Ms A, lOv°); o ancora: «É ciò che Lui fa che ama». Maria ha preferito ad ogni altra cosa la sua vita nascosta, povera e sofferente. A Nazareth, ella «non vuole nulla di più» che «vivere di fede come noi», senza nulla di prodigioso. «A lei piace» di percorrere questa «via comune» dove camminano «i piccoli». Quando Gesù sembra trascurarla per «la famiglia» dei suoi discepoli, ella non si rattrista affatto, anzi «t'allieti che Egli ci faccia intendere che sua famiglia è quaggiù l'anima nostra».
Al termine, la firma: La piccola Teresa, con mano ormai incerta, umile e commovente punto di arrivo di tutta la produzione poetica.
 

 
Links Correlati
· Cerca ancora Santi
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Santi:
Giovanni Paolo II: Totus tuus: A Cristo attraverso Maria

Sondaggio
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

Altri articoli correlati

Santi

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi

:: HeliusGray phpbb2 style by CyberAlien :: PHP-Nuke theme by www.nukemods.com ::