PORTALE DI MARIOLOGIA - Maria madre della Chiesa per volere di Cristo
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  La Vergine del silenzio
  Catechesi bibliche sui misteri del Rosario
  La Madonna che scioglie i nodi
  Uno sguardo a Maria. I molteplici aspetti del mistero mariano
  L'Annunciazione a Maria nell'arte d'Oriente e d'Occidente
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

La Vergine Maria nel Concilio Vaticano II


La Theotokos Achiropita di Rossano


Maria, Icona della Chiesa pellegrina


La marianità del Carmelo


La contemplazione nel cuore di Maria per la missione


Maria al servizio della creazione e della vita


I giovani e Maria nella cultura contemporanea


Maria e l'Eucaristia


Con Maria aspettiamo la Pentecoste


La pietà popolare, i giovani e Maria


Il Mese di Maggio in Vaticano e nel mondo


Preghiera e contemplazione con Maria


Maria e i tempi dell'attesa nell'iconografia


Maria nella musica del Novecento Europeo 1


Maria nella musica del Novecento Europeo 2


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 746
 Contatore visite 
DAL 1999

web counter 
 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 164
Iscritti: 0
Totale: 164
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Maria madre della Chiesa per volere di Cristo 
Chiesa

Dalla tesi di Licenza Maria, segno e strumento di Riconciliazione e di Pace nel magistero di Giovanni Paolo II” di fr.. Cristoforo Amanzi ofm



“[1] Maria è Madre della Chiesa, perché in virtù dell’ineffabile elezione dello stesso eterno Padre (cfr LG 56) e sotto la particolare azione dello Spirito d’amore (cfr LG 56), Ella ha dato la vita umana al Figlio di Dio, «per il quale e dal quale sono tutte le cose» (Eb 2,10) e da cui tutto il Popolo di Dio assume la grazia e la dignità dell’elezione. [2] Il suo proprio Figlio volle esplicitamente estendere la maternità di sua Madre – ed estenderla in modo facilmente accessibile a tutte le anime ed i cuori – additandoLe dall’alto della croce il suo discepolo prediletto come figlio (cfr Gv 19,26). [3] Lo Spirito Santo Le suggerì di rimanere anche Lei, dopo l’Ascensione di nostro Signore, nel Cenacolo raccolta nella preghiera e nell’attesa, insieme con gli Apostoli fino al giorno della Pentecoste, in cui doveva visibilmente nascere la Chiesa , uscendo dall’oscurità (cfr At 1,14). [4] E in seguito tutte le generazioni dei discepoli e di quanti confessano ed amano Cristo – così come l’apostolo Giovanni – accolsero spiritualmente nella loro casa (cfr Gv 19,27) questa Madre, la quale in tal modo, sin dagli inizi stessi, cioè dal momento dell’Annunciazione, è stata inserita nella storia della salvezza e nella missione della Chiesa” (RH 22).


Giovanni Paolo II nel porre all’attenzione dei fedeli Maria quale Madre della Chiesa, ne dà la spiegazione teologica utilizzando di volta in volta le fonti bibliche e conciliari.

Maria è Madre della Chiesa: un’affermazione netta che avendo incontrato, nel passato anche recente, molte difficoltà in merito alla sua formulazione e al suo fondamento teologico-scritturistico, necessita di ulteriori precisazioni.


In questo brano della Lettera enciclica “Redemptor hominis” (n.22), il Pontefice fornisce le motivazioni a sostegno del titolo. Infatti, toccando i momenti più importanti della cooperazione di Maria all’opera del Figlio, dall’Annunciazione alla Pentecoste, mostra l’itinerario teologico che la costituisce Madre di Cristo e dei Suoi discepoli, cioè della Chiesa: perché eletta dall’eterno Padre, il quale “ha voluto che l’incarnazione del suo Figlio fosse preceduta dall’accettazione di colei che era stata predestinata ad esserne madre” (LG 56), e sotto la particolare azione dello Spirito d’amore, il quale l’ha “plasmata per così dire e formata come una creatura nuova” (LG 56), Ella ha dato la vita umana al Figlio di Dio dando “al mondo la vita che tutto rinnova” (LG 56), Cristo per il quale e dal quale sono tutte le cose e da cui ogni fedele assume la grazia e la dignità dell’elezione a figlio.


Il Papa, però, non si ferma a questo primo aspetto che molto attinge dal testo conciliare e che mostra l’importanza fondamentale del libero consenso di Maria alla volontà divina di Salvezza (cfr LG 56), ma sottolinea un secondo aspetto che rappresenta una novità anche rispetto alla stessa Lumen gentium: il Figlio volle esplicitamente estendere la maternità di sua Madre (cfr LG 58).

Siamo di fronte alla divina volontà del Figlio, [il cui cibo è fare la volontà del Padre (cf Gv 4,34)], che senza alcun dubbio, in modo esplicito, estende la maternità di sua Madre: non più soltanto Sua ma anche Madre del discepolo prediletto, e tutto ciò in modo facilmente accessibile a tutte le anime ed i cuori ovvero una maternità alla quale si può accedere facilmente sul piano spirituale ed interiore: quello delle anime e dei cuori.


Dopo aver esposto le ragioni della sua maternità cogliendo argomenti sia dall’evento dell’Annunciazione-Incarnazione sia da quello della Passione-Morte, il Papa continua la sua esplicitazione con una affermazione molto personale e originale:

“Lo Spirito Santo Le suggerì di rimanere anche Lei, dopo l’Ascensione di nostro Signore, nel Cenacolo […] fino al giorno della Pentecoste”.

Dai testi lucani sappiamo che fu Gesù a “comandare” agli Apostoli, prima della sua Ascensione al cielo, di restare in città finché non fossero stati rivestiti di potenza dall’alto (cf Lc 24,49; At 1,4-5), ciò che accadde il giorno di Pentecoste.

L’affermazione personale ed originale è quella che fa riferimento allo Spirito Santo dopo l’Ascensione: il Papa chiama in causa volutamente la presenza e l’opera dello Spirito Santo nella vita di Maria, a sottolineare che lo Spirito, ancora non effuso sulla Chiesa (cf Gv 7,39), era già pienamente operante in colei che ne era la primizia:

“Lo Spirito Santo Le suggerì di rimanere […] nel Cenacolo raccolta nella preghiera e nell’attesa, insieme con gli Apostoli fino al giorno della Pentecoste”.


Il Papa con questa affermazione sottolinea il profondo e intenso rapporto tra lo Spirito Santo e Maria, la quale è sotto la particolare azione dello Spirito d’amore, docile ad ogni impulso, ad ogni Sua ispirazione. Lo Spirito Santo che si sarebbe effuso sulla Chiesa nascente, facendola uscire dall’oscurità, quasi come un bimbo dal grembo della propria madre, Le suggerì di restare nel Cenacolo raccolta nella preghiera e nell’attesa.


Come non pensare a Maria quale Madre della Chiesa: sul Calvario, per volontà del Figlio concepì (il suo proprio Figlio volle esplicitamente estendere la maternità di sua Madre) e nel Cenacolo in preghiera attese il nuovo parto, nello Spirito Santo, Spirito d’amore, dal quale doveva visibilmente nascere la Chiesa , uscendo dall’oscurità e manifestandosi come Chiesa degli uomini viventi, viventi perché vivificati dall’interno per opera dello Spirito di verità, Chiesa della quale Maria è Madre (cfr LG 56) e primizia (cfr LG 68), membro sovreminente e singolarissimo (cfr LG 53).


In seguito, dopo questi eventi, tutte le generazioni accolsero spiritualmente nella loro casa questa Madre. Il Papa di nuovo pronuncia un’affermazione forte e chiara: tutte le generazioni. Non afferma però che tutti e ciascuno dei discepoli e di quanti confessano e amano Cristo hanno accolto Maria come Madre, ma che tutte le generazioni l’accolsero, cioè la Chiesa di tutte le epoche, con la sua dottrina e la sua Tradizione, sempre l’ha accolta spiritualmente in casa, nella propria intimità, nel profondo del cuore, come Madre, così come l’apostolo Giovanni.


Qui Giovanni Paolo II supera il Concilio Vaticano II operando un passaggio che rispetto alla Lumen gentium rappresenta una vera e propria novità: riconosce in Giovanni tutti coloro che, come lui, di generazione in generazione confessano ed amano Cristo. Conseguentemente, Maria è chiamata da Gesù ad accogliere come figli i Suoi discepoli e quanti credono in Lui, in altre parole a diventare Madre della Chiesa; d’altro canto ogni credente, come Giovanni, è chiamato da Gesù ad accogliere Maria come Madre.


Ma non si ferma all’estensione della maternità di Maria operata da Gesù. Egli sottolinea che tutti coloro che credettero, così come Giovanni, accolsero spiritualmente nella loro casa questa Madre. L’accolsero, come Giovanni, nella loro intimità, nel loro cuore, come un bene prezioso; in quella casa dove nell’intimità si incontra Dio, il quale sta alla porta e bussa e se qualcuno apre, entra e mangia con lui (cf Ap 3,20), in quel sacrario dell’uomo dove risuona la voce di Dio, in quel luogo, definito casa, dove deve regnare la familiarità, la pace, la gioia, l’amore, cioè Dio. E’ lì che colui che ama Cristo deve ospitare la Madre perché Lei possa favorire l’incontro tra le creature e il Creatore, tra il discepolo e il Maestro, tra il figlio adottato ed il Figlio Unigenito, Primogenito di molti fratelli, Principe della Pace.

 


In tal modo, continua il Papa, cioè in qualità di Madre di Dio e della Chiesa, e con queste modalità, Maria è stata inserita nella Storia della salvezza e nella missione della Chiesa: Maria partecipa attivamente a quella Storia particolare il cui protagonista è Dio stesso, fatto uomo per la nostra salvezza (cfr LG 65), al quale Ella ha dato la vita umana (Annunciazione) e da cui ha ricevuto l’estensione della sua maternità (Calvario) manifestata nel giorno della Pentecoste.


Maria è inserita così anche nella missione della Chiesa: mantenere il legame dinamico del mistero della Redenzione con ogni uomo. Maria svolge questo compito in qualità di Madre indicando e offrendo maternamente, a tutti gli uomini e senza interruzione, il Figlio, fonte di acqua viva che sgorga perché abbiano vita in abbondanza.

 

Fr. Cristoforo Amanzi

 

Inserito Martedi 29 Settembre 2009, alle ore 10:34:58 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Chiesa
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Chiesa:
Maria, Stella della nuova evangelizzazione

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Chiesa

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.16 Secondi