PORTALE DI MARIOLOGIA - Il dogma dell'Immacolata Concezione e il Dialogo Ecumenico
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
  Le parole di Maria a Medjugorje
  Maria come amica
  Maria. La Madre del Cristo
  Nella chiesa di Maria. Saggio di Ecclesiologia e Mariologia
  Tutta bella. Contemplare il volto di Maria attraverso l'arte
  Con Maria. Un itinerario biblico
  Vergine della gioia e della tenerezza
  Donna è gentil nel ciel… Maria in Dante
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


Pregare con Maria nella vita


 La maternità divina di Maria, fonte di ispirazione per un'etica del dono


La “Concezione di Maria" nelle fonti liturgiche delle Chiese Orientali


Il Santo Rosario alla Beata Vergine Maria


Significato di Maria per il nostro tempo


Maria, la Madre della gioia


La povertà di Maria: amore di identità con i poveri


Significati dell'Assunzione di Maria al cielo


L'orientamento pedagogico in alcuni canti mariani tra Settecento e Novecento


Maria, speranza nostra


La beata María Romero Meneses, testimone della filialità mariana


Totus tuus: Maria e Giovanni Paolo II


Mariologia breve, secondo S. Bonaventura da Bagnoreggio


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 542
 Contatore visite 

Dal 1999
free counter

 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 262
Iscritti: 0
Totale: 262
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Il dogma dell'Immacolata Concezione e il Dialogo Ecumenico 
EcumenismoPosizione delle Chiese della Riforma e degli Orotodossi e spunti per un vero dialogo ecumenico

La posizione dei Riformati e degli Ortodossi

Per i Riformati, il dogma dell’Immacolata Concezione rappresenta generalmente una grossa difficoltà, sia perchè promulgato senza il consenso di tutte le Chiese, sia perché non si armonizzerebbe con l’umanità di Cristo e con la condizione di peccato propria di tutto il genere umano, come afferma Von Allmen: «una simile dottrina non sarebbe venuta in mente agli autori del Nuovo Testamento, perché contraddice la vera umanità di Gesù e rovescia la buona novella della salvezza: infatti, se Maria si trova fuori dal “campo”in cui l’umanità è tenuta prigioniera dal Maligno, il Figlio che essa ha miracolosamente concepito nascerà anche lui fuori da questo campo: né lui né la sua opera raggiungeranno dunque gli uomini. Dio conseguenza è essenziale che Maria – che abbia o no, sul piano della “morale” commesso dei peccati – si trovi sotto la schiavitù “ giuridica” del peccato, perché Gesù non diventi un segno di salvezza, ma sia il Salvatore».[1]

Per quanto riguarda invece gli Ortodossi, anche se «in profondità, nella realtà della fede, c’è unità incontestabile tra l’Oriente e l’Occidente cristiani circa il loro atteggiamento davanti al mistero della Madre di Dio»,[2] trovano generalmente delle difficoltà ad accettare il dogma dell’Immacolata Concezione, almeno nella formulazione del 1854. Il più celebre e fondamentale intervento contro di esso è quello consegnato da S. Boulgakov nel libro Le buisson ardent, da lui scritto tra il 1912 e il 1924. Partendo dall’antropologia teologica ortodossa, egli lo bolla come «dogma imprudente e infelice», che «scuote le basi perfino della dogmatica cristiana», promulgato «in modo affrettato con un decreto dogmatico – amministrativo». Boulgakov ammette infatti che il solo porre la questione che Maria, Purissima e Tabernacolo divino, abbia peccato suscita orrore. Tuttavia l’inizio della Theotokos, cioè la sua concezione e nascita, avvenne nel peccato originale, per una triplice ragione:

- la prima è di ordine cristologico e intende salvaguardare l’unicità della santità di Cristo. Il Signore Gesù è l’unico senza peccato e nessuno può condividere con lui questa condizione, neppure Maria. Pertanto Gesù è il Salvatore dell’intera umanità, compresa sua Madre;

- la seconda ragione è mariologica e si basa sulla vicenda di Maria, che rivela le conseguenze del peccato originale: l’infermità e la morte. La Madre di Dio è deceduta di morte naturale, come insegna la festa della Dormizione. La morte corporale è segno del suo peccato originale.

- la ragione più radicale è quella antropologica, cui ricorre Boulgakov, per sfuggire alla contraddizione percepita tra l’assenza del peccato personale e la presenza del peccato originale in Maria. Ma come la grazia di Dio ha neutralizzato in misura più o meno ampia il male in tanti uomini giusti dell’Antico Testamento, (da Mosè a Giovanni Battista), cosi essa realizza attraverso la libertà personale di Maria, uno stato di “impeccabilità personale”che si avvicina alla giustizia originale. In lei, insomma, il peccato è ridotto ad una pura potenzialità. [3]

Elementi fondamentali per un autentico dialogo ecumenico

Parlando di un dialogo ecumenico circa il dogma dell’Immacolata Concezione, dobbiamo subito chiarire che, per la Chiesa Cattolica , una verità dogmatica realmente, giuridicamente, ecclesialmente definita dalla competente autorità conciliare o pontificia, non può essere né revocata, né disattesa nei suoi contenuti dottrinali. Proprio in relazione al dogma dell’Immacolata Giovanni Paolo II affermava che colui che non fa sua la verità annunciata dalla Ineffabilis Deus, «naufraga nella fede» e si «stacca dall’unità cattolica».[4] Questa posizione relativa ai dogmi è completamente opposta a quella degli Ortodossi che, dopo la stagione dei grandi Concili dell’antichità, non hanno più riconosciuto altri dogmi,[5] e quella del Protestantesimo che, secondo Mezger, rifiuta la “verità assoluta” e il “dogma eterno” che non riguardano Dio o Gesù Cristo, e considera gli altri dogmi solo relativi al perdurare di situazioni di dialogo o di conflitto.[6]

La quasi insanabile disparità di contenuto, di atteggiamento e di accoglienza del dogma nelle Chiese, ha portato recentemente il famoso Gruppo ecumenico di Dombes, a proposito della ricezione dei dogmi cattolici dell’Immacolata Concezione e dell’Assunzione, a ritenerli sanciti autonomamente da una “Chiesa parziale”. Nella prospettiva di una “Chiesa una”, il documento considera di conseguenza le altre Chiese non vincolate a recepirli, dato che essi riguarderebbero soltanto la Chiesa di Roma che li ha formulati.[7] Questa posizione indubbiamente provocatoria è legata alle difficoltà reali del cammino ecumenico e rimanda alla domanda che tutti si pongono: è possibile, dal punto di vista della Chiesa Cattolica, una riformulazione del dogma sancito da Pio IX nel 1854?[8] La risposta è negativa. La Commissione Teologica Internazionale nel suo documento “De interpretatione dogmatum” del 1989, afferma che i dogmi «non definiscono la verità in una maniera indeterminata, mutevole o approssimativa e, meno ancora, la trasformano o deformano»[9] e pertanto  «le formule dogmatiche sono vincolanti e irreformabili».[10]

Tuttavia «il senso originale del dogma deve essere di nuovo compreso nel contesto di un’altra cultura».[11] In altri termini non è escluso che un’epoca posteriore legga e veda nel dogma immutabile, punti di vista nuovi e nuove formulazioni. La definizione dogmatica, non è quindi, solo il termine di uno sviluppo, ma è sempre anche un nuovo inizio. Se una verità di fede è diventata dogma, si inserisce per sempre in un vitale processo di progressiva comprensione (paradosi). Alla definizione segue, quindi, la ricezione, cioè la sua piena appropriazione vitale nella vita comunitaria della Chiesa e la penetrazione sempre più profonda nella verità che attesta, dato che il dogma non è un vestigio dei tempi passati, ma deve produrre frutti sempre nuovi nella vita della Chiesa.[12]

Il dialogo ecumenico deve tenere conto di queste indicazioni che, se praticate con verace finalità ecumenica, potranno permettere, non solo di non contraddire, né deformare, né rifiutare pregiudizialmente gli asserti dogmatici, ma possono rivelarsi un valido itinerario di studio, di confronto, di servizio della Parola rivelata e della Comunità, quale valore permanente di verità. I dogmi mariani, infatti, non dicono immediatamente la creatura Maria, ma delineano, senza tergiversare, l’amore, l’opera, la potenza, la signoria del solo Dio Trinitario, che in Cristo si mostra per tutti e a tutti, salvezza, verità, escaton, bellezza. I dogmi sono, perciò, gloria di Dio e gloria e speranza per l’uomo redento che nella comunità dei salvati, adora e loda le sue grandi opere.[13]



[1] J.J. Von Allmen, Nomi propri (Maria), in Vocabolario biblico, AVE, Roma 1969, 323

[2] A. Scrima, Immaculée Conception (dans la théologie grecque orthodoxe moderne) in Catholicisme, t. V (1965), c. 1286. Cf anche J. Meyerdorff, L’eglise othodoxe hier et aujourd’ huì, Paris 1960, 170 ss.

[3] S. Boulgakov, Le buisson ardent. Aspects de la vénération orthodoxe, de la Mère de Dieu. Essai d’une interprétation dogmatique, Éditions L’âge d’homme, Lausanne 1987.

[4] Giovanni Paolo II, Catechesi mariana del 12 giugno 1996, in Insegnamenti di Giovanni Paolo II, 19/1, 1498.

[5] Cf. V. Peri, I Concili e le Chiese, Studium, Roma 1965.

[6] Cf. M. Mezger, Dogma, in Dizionario del pensiero protestante, Herder – Morcelliana, Roma – Brscia 1970, 154 – 156.

[7] Cf. Gruppo di Dombes, Maria nel disegno di Dio e nella comunione dei santi, Qiqajon, Magnano 1998, n. 299.

[8] La stessa domanda e le stesse risposte valgono anche per il dogma dell’Assunzione al cielo, sancito da papa Pio XII il 1 novembre 1950 con la costituzione dogmatica Munificentissimus Deus.

[9] Commissio Teologica Internationalis, De interpretatione dogmatum, in EV, vol 11, n. 2748, 1732–1733.

[10] Ibidem, n. 2730, 1718–1719. 

[11] Ibidem. 

[12] Ibidem, n. 2789, 1764–1765.  

[13] Cf. S. M. Perrella, “Tota pulchra es Maria”. L’Immacolata: frutto, segno e riverbero della bellezza e dello splendore di Cristo redentore dell’uomo, in AA.VV., Il dogma dell’Immacolata Concezione di Maria,  op. cit., 589–596.

Inserito Mercoledi 14 Ottobre 2009, alle ore 16:52:05 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Ecumenismo
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Ecumenismo:
Maria è ortodossa, evangelica o cattolica?

 Sondaggio 
Punteggio medio: 4
Voti: 1


Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Ecumenismo

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.19 Secondi