PORTALE DI MARIOLOGIA - Vergine Madre, figlia del tuo Figlio
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  La Vergine del silenzio
  Catechesi bibliche sui misteri del Rosario
  La Madonna che scioglie i nodi
  Uno sguardo a Maria. I molteplici aspetti del mistero mariano
  L'Annunciazione a Maria nell'arte d'Oriente e d'Occidente
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

La Vergine Maria nel Concilio Vaticano II


La Theotokos Achiropita di Rossano


Maria, Icona della Chiesa pellegrina


La marianità del Carmelo


La contemplazione nel cuore di Maria per la missione


Maria al servizio della creazione e della vita


I giovani e Maria nella cultura contemporanea


Maria e l'Eucaristia


Con Maria aspettiamo la Pentecoste


La pietà popolare, i giovani e Maria


Il Mese di Maggio in Vaticano e nel mondo


Preghiera e contemplazione con Maria


Maria e i tempi dell'attesa nell'iconografia


Maria nella musica del Novecento Europeo 1


Maria nella musica del Novecento Europeo 2


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 637
 Contatore visite 
DAL 1999

web counter 
 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 60
Iscritti: 0
Totale: 60
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Vergine Madre, figlia del tuo Figlio 
Cultura Commento al canto di Dante di Sergio Gaspari

Come l’arte, anche la letteratura ha sentito potentemente in ogni epoca storica, il fascino della «Donna unicamente amata fra gli uomini» (G. De Luca), la Vergine Madre di Dio, e l’ha espresso con la sublimità stilistica della poesia. È stato detto, e non senza ragione, che un buon terzo della letteratura italiana è mariana.

Per il tempo di Pasqua abbiamo scelto Dante Alighieri (1265-1321), il più grande poeta dell’Occidente, nonché teologo di notevole spessore. Dante si ispira a san Bernardo di Chiaravalle, il dottore dei dottori mariani. Non a caso Bernardo è suo portavoce presso la Vergine (cf Paradiso, XXXI, 100-102), e poi Dante affida ancora a Bernardo il compito di pronunciare quella mirabile preghiera di lode e di invocazione alla Vergine che apre il canto XXXIII del Paradiso (vv. 1-45), titolata La preghiera di san Bernardo alla Vergine. In questa preghiera il poeta presenta Maria donna gloriosa al centro del fulgore beatificante del Paradiso. E nel tempo di Pasqua, radioso e gioioso, la Chiesa contempla la Madre del Risorto, quale stella sfolgorante attorno a Cristo, sole dell’era nuova che non tramonta.

Il soccorso della Vergine Madre all’uomo pellegrino. La teologia in Dante diventa poesia e la poesia teologia. Già nel ’300, Giovanni Boccaccio nel commento alla Divina Commedia, sosteneva che «la teologia e la poesia quasi una cosa sola si possono dire dove uno sia il soggetto: anzi dico di più, che la teologia niun’altra cosa è che la poesia di Dio [...]. Bene appare non solamente la poesia essere teologia, ma anche la teologia poesia» (in B. Matteucci, Per una teologia delle lettere, I, 1980, 36s.).

Nella storia della poesia italiana e mondiale la Divina Commedia è considerata un capolavoro letterario: in essa l’autore, che accoglie l’eredità spirituale e culturale del Duecento, arricchendola della chiara consapevolezza dei valori umani e terrestri (quasi un preludio del Rinascimento), elabora una visione totalizzante delle realtà cristiane, dove affiora una teologia ricca di tonalità mariana.

Nella Divina Commedia la figura di Maria è vista nel mistero della redenzione. La tesi fondamentale del capolavoro dantesco, che si presta a vari livelli di lettura, da quello descrittivo a quello simbolico, allegorico e metaforico, è l’esaltazione del ruolo di mediazione della Vergine: si va a Dio per Cristo, ma a Cristo per Maria. La prova di questa tesi è costituita dal viaggio di Dante, parabola del pellegrinaggio terreno dell’uomo verso il Cielo. La storia di Dante è la storia dell’uomo: caduta e grazia, peccato e purificazione, pellegrinaggio e storia, sigillati dalla più bella preghiera alla Vergine Madre, che tutto orienta, protegge, anima con la sua presenza attiva di mediatrice. Orbene questo viaggio ultraterreno di Dante verso l’ultima salute, verso il Cielo per la visione di Dio, avviene per Maria e con Maria. Si inizia nell’Inferno, dove ella appare donna di misericordia che invita alla conversione, si snoda attraverso la purificazione del Purgatorio, dove Maria appare donna di virtù da imitare, giunge alla gloria del Paradiso nel segno della Vergine gloriosa. Viaggio fantastico nei tre regni dell’oltretomba che si snoda con la non richiesta presenza soccorritrice di Maria nell’Inferno, con la sua esemplarità purificatrice nel Purgatorio, e si chiude in un cerchio perfetto nel Paradiso con la sollecitata intercessione materna.

Fra tutti i poeti, e non solo italiani, Dante ha intuito, con intelletto di fede, lo splendore della Vergine e lo ha espresso in questi versi. La sua mariologia si rifà a Bernardo, che ha il compito di guidarlo alla visione di Dio. Nel canto XXXI Bernardo si mette a disposizione di Dante: lo invita a guardare Maria, prima di accompagnarlo alla vista della gran luce di Dio. Raggiunto l’empireo, nel canto successivo Bernardo sollecita Dante: «Riguarda omai nella faccia che a Cristo / più si somiglia, ché la sua chiarezza / sola ti può disporre a veder Cristo» (Paradiso, XXXII, 85-87).

Dante obbedisce e vede che nel Paradiso la Vergine Madre è al centro del fulgore beatificante. L’arcangelo Gabriele, nella letizia degli angeli che si riversa su di lei, come all’Annunciazione, la saluta: «Ave, Maria, gratia plena». E tutta la corte celeste si associa al saluto in un crescendo di diffusa beatitudine. Il momento di vedere Dio è giunto; urge il soccorso della Vergine coronata dal volo osannante degli angeli, e Bernardo così prega: «Vergine Madre, figlia del tuo Figlio».

Guida luminosa verso la gran luce di Dio. Questa preghiera, composta di quindici terzine, ed eco fedele della liturgia e della fede ecclesiale, rivela una rara precisione dogmatica. Maria è la «Vergine Madre» del Figlio di Dio, e Regina che nobilita la natura umana decaduta (cf vv. 1-5), colei che fa rifiorire l’Eden del paradiso terrestre. «Nel ventre tuo si raccese l’amore» (v. 7): così è germinato Cristo fiore dell’umanità nuova (vv. 6-9).

Da sempre prevista da Dio Padre «termine fisso d’etterno consiglio» (v. 3) e novella Eva, ella è collaboratrice di Cristo nuovo Adamo. «Quasi aurora consurgens» e foriera del «Sole di giustizia» (Mal 3,20) ella avvera l’oracolo del profeta (Is 7,14). Nell’ordine della grazia, lei è «Figlia del suo Figlio» (v. 1, espressione mutuata dal Concilio Toletano XI, 48, del 685; cf Denzinger 536): così la creatura del Logos è divenuta la Madre del Logos incarnato: «’l suo fattore / non disdegnò di farsi sua fattura» (vv. 5-6).

Questa è la grandezza umile della Vergine, «umile e alta più che creatura» (v. 2). Umile perché obbediente a Dio (nel Purgatorio X, 28-45 Dante ha dipinto l’Annunciazione come sublime esempio di umiltà) e grande perché quaggiù è per noi «meridiana face» (v.10): volto visibile della bontà invisibile di Dio.

La Donna gloriosa del cielo («tanto grande e tanto vali»: v. 13) è necessaria per giungere alla visione beatifica di Dio. Mediatrice di grazia, avvocata tenera e pietosa («In te misericordia, in te pietate»: v. 19) che si protende sulla terra e protegge i figli dell’esilio. Pregata da Bernardo e coralmente da tutti i beati («Beatrice con quanti beati»: v. 38), ella ottiene al peccatore di «levarsi più alto verso l’ultima salute» (vv. 26-27).

Se per Bernardo Maria è la scala per salire a Dio, per san Francesco la misteriosa interlocutrice, "termine medio" tra Dio e l’uomo, per Dante, che riprende il pensiero di Bernardo, ella è mediatrice verso il porto della salvezza, fonte di speranza certa: «Giuso, intra ’ mortali, / se’ di speranza fontana vivace» (vv. 11-12) e tenera interceditrice presso il Figlio: chi vuol «grazia e a te non ricorre,/ sua disianza vuol volar sanz’ali» (vv.14-15). Se già nell’Inferno Maria, non invocata, corre in aiuto del poeta, ora «la tua benignità [...] liberamente al dimandar precorre» (vv. 16-18). Dante difatti confessa esplicitamente il suo ricorso costante alla Vergine: «Il nome del bel fior ch’io sempre invoco / e mane e sera» (Paradiso, XXIII), e san Bernardo chiede alla "Donna" per lui «che conservi sani, / dopo tanto veder, li affetti suoi» (vv. 35-36).

Questa splendida preghiera alla Vergine di san Bernardo rafforza l’animo del fuggiasco Dante per "sopportare" la visione diretta di Dio. Dopo il buio e i lamenti dell’Inferno, la penombra e la mestizia del Purgatorio, dopo tanto pellegrinar egli giunge alla visione beata del Paradiso, dove contempla la Regina circondata dai cori angelici e dalle luci della gloria celeste.

Inserito Giovedi 12 Novembre 2009, alle ore 0:03:40 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Cultura
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Cultura :
La Madonna e la fede in Trilussa

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Cultura

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.17 Secondi