PORTALE DI MARIOLOGIA - La catacomba di Santa Priscilla, una culla del culto mariano
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
  Le parole di Maria a Medjugorje
  Maria come amica
  Maria. La Madre del Cristo
  Nella chiesa di Maria. Saggio di Ecclesiologia e Mariologia
  Tutta bella. Contemplare il volto di Maria attraverso l'arte
  Con Maria. Un itinerario biblico
  Vergine della gioia e della tenerezza
  Donna è gentil nel ciel… Maria in Dante
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


Pregare con Maria nella vita


 La maternità divina di Maria, fonte di ispirazione per un'etica del dono


La “Concezione di Maria" nelle fonti liturgiche delle Chiese Orientali


Il Santo Rosario alla Beata Vergine Maria


Significato di Maria per il nostro tempo


Maria, la Madre della gioia


La povertà di Maria: amore di identità con i poveri


Significati dell'Assunzione di Maria al cielo


L'orientamento pedagogico in alcuni canti mariani tra Settecento e Novecento


Maria, speranza nostra


La beata María Romero Meneses, testimone della filialità mariana


Totus tuus: Maria e Giovanni Paolo II


Mariologia breve, secondo S. Bonaventura da Bagnoreggio


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 542
 Contatore visite 

Dal 1999
free counter

 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 302
Iscritti: 0
Totale: 302
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  La catacomba di Santa Priscilla, una culla del culto mariano 
StoriaUn articolo di Suor Maria Francesca apparso su Radici cristiane n. 29 - Novembre 2007

La Via Salaria aveva due punti di partenza dalle vecchie mura di Roma, uno all’attuale Piazza Fiume e l’altro a Porta Pinciana. Due strade che confluivano nell’incontro col Tevere per poi snodarsi insieme lungo la Sabina, attraversando di seguito le regioni dell’Appennino centrale e andando finalmente a sboccare a Porto d’Ascoli, nelle Marche, da dove si portava nell’Urbe il sale, materia ben più preziosa allora che ai nostri giorni. Ed era proprio il sale che dava il nome alla celebre strada.

Le catacombe della via del sale

Meno noti e visitati dai turisti, ma forse non meno importanti dei cimiteri romani sotterranei (denominati usualmente catacombe) che si trovano sulla Via Appia, troviamo anche sull’estremo romano della Via Salaria una serie di cimiteri antichi, di cui il più famoso è quello di Priscilla.
Questa era una nobile cristiana, sicuramente appartenente alla famiglia degli Acili, secondo alcune epigrafi  trovate nel luogo, che ha messo la sua proprietà a disposizione per la sepoltura dei cristiani.
Al numero civico 430 della Via Salaria, quasi davanti ai cancelli di accesso a Villa Ada, troviamo anche l’ingresso alla catacomba di Priscilla, che si snoda sotto la Basilica di San Silvestro, dove questo pontefice romano è sepolto assieme ad altri Papi e Martiri.
È lui il Papa del tempo di Costantino che ha eretto, quando la situazione politica dell’Impero lo rese possibile, questo tempio all’esterno, sulla tomba dei martiri Felice e Filippo, anche per rendere il dovuto culto alle grandi figure che nel cimitero erano state tumulate, come il Papa Marcellino, il Papa Marcello, le martiri Pudenziana e Prassede e centinaia di altri ricordati nei documenti della Chiesa primitiva.

Tre tesori fragili ma preziosi

Tra i grandi tesori che il cimitero di Priscilla nasconde nelle sue venerande gallerie e stanze, alcuni in particolare sono molto cari alla memoria dei cristiani.  Infatti, lì si venerano le più antiche raffigurazioni esistenti della Madonna, le quali possono ritenersi databili una alla fine del secondo secolo o inizi del terzo, le altre due al terzo avanzato.
Naturalmente queste immagini, oltre che essere una preziosa testimonianza dell’antichità del culto alla Vergine Maria sin dagli albori della Chiesa, hanno un significato cristologico: quel Bambino in braccio a sua Madre, o nella scena dell’Annunciazione predetto dall’angelo, è il protagonista della storia, dal quale però non può essere disgiunta colei che l’ha generato.
Infatti da questo inseparabile legame col Figlio nasce nella Chiesa primitiva il culto, cioè il riconoscimento della grandezza della Vergine Maria e l’onore e l’amore a lei tributato. Tale culto, che nei secoli ha contemplato, approfondito e rappresentato le prerogative della Vergine, a lei concesse in funzione della sua maternità divina, non è certo, come alcuni credono, una elaborazione quasi mitologica della pietà del Medioevo ma un frutto dell’azione illuminativa dello Spirito Santo dall’inizio del Cristianesimo.

La Madonna col Profeta

Nel più antico dei due affreschi, dipinto sull’intonaco nella volta di una nicchia, trasformata in galleria per la presenza di una tomba venerata, la Vergine è seduta in cattedra, rivestita di stola dalle maniche corte e la “palla” che le copre il capo, reclinato in atteggiamento di tenerezza verso il Figlio che tiene in grembo.
Davanti a lei il profeta Balaam in piedi, vestito di pallio, tiene nella mano sinistra un rotolo, mentre con la destra addita una stella in alto, sulla testa della Madonna. La composizione s’ispira al passo biblico: «Oracolo di Balaam, figlio di Beor, oracolo dell’uomo dall’occhio penetrante, oracolo di chi ode le parole di Dio e conosce la scienza dell’Altissimo, di chi vede la visione dell’Onnipotente, e cade ed è tolto il velo dai suoi occhi. Io lo vedo, ma non adesso, io lo contemplo, ma non da vicino: una stella spunta da Giacobbe e uno scettro sorge da Israele» (Numeri 24, 15-17).
Come non provare una profonda emozione nell’incontrare queste testimonianze, leggermente sbiadite nelle immagini ma così vive nella loro essenzialità, del culto tributato dai primi cristiani alla Madre di Dio, la Theotokos, quale trono dell’Altissimo, di colui che è la Stella che darà luce a tutto il mondo?

L’Epifania

La seconda raffigurazione della Vergine la troviamo sull’arco centrale della cosiddetta “Cappella Greca”. Qui la Madonna, sempre assisa in cattedra, porge il Figlio all’adorazione dei Magi. Come si trova frequentemente nei cimiteri antichi, questa scena che sta a indicare una salvezza non riservata al solo popolo eletto ma estesa a tutti i popoli del mondo! Qui a Priscilla ce n’è un altro esempio in un frammento di sarcofago, posto sotto l’altare nella Basilica di S. Silvestro.

L’Annunciazione

Ancora una volta ritroviamo, in un cubicolo dell’arenario (forse anche qui la presenza di una tomba venerata?), dipinta sulla volta, la figura della Vergine nella scena dell’Annunciazione. È seduta su una cattedra, in atteggiamento maestosamente eretto, mentre l’angelo col braccio proteso verso di lei le comunica il disegno di Dio e ne riceve l’assenso.
È da questo momento che inizia l’opera della Redenzione, il Vangelo della salvezza che compie l’attesa messianica e sarà annunciato in tutto il mondo. E da allora Madre e Figlio sono strettamente legati all’umanità intera, Lei come l’eletta, la più santa tra le creature, Lui come Dio che assume l’umanità per divinizzarla!


Inserito Martedi 1 Dicembre 2009, alle ore 13:11:33 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Storia
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Storia:
Note sulla storicità di Maria di Nazareth

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Storia

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.18 Secondi