PORTALE DI MARIOLOGIA - Madre per la fede
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  La Vergine del silenzio
  Catechesi bibliche sui misteri del Rosario
  La Madonna che scioglie i nodi
  Uno sguardo a Maria. I molteplici aspetti del mistero mariano
  L'Annunciazione a Maria nell'arte d'Oriente e d'Occidente
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

La pietà popolare, i giovani e Maria


Il Mese di Maggio in Vaticano e nel mondo


Preghiera e contemplazione con Maria


Maria e i tempi dell'attesa nell'iconografia


Maria nella musica del Novecento Europeo 1


Maria nella musica del Novecento Europeo 2


Maria, la prima fra i "Testimoni" dell'amore di Gesù Cristo


Maria, prototipo genuino della femminilità secondo E. Stein


In quest’ora buia vieni a soccorrerci e consolarci


Maria di Nazareth, icona della "Lectio Divina"


I Teologi Palamiti e l'immagine spirituale e cosmica di Maria


25 marzo: Consacrazione di Russia e Ucraina al Cuore Immacolato di Maria


La preghiera del cristiano e di Maria in H. U. Von Balthasar


Il Monte Sinai e Maria


Maria di Nazaret, testimone di speranza e compassione


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 601
 Contatore visite 
DAL 1999

web counter 
 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 142
Iscritti: 0
Totale: 142
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Madre per la fede 
CultoOmelia per la Solennità di Maria SS. Madre di Dio di P. Raniero Cantalamessa

Numeri 6, 22-27; Galati 4, 4-7; Luca 2, 16-21

Il primo Gennaio la Chiesa celebra la solennità di Maria Santissima, “Madre di Dio”. Un titolo che esprime uno dei misteri e, per la ragione, uno dei paradossi più alti del cristianesimo. Esso ha riempito di stupore la liturgia della Chiesa che esclama: “Quello che i cieli non possono contenere, si è racchiuso nelle tue viscere, fatto uomo!”

Giustamente la Chiesa ci fa celebrare la festa di Maria Madre di Dio nell’ottava del Natale. Fu nel Natale, infatti, nel momento in cui “diede alla luce il suo figlio primogenito” (Luca 2, 7), non prima, che Maria divenne vera mente e pienamente Madre di Dio. Madre non è un titolo come gli altri, che si aggiunge dall'esterno, senza incidere sull'essere stesso della persona. Madre si diventa passando attraverso una serie di esperienze che lasciano il segno per sempre e modifica no non solo la conformazione del corpo della donna, ma anche la stessa coscienza che ella ha di sé.

Nel parlare della maternità divina di Maria, la Scrittura mette costantemente in ri salto due elementi, o momenti fondamentali, che corrispondo no, del resto, a quelli che anche la comune esperienza umana considera essenziali perché si abbia una vera e piena maternità. Essi sono: concepire e partorire. “Ecco concepirai nel seno e partorirai un figlio” (Lc 1, 31). Quel che è “generato” in lei è dallo Spirito Santo, ed essa “partorirà” un figlio (cfr. Mt 1, 20 s). La profezia di Isaia, in cui tutto ciò era sta to preannunciato, si esprimeva allo stesso modo: “Una vergine concepirà e partorirà un figlio” (Is 7, 14). Ecco perché solo a Natale, quando dà alla luce Gesù, Maria diventa, in sen so pieno, Madre di Dio. Il primo momento, il generare, è comune sia al padre che alla madre, mentre il secondo, il partorire, è esclusivo della madre.

Ma dre di Dio è il più antico e importante titolo dogmatico della Madonna. È il fondamento di tutta la sua grandezza. Per esso, Maria non è, nel cristianesimo, solo oggetto di devozione, ma anche di teologia; entra cioè nel discorso stesso su Dio, perché Dio è direttamente implicato nel la maternità divina di Maria. È anche il titolo più ecumenico che esista in quanto condiviso e accolto indistintamente, almeno in linea di principio, da tutte le confessioni cristiane.

Nel Nuovo Testamento non troviamo esplicitamente il titolo “Madre di Dio“ dato a Maria. Vi troviamo però delle afferma zioni che, all'attenta riflessione della Chiesa, sotto la guida dello Spirito Santo, mostreranno, in seguito, di contenere già, come in nuce, tale verità. Maria è chiamata correntemente nei Vangeli: “ma­dre di Gesú”, “madre del Signore”, o semplicemen te “la madre” e “sua madre”. Da questi dati partì la Chiesa, nel concilio ecumenico di Efeso del 431, per definire come verità di fede la divina maternità di Maria e il titolo di Theotokos, Genitrice di Dio. Tale proclamazione determinò una esplosione di venerazione verso la Madre di Dio che non venne meno mai più, né in Oriente né in Occi dente, e che si tradusse in feste liturgiche, icone, inni e nella co struzione di innumerevoli chiese a lei dedicate, tra cui Santa Maria Maggiore a Roma.
La maternità fisica o reale di Maria, con l'eccezionale e unico rapporto che crea tra lei e Gesù e tra lei e la Trinità tutta intera, è e resta, da un punto di vista oggettivo, la cosa più grande e il privilegio ineguagliabile, ma essa è tale per ché trova un riscontro soggettivo nell'umile fede di Maria. ”Maria, dice S. Agostino, concepì Cristo per fede nel suo cuore prima di concepirlo fisicamente nel suo corpo”. Noi non possiamo imitare Maria nel concepire Cristo nel corpo; possiamo però e dobbiamo imitarla nel concepirlo nel cuore, cioè nel credere.

 


Inserito Lunedi 21 Dicembre 2009, alle ore 19:17:37 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Culto
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Culto:
Solennità, Feste e Memorie della B. Vergine Maria

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Culto

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi