PORTALE DI MARIOLOGIA - Santa Scorese: Con Maria vivo così
 PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO 
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 
Enciclopedie










 
Inserti Speciali



























 
Nuovi in Biblioteca
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
 
Pensieri
Nuova pagina 1


 

 
Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

Maria, la credente al servizio della fraternità


Maria, Donna veramente libera e credente


Avvocata delle donne, secondo Auguste Nicolas


L’immagine della Madre di Dio detta ‘Gioia degli Afflitti’


Maria, memoria eucaristica della Chiesa


Come Maria, davanti all'imprevisto e all'effimero


L'immagine mistagogica di Maria nella spiritualità orientale


Maria Maestra di nuovi valori


Il culto al Cuore Immacolato di Maria: riflessioni teologiche


Messaggio di Fatima: attualità e incidenze


Maria e la sensibilità contemporanea


Il Rosario: una preghiera per più occasioni


«Il mio Cuore Immacolato trionferà»: alcune riflessioni


Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


 
Immagini
 
Sondaggio
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 563
 
Contatore visite

Dal 1999
free counter

 
F.A.Q.

 
Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 150
Iscritti: 0
Totale: 150
 
Orario

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
 
Santa Scorese: Con Maria vivo così
SantiUna "santità giovane" maturata nel percorso mariano di S.Francesco d'Assisi e di S.Massimiliano Maria Kolbe in un articolo di Carmencita Maria Picaro sul sito dei Gesuiti

"Vangelo fatto vita"

"Se vedi una persona saggia, va' subito da lei. Il tuo piede logori i gradini della sua porta" (Siracide 6,36). Il nostro mondo ha tanto bisogno di saggezza... "senza età", sedimentata in uomini e donne spiritualmente maturi. Queste persone hanno un nome, un volto, una storia, una strada... una meta.  Si chiamano Francesco... Chiara... Massimiliano... volti, nomi, storie, strade, mete... a noi già in parte conosciute. In loro, l'anima ha camminato in profondità, hanno acquistato il "fiuto" dell'Eterno... e così sono rimasti forti nonostante le loro debolezze, sono rimasti saldi nella loro fede nonostante i loro dubbi, sono rimasti protetti nonostante la loro solitudine! Questi uomini e donne "sedotti da Dio" hanno aperto sentieri nel deserto. All'inizio sembravano essere soli, persino un po' folli... ma la loro solitudine li ha resi più evidenti, più raggiungibili a quelli che, ripercorrendo i segreti della loro santità, hanno imparato non solo a vivere, ma anche a morire, come loro... in Dio!  Essi ci sono cari, perché la loro "follia" ha intaccato anche la nostra esistenza e ci hanno travolti nella loro avventura di Vangelo fatto vita. Affascinati da Cristo, essi ne hanno assorbito vita, stile, desideri, passione! Come Lui hanno imparato ad incarnare la "follia dell'Amore di Dio Padre per il mondo" e sono giunti ad amare fino a... morire d'amore! Maria, la Madre del Signore, fu per tutti loro Dimora segreta dove incontrarsi con l'Altissimo, e in Lei, a partire da san Francesco, tutti deposero la loro fiducia, perché era stata Lei che aveva "reso Gesù nostro fratello"; la amarono e furono da Lei amati di "speciale amore". Francesco d'Assisi, prima di Massimiliano Kolbe, ha deposto in Maria la sua vita, la sua fiducia e il suo amore. Egli non ha lasciato grandi trattati su Maria ma, come ha fatto sempre, la sua predica fu la sua vita, i suoi gesti, le sue scelte... e - in questo caso - la sua intima comunione con Lei, espressa nel "dimorare con Lei... nella sua casa" (1). "Diceva: "La Beata Vergine predilige questa tra tutte le chiese del mondo che le sono care". Per tali motivi egli nutrì, finché visse, la massima reverenza e devozione per la Porziuncola" (2). Francesco, infatti, dopo avere riparato la casa di Maria (3), vi si rifugia con i propri compagni, vi si stabilisce, vi dimora. Qui Francesco scopre la via della perfezione evangelica e fonda l'Ordine. Qui i frati si moltiplicano. Qui celebra i capitoli generali. Qui aveva accolto inizialmente Chiara e qui "Chiara fu fatta sposa di Cristo". Per questa casa di Maria, a preferenza delle altre che pure aveva riparato e frequentato, chiede l'indulgenza a Papa Onorio III. Esorta ardentemente i frati a non abbandonare mai questa "dimora mariana" (4). Inoltre, nell'anno ventesimo della sua conversione, chiese che lo portassero a Santa Maria della Porziuncola per rendere a Dio lo spirito della vita, là dove aveva ricevuto lo spirito della grazia. Da quanto scritto, risulta evidente che l'attaccamento di Francesco alla Porziuncola non era semplicemente attaccamento al luogo, quanto espressione del suo legame d'amore alla Vergine Santa.

Sulle orme mariane di Francesco

La proposta mariana di Massimiliano Kolbe affonda le radici e si identifica con questa esperienza mariana di Francesco. La riprende, la sperimenta, la sviluppa e la fa progredire. Portatosi alla culla del francescanesimo, Padre Kolbe scopre il ruolo, la missione e il volto dell'Immacolata. Intuisce che all'Ordine francescano è stato assegnato il carisma della rinascita di Cristo nei cristiani, per ricostruire la Chiesa sul Vangelo: è la continuazione nella storia della stessa missione di Maria. Si tratta, perciò, di un programma tutto mariano (5). È lo stesso fondatore dell'Ordine che, secondo san Massimiliano, occupa un posto particolare nei piani di Dio e della sua Madre: questo è il punto di partenza e di appoggio di tutta la geniale intuizione di Padre Kolbe. Infatti, scrive: "Vale la pena studiare a fondo le relazioni tra san Francesco e la Madre Santissima, l'Immacolata Concezione. Questo sarà il nostro punto di appoggio" (6). Padre Kolbe crede fermamente che per il Serafico Padre la vocazione, con quanto ne segue, è un dono singolare della Madonna. I suoi elementi essenziali – la povertà, la sofferenza, la gioia, la misericordia, l'amore al sacerdozio e alla Chiesa, Betlemme e il Calvario, il Crocifisso – li fece suoi assimilando Maria, alla quale rivolge preghiere e lodi irripetibili. Massimiliano Kolbe è convinto anche che san Francesco possedesse una conoscenza di Maria (forse solo mistica all'inizio) come Immacolata: "Incominciando dal Padre san Francesco e da san Bonaventura, la devozione all'Immacolata Concezione è stata una caratteristica particolare del nostro Ordine" (7 ). San Massimiliano fonda questa sua certezza sugli accenni alla Madonna del Serafico Padre: l'accento posto sulla unicità di Lei in riferimento a tutte le altre creature, la sua santità, la sua innocenza, la sua pienezza di grazia, la tutta bontà di Lei, il titolo di "Sposa dello Spirito Santo", di tabernacolo di Dio, di santuario dell'Altissimo, di sempre Vergine.  Scrive, infatti: "Il Padre san Francesco (...), mandando i primi frati alla conquista delle anime, insegnava loro una preghiera alla Madre Divina: "Ti saluto, Signora... eletta dal santissimo Padre del cielo, che ti consacrò con il santissimo e dilettissimo Figlio e con lo Spirito Santo Paraclito. In Te vi è e vi fu tutta la pienezza di grazia e ogni bene" [Fonti francescane, 259]. Era stato ancora lui, a Rovigo, (…) a celebrare l'Immacolata Concezione di Maria alla presenza di una gran folla di ascoltatori e nella stessa località proprio lui aveva raccolto offerte e costruito una chiesa dedicata alla Madre Divina, erigendovi pure in essa un altare alla Concezione della Santissima Vergine" (8). Nella sua intuizione carismatica, Padre Kolbe vede due fasi distinte e complementari nella storia dell'Ordine: sono come due momenti di un unico disegno che l'Immacolata affida all'Ordine francescano. "Fin dai primordi del nostro Ordine – scrive – per sette secoli l'aureo filo della causa dell'Immacolata si è evoluto incessantemente. Si è combattuto per il riconoscimento della verità dell'Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria. La lotta si è conclusa vittoriosamente. Tale verità è stata riconosciuta ovunque ed è stata proclamata dogma di fede. Ed ora? (...)" Ora, dunque, si apre la seconda pagina della nostra storia: vale a dire, seminare questa verità nei cuori di tutti coloro che vivono e vivranno sino alla fine dei tempi, e curarne l'incremento e i frutti di santificazione. "Introdurre l'Immacolata nei cuori degli uomini, affinché Ella innalzi in essi il trono del Figlio Suo, li conduca alla conoscenza di Lui e li infiammi d'amore verso il Suo Sacratissimo Cuore" (9). Ecco un abbozzo del vastissimo programma per incorporare nella vita l’ineffabile realtà dell'Immacolata. San Massimiliano Kolbe avvia questa seconda pagina della storia, fondando la "Milizia dell'Immacolata". La M.I. – come lui stesso scrive – ha dietro a sé non solo la tesi francescana ma anche il dogma dell'Immacolata con tutte le sue conseguenze teoriche e pratiche. Occorre, quindi, "realizzare lo scopo della M.I. e al più presto possibile, ossia conquistare all'Immacolata il mondo intero e ogni singola anima che vive ora o che vivrà sino alla fine del mondo e attraverso Lei al Sacratissimo Cuore di Gesù (...). Approfondire incessantemente nelle anime l'amore verso l'Immacolata, stringere il vincolo d'amore tra le anime e Lei, affinché esse divengano una cosa sola con Lei, Lei stessa, affinché Ella stessa viva e ami (agisca) in esse e attraverso esse. Come Ella è di Gesù, di Dio, così ogni anima, attraverso Lei e in Lei, diverrà di Gesù, di Dio, ossia in una maniera molto più perfetta che senza di Lei e non attraverso Lei, se poi ciò fosse possibile. Allora le anime ameranno il Sacratissimo Cuore di Gesù come mai fino a quel momento lo avevano amato, poiché come Lei si immergeranno, come non avevano fatto mai, nei misteri dell'amore: la Croce, l'Eucaristia. L'amore di Dio infiammerà, attraverso Lei, il mondo, lo brucerà e avverrà la "assunzione" delle anime mediante l'amore" (10).

Santa Scorese: nello stesso mistero d'amore


In questo "fuoco d'amore" maturato nell'unione con Maria, Padre Massimiliano ha vissuto, lavorato, sofferto e ha donato la vita come martire della carità. Nello stesso mistero d'amore, la giovane Santa Scorese (1968-1991) ha inserito la sua avventura di santità e ha tratto motivo e forza per la sua maturazione umana, di fede e per la completa donazione di sé. Ma lasciamo che sia lei stessa ad introdurci nella sua esperienza: "Parlare di me è quasi sempre difficile, perché per natura sono portata più ad ascoltare gli altri che a farmi ascoltare. Però, ora, dopo un cammino di fede già avviato, ho imparato a mettere in comune con gli altri quello che ho, anche le esperienze, perché sono "un dono". Ci sono stati grandi cambiamenti che hanno capovolto completamente il mio modo di fare, di vivere. Sono sempre stata cattolica, anche la mia famiglia lo è, però ho vissuto per parecchio tempo con una fede che non era qualcosa che mi dava certezze, che mi faceva vivere, ma era quasi una sensazione appena percepita sulla pelle, senza penetrare profondamente. (...) Ero insicura e vivevo come tanti che si professano cristiani perché vanno a Messa la domenica (e se possono scansare anche questa è meglio), ma non riuscivo proprio a cambiare eppure... sentivo che mi mancava qualcosa! È stato proprio in questo periodo che ho conosciuto le Missionarie dell'Immacolata - Padre Kolbe, e il mio primo atteggiamento nei loro confronti è stato di rifiuto. A guardarci adesso, però, devo proprio dire che da quel giorno è cambiato tutto. Ricordo che fui invitata ad una giornata di preghiera (11). (...) Avevo sentito parlare tante volte della Madonna, ma ora era diverso. Non era quella figura vestita d'azzurro, ferma lì nella mia bella chiesa, ma era la Madre a cui mi potevo rivolgere aprendole il mio cuore. Non avevo mai prestato attenzione alla frase del Vangelo: "Madre ecco tuo figlio, figlio ecco tua Madre", né sentito che in essa è racchiuso tutto il segreto della maternità dell'universo intero, era una rivelazione strana e nuova per me, però mi piaceva. Ho cominciato così a capire finalmente che cosa mancava in me: dei punti fermi, delle immagini a cui rifarmi, insomma un Ideale e un modello di donna e Maria mi sembrava proprio quello giusto. Ho cominciato allora a scoprire pian piano "i vari volti" di Maria da imitare (...). Scegliere Maria come modello da imitare per diventare santa è stata una mia scelta libera e allora mi sono resa conto che spetta solo a me rendermi disponibile perché faccia un bel lavoro" (12). "Da quando ho scelto la Madonna come modello, come compagna di viaggio verso Cristo, è diventato più facile mettermi in ascolto, essere più sensibile a ciò che Dio mi chiede, ma la fatica che ho compiuto per giungere a questo "momento" della mia vita spirituale è stata grande. (...) In effetti, sapevo che dovevo prima di tutto mettermi in ascolto se volevo davvero capire cosa Dio volesse da me, ma io avevo l'abilità di riuscire a far dire a Dio quello che io volevo. Così, con l'anima tranquilla perché sapevo di stare "compiendo la volontà del Signore", andavo puntualmente a sbattere contro risultati completamente diversi da quelli che avevo intuito, meglio programmato: i veri progetti di Dio. E lì cadevo nelle crisi più profonde, perché mi sembrava di avere sbagliato tutto. Mettermi in ascolto di Dio era difficile perché ormai tra me e Lui c'era un combattimento continuo ed io ero così cieca da volere averla vinta. (...) Ebbene, per poter far vincere Dio nel mio combattimento ho avuto una compagna: Maria. (...) Maria m'insegna ad essere in ascolto non solo quando mi accorgo che il Signore vuole parlarmi in modo forte, ma mi accompagna, anche nella quotidianità, nello studio, nell'aiutare mia madre, nel fare le cose più semplici. Lei ha servito il Signore, attimo per attimo, senza essere sulla cresta dell'onda e senza essere un'eroina, ma nell'umiltà e nel nascondimento ed io mi sto sforzando di imitarla in questo. (...) Se sono qui a dire queste cose è perché ho chi mi tiene per mano e sento che devo ringraziare Maria e il suo insegnamento, e mi piace farlo così: "Madre, ti ringrazio per la tua disponibilità, perché mi insegni ad ascoltare e perché mi dici che l'ascolto è già preghiera. Sono solo all'inizio del cammino, ma ho piena fiducia nella tua presenza. Perché tu sai ascoltare Dio, ascolti anche me. Aiutami a saper convivere con la Parola, a custodirla e a farne vita, fino a farmi io stessa Parola in Cristo, viva, per identificarmi con Lui. Guidami nell'ascolto e quando non capisco, insegnami a tacere, sapendo che la Parola di Gesù ha un valore anche nel mistero. Che io abbia gli orecchi tesi, ma che abbia soprattutto un cuore aperto, pronto e disponibile ad accogliere e ad apprendere gli insegnamenti del tuo Figlio, stando tra la folla, nell'anonimato. Insegnami a sapere ascoltare, a saper vivere perché, là dove mi trovo, possa essere il cuore pulsante di Cristo, che continua, giorno dopo giorno a morire e a risorgere per il mondo" (13).

Una vita intensa

Ma, chi è questa ragazza? Perché interessarci di lei? Santa Scorese è una giovane della quale la Chiesa si sta interessando per verificare e confermare il "cammino di santità". Questa Serva di Dio, di cui è in corso il processo canonico per la beatificazione, è per tutti noi, discepoli del Kolbe, una conferma ulteriore della forza che promana dalla Vergine, Madre di Dio e nostra, capace di formare dei santi anche in questo terzo difficile millennio. Santa Scorese: questi pochi frammenti raccolgono la sua breve ma intensa vita. Breve, perché è stata uccisa a soli 23 anni. Ferita a morte (il 15 marzo 1991), mentre tornava dalla sua parrocchia, da un giovane maniaco che da tempo la perseguitava. Una vita intensa: la famiglia, gli amici, il Liceo classico, la Facoltà di Pedagogia. Azione Cattolica. Volontariato nella Croce Rossa. Coro del Movimento dei Focolari. E poi... vita "in Maria", sulle orme di san Massimiliano Kolbe: formazione mariana nello studio e nella preghiera, evangelizzazione, visita agli anziani soli, aiuto alle famiglie in difficoltà, catechismo, ricerca vocazionale per rispondere all'invito di Gesù: "Tu, vieni e seguimi!", che sempre più sentiva vivo in sé e, infine, morte improvvisa nel segno del martirio.

--------------------------------------------------------------------------------

Note:
1. Francesco scelse per sua "dimora" la casa di Maria, Santa Maria degli Angeli (cfr. Fonti Francescane, 355).
2. Fonti Francescane, 1553.
3. Vedi la voce Porziuncola nell'Indice "Nomi di luogo" delle Fonti Francescane.
4. Francesco, si racconta nella "Vita prima" del Celano, "sapeva certamente che il regno di Dio è in ogni parte della terra e credeva veramente che ovunque i fedeli possono ricevere i suoi doni; ma l'esperienza gli aveva insegnato che quel luogo che conteneva la chiesetta di Santa Maria della Porziuncola era favorito e onorato da grazie celesti più abbondanti. (...) Pertanto diceva spesso: "Guardatevi, figli miei dal non abbandonare mai questo luogo"" (FF 503, corsivo nostro).
5. Cfr. P.Severino Ragazzini, San Massimiliano Kolbe. Vita, spiritualità e martirio. Edizioni dell'Immacolata, Bologna 1999, p. 315-316. Cfr. SK 991 R; 485.
6. Cfr. SK 523.
7. SK 21.
8. SK 1081.
9. SK 486.
10. SK 991 Q.
11. Santa comincia nel 1983 a partecipare fedelmente agli incontri promossi dalle "Missionarie dell'Immacolata-Padre Kolbe", nei loro Centri.
12. Cfr. Santa Scorese, L'attirerò a me. Scritti spirituali di una Serva di Dio, Edizioni San Martino, Bari 2000, pp. 259-261. Testimonianza fatta da Santa durante una celebrazione mariana organizzata dalle Missionarie dell'Immacolata nel maggio 1987, a Bari.
13. Ib., pp. 265-266. Condivisione della sua esperienza mariana, fatta nel contesto di un incontro con le Missionarie dell'Immacolata a Bari, nel 1989.
 

Inserito Venerdi 25 Dicembre 2009, alle ore 22:11:45 da latheotokos
 
Links Correlati
· Cerca ancora Santi
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Santi:
Giovanni Paolo II: Totus tuus: A Cristo attraverso Maria

 
Sondaggio
Punteggio medio: 5
Voti: 1


Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 
Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 
Altri articoli correlati

Santi

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi