PORTALE DI MARIOLOGIA - La festa della Natività della Madre di Dio nella tradizione bizantina
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
  Le parole di Maria a Medjugorje
  Maria come amica
  Maria. La Madre del Cristo
  Nella chiesa di Maria. Saggio di Ecclesiologia e Mariologia
  Tutta bella. Contemplare il volto di Maria attraverso l'arte
  Con Maria. Un itinerario biblico
  Vergine della gioia e della tenerezza
  Donna è gentil nel ciel… Maria in Dante
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


Pregare con Maria nella vita


 La maternità divina di Maria, fonte di ispirazione per un'etica del dono


La “Concezione di Maria" nelle fonti liturgiche delle Chiese Orientali


Il Santo Rosario alla Beata Vergine Maria


Significato di Maria per il nostro tempo


Maria, la Madre della gioia


La povertà di Maria: amore di identità con i poveri


Significati dell'Assunzione di Maria al cielo


L'orientamento pedagogico in alcuni canti mariani tra Settecento e Novecento


Maria, speranza nostra


La beata María Romero Meneses, testimone della filialità mariana


Totus tuus: Maria e Giovanni Paolo II


Mariologia breve, secondo S. Bonaventura da Bagnoreggio


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 542
 Contatore visite 

Dal 1999
free counter

 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 191
Iscritti: 0
Totale: 191
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  La festa della Natività della Madre di Dio nella tradizione bizantina 
Ortodossi"Oggi è stata generata la porta che guarda a Oriente". Un articolo di  Manuel Nin  sul L'Osservatore Romano del 7-8- settembre 2009



L'anno liturgico nella tradizione bizantina inizia il 1° settembre, quando un tempo in Oriente iniziava anche l'anno civile, e la prima delle grandi feste è la Natività della Madre di Dio, così come l'ultima è quella della sua Dormizione. Di origine gerosolimitana, la festa - che si protrae fino al 12 settembre - è legata alla dedicazione di una chiesa nel luogo ritenuto casa di Gioacchino e Anna, genitori di Maria, e viene introdotta a Costantinopoli nel vi secolo e a Roma alla fine del secolo successivo.
Il 7 una prefesta annuncia la gioia che la Natività di Maria porta al mondo, perché la Vergine diventa la porta da cui entra il Signore. La celebrazione ha uno sfondo di personaggi e temi presi dal Protovangelo di Giacomo, con la narrazione della storia di Gioacchino e Anna - entrambi anziani e lei sterile - che accolgono nello stupore e nella meraviglia la benedizione di Dio nella nascita della loro figlia.
L'ufficiatura con la parola "oggi" sottolinea l'attualità salvifica del mistero che celebra la liturgia, che non evoca fatti passati, avvenuti una volta e soltanto ricordati, ma li fa presenti in modo vivo e reale nella vita della Chiesa e di ciascuno dei cristiani. Il vespro prevede tre letture dell'Antico Testamento:  la scala vista in sogno da Giacobbe (Genesi, 28, 10-17); la porta chiusa attraverso la quale passerà soltanto il Signore (Ezechiele, 43-44); la Sapienza che si costruisce una casa (Proverbi, 9, 1-11).

Il testo della profezia di Ezechiele scandisce diversi tropari che lo cantano in chiave cristologica:  "Il libro del Verbo della vita è uscito dal grembo; la porta che guarda a oriente è stata generata e attende l'ingresso del sommo sacerdote"; "unica porta dell'unigenito Figlio di Dio, che attraversandola l'ha custodita chiusa"; "oggi le porte sterili si aprono e ne esce la divina porta verginale"; "il profeta ha chiamato la Santa Vergine porta invalicabile, custodita per il solo Dio nostro:  per essa è passato il Signore, da essa procede l'Altissimo e la lascia sigillata".

Ed ecco le figure di madre e figlia, Anna e Maria:  la sterile genera colei che genererà l'autore della vita "perché da sterile radice ha fatto germogliare per noi, come pianta portatrice di vita, la Madre sua"; "oggi le porte sterili si aprono e ne esce la divina porta verginale. Oggi la grazia comincia a dare i suoi frutti, manifestando al mondo la Madre di Dio, per la quale le cose terrestri si uniscono a quelle celesti, a salvezza delle anime nostre".
I testi innografici sottolineano il parallelo tra colei che era sterile e colei che genera la vita:  da una donna sterile il Signore fa nascere la Vergine. Uno dei tropari del mattutino, inoltre, a partire dal libro dei Numeri (17, 23, con la verga di Aronne fiorita), introduce il tema dell'albero della croce nella vita della Chiesa:  "Una verga è assunta come figura del mistero perché, con la sua fioritura, essa designa il sacerdote:  e per la Chiesa, un tempo sterile, è fiorito ora l'albero della croce come forza e sostegno".
I testi mettono in rilievo la centralità di Maria nel mistero della salvezza adoperato da Cristo:  "La regina, l'immacolata sposa del Padre"; "lo strumento verginale, il talamo regale nel quale è stato portato a compimento lo straordinario mistero della ineffabile unione delle nature che si congiungono in Cristo". Ancora, a partire dalla lettura di Isaia (6, 6), Maria viene invocata come "incensiere d'oro del divino carbone ardente" che "colma di fragranza il mio cuore". Nelle tradizioni liturgiche orientali i santi misteri del Corpo e del Sangue di Cristo vengono chiamati "brace divina", carbone ardente che purifica le labbra e il cuore dell'uomo.
L'icona della festa riprende con molte somiglianze quelle della nascita del Battista e di Cristo. Nella parte centrale Anna è sdraiata sul letto, dopo aver partorito Maria, nella stessa posizione di Elisabetta e di Maria. La vecchiaia di Elisabetta, la sterilità di Anna, la verginità di Maria, donne simbolo della Chiesa diventata feconda per mezzo del battesimo. E in tutte e tre le icone il neonato viene lavato in un catino, con simbologia chiaramente battesimale. La celebrazione della Natività della Madre di Dio porta così la gioia a tutte le Chiese, perché da essa nascerà colui che, per mezzo della croce e della risurrezione, è la vita e la salvezza degli uomini.


Inserito Venerdi 1 Gennaio 2010, alle ore 21:28:48 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Ortodossi
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Ortodossi:
Le icone della Madre di Dio

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Ortodossi

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.19 Secondi