PORTALE DI MARIOLOGIA - Perchè ti amo, o Maria
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  La Vergine del silenzio
  Catechesi bibliche sui misteri del Rosario
  La Madonna che scioglie i nodi
  Uno sguardo a Maria. I molteplici aspetti del mistero mariano
  L'Annunciazione a Maria nell'arte d'Oriente e d'Occidente
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

La Vergine Maria nel Concilio Vaticano II


La Theotokos Achiropita di Rossano


Maria, Icona della Chiesa pellegrina


La marianità del Carmelo


La contemplazione nel cuore di Maria per la missione


Maria al servizio della creazione e della vita


I giovani e Maria nella cultura contemporanea


Maria e l'Eucaristia


Con Maria aspettiamo la Pentecoste


La pietà popolare, i giovani e Maria


Il Mese di Maggio in Vaticano e nel mondo


Preghiera e contemplazione con Maria


Maria e i tempi dell'attesa nell'iconografia


Maria nella musica del Novecento Europeo 1


Maria nella musica del Novecento Europeo 2


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 776
 Contatore visite 
DAL 1999

web counter 
 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 89
Iscritti: 0
Totale: 89
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Perchè ti amo, o Maria 
Santi

La Vergine nella vita di Santa Teresa del Bambino Gesù in un articolo di Mario Scudu, SDB su Maria Ausliatrice 2005



19 ottobre 1997. Giovanni Paolo II dichiara Santa Teresa di Gesù Bambino Dottore della Chiesa. La neo laureata è la terza donna, dopo santa Teresa d’Avila e santa Caterina da Siena, ad essere insignita di tale titolo. Questo significa che non solo la sua vita è degna di essere imitata dai fedeli (infatti è santa) ma anche i suoi insegnamenti e scritti sono riconosciuti dalla Chiesa come sicuro e valido nutrimento spirituale per tutti nel proprio itinerario a Dio.

Ogni santo e santa della Chiesa (e quindi anche santa Teresa di Gesù Bambino) ha vissuto l’unico Vangelo in modo originale, sotto la guida ispiratrice del medesimo Spirito. Lo stesso possiamo dire del loro rapporto spirituale con Maria. Non c’è santità autentica senza una devozione a Maria, la madre di Gesù, il Salvatore di tutti i credenti.

Paolo VI ha affermato il 24 aprile 1970 nel santuario della Madonna di Bonaria, a Cagliari: «Se vogliamo essere cristiani dobbiamo essere mariani». La neo dottore della Chiesa, Teresa, non fa eccezione. Anch’ella ha vissuto e anche descritto il suo rapporto filiale e devoto con la Madonna.

Il sorriso di Maria su Teresa

Maggio 1897. La parabola terrena di Teresa volge ormai al termine. Ancora pochi mesi (morirà il 30 settembre) e volerà incontro al suo Sposo tanto amato, Gesù. Forse presagendo la prossima fine, affida ad una composizione poetica dal titolo «Perché ti amo, o Maria», il proprio testamento mariano. In questa lunga poesia di 200 versi troviamo una vera sintesi della spiritualità mariana di Teresa. Maria è per lei non tanto la regina, potente ma inaccessibile, gloriosa ma lontana da risultare quasi estranea, ma è soprattutto una Madre, la Madre di Gesù. La maternità divina è il titolo più grande e importante della Madonna. La Maria di Teresa è quella che viene fuori dai vangeli «mortale e sofferente» come noi, vicina ai suoi figli anche «deboli e peccatori», capace di «tacere e di nascondersi» umile donna tra le donne di Nazaret. Una Maria capace di «gioire e di piangere», tutta occhi e sollecitudine materna come a Cana, che si mescola alla povera gente che va ad ascoltare suo Figlio, senza reclamare il privilegio della prima fila. Una madre coraggiosa e fedele nel proprio amore e dedizione alla causa del Figlio, fino a seguirlo ai piedi della croce. Nel proprio dolore condivideva il suo dolore. Una madre molto terrena quindi, vicina a noi nella vita di ogni giorno. Una madre premurosa non una regina solenne, una sorella più che una sovrana. Una come noi, ma nello stesso tempo ben più di noi: da amare più che da ammirare. Da imitare e seguire nella nostra vita, non solo da esaltare nelle celebrazioni e processioni.
Questa è la Maria di Nazaret che Teresa trova nei Vangeli. Ella l’ha sentita vicina tutta la vita, cominciando dal primo «sorriso» che ricevette dalla Madonna, nel 1883, quando era ancora bambina e malata. Si ritrovò guarita. Maria le è stata vicina tutta la vita ma particolarmente nella «notte oscura» che dovette attraversare e nella malattia finale.

«Bisognerebbe dire che Maria viveva di fede come noi»

Il Concilio Vaticano II raccomanda di evitare due eccessi parlando della Madonna. I teologi e i predicatori devono astenersi «da false esagerazioni e dall’eccessiva ristrettezza di spirito» (LG 67). Anche Teresa fece un rimprovero ai predicatori del suo tempo (solo del suo?). Ella affermava che tutte le prediche ascoltate l’avevano lasciata fredda, perché la Madonna così presentata non la sentiva vicina alla propria vita. Scrisse infatti: «Perché una predica sulla Vergine dia frutto, è necessario mostrare la sua vita reale, così come il Vangelo ce la fa intravvedere e non la sua supposta vita. Si capisce subito che la sua vita reale, a Nazaret, e anche più tardi, dovette essere totalmente ordinaria... bisognerebbe dire che essa viveva di fede come noi e portare le prove tolte dal Vangelo...».
Teresa è certa inoltre che non si amerà mai abbastanza la Madonna. Scrivendo alla cugina Maria Guerin, un po’ scrupolosa, le dice: «Non temere di amare troppo la Madonna: non l’amerai mai abbastanza, e Gesù ne sarebbe molto contento perché la Madonna è sua madre». Questa affermazione è in sintonia con quanto affermava il santo Louis Grignion de Monfort. Questo grande teologo mariano diceva ai «devoti scrupolosi» che temevano di dispiacere a Gesù amando troppo la Madonna: non si ama mai abbastanza Maria perché per Lei, in Lei e con Lei si ama Gesù.
Talvolta si è pensato o si pensa a Teresa di Gesù Bambino e alla sua dottrina in termini di
«infantilismo spirituale», di cose da e per bambini. Si diceva che la sua «piccola via» o «via dell’infanzia spirituale» (definizione quest’ultima data dalla sorella Pauline) non avessero radici o fondazioni sicure né bibliche né teologiche.

Una dottrina mariana biblica, cristologica ed esistenziale


La realtà è molto diversa. Santa Teresa era innamorata della Scrittura. Nei suoi scritti si trovano più di 1000 citazioni bibliche, sia dell’Antico Testamento sia del Nuovo. Teresa portava giorno e notte il santo Vangelo sul cuore. Questo per lei era un segno del suo amore a Gesù. Ed è proprio sul Vangelo che lei basa la propria conoscenza, devozione e imitazione di Maria. Nel rimprovero ai predicatori già citato, affermava che devono rifarsi, nella loro predicazione, ai Vangeli e ai passi che la riguardano direttamente. Le prove su Maria devono essere tolte da quelle fonti. È qui che troviamo Maria nella sua semplicità, piccolezza, povertà quotidiana. Una Maria insomma «piccola e semplice» e per questo imitabile da tutti.

Fortemente cristologica è inoltre la sua dottrina mariana. Teresa è sempre stata guidata e «nutrita» dalla certezza che Gesù l’ha continuamente amata e personalmente. Affermava che la sua missione in terra e in cielo era di «amare Gesù e di farlo amare». Per Teresa Gesù era sempre al centro della sua vita, delle sue aspirazioni, del suo amore. Maria era vista sempre in rapporto con Lui (tutta relativa a Lui), in quanto sua madre e in quanto è modello di amore e dedizione suprema a Cristo.

C’è un terzo aspetto della «dottrina mariana» di Teresa. Potremmo chiamarla esistenziale. Alcuni aspetti sono già stati posti in risalto. Teresa contempla la vita di Maria nella sua ordinarietà, fatta di piccole cose quotidiane, faccende familiari e sociali da sbrigare. Pensiamo a tutto quello che una mamma deve fare al e per il suo bambino, e che Maria ha fatto per il bambino Gesù. I Vangeli non dicono che Maria nella sua vita terrena abbia fatto miracoli o azioni eclatanti, grandiose o sensazionali. Ha fatto invece della propria vita quotidiana, feriale, lo strumento e il «materiale» per la propria santificazione. Alla base di tutto c’era l’amore totale a Dio e l’abbandono nelle sue mani, nei momenti di luce e nell’oscurità della fede.

Teresa ha effettivamente assimilato questo esistere quotidiano (il «terribile quotidiano» come qualche volta si dice), nell’amore a Gesù, suo sposo e a Maria, sua madre. Teresa è vissuta nel proprio convento nel nascondimento, nel silenzio, nel compiere gli uffici e le incombenze più umili: tutto fatto con un amore grande e ordinariamente straordinario. Ha vissuto la propria esistenza quotidiana o ferialità non con pena e fatica ma con grande dedizione a Dio e al prossimo. Tutto per amore di Gesù e nel ricordo e nella imitazione di Maria.
Ecco la sua santità e il suo messaggio per noi.
 

Inserito Martedi 6 Luglio 2010, alle ore 12:31:06 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Santi
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Santi:
Giovanni Paolo II: Totus tuus: A Cristo attraverso Maria

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Santi

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.16 Secondi