PORTALE DI MARIOLOGIA - Perchè celebrare Maria
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  La Vergine del silenzio
  Catechesi bibliche sui misteri del Rosario
  La Madonna che scioglie i nodi
  Uno sguardo a Maria. I molteplici aspetti del mistero mariano
  L'Annunciazione a Maria nell'arte d'Oriente e d'Occidente
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

La Vergine Maria nel Concilio Vaticano II


La Theotokos Achiropita di Rossano


Maria, Icona della Chiesa pellegrina


La marianità del Carmelo


La contemplazione nel cuore di Maria per la missione


Maria al servizio della creazione e della vita


I giovani e Maria nella cultura contemporanea


Maria e l'Eucaristia


Con Maria aspettiamo la Pentecoste


La pietà popolare, i giovani e Maria


Il Mese di Maggio in Vaticano e nel mondo


Preghiera e contemplazione con Maria


Maria e i tempi dell'attesa nell'iconografia


Maria nella musica del Novecento Europeo 1


Maria nella musica del Novecento Europeo 2


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 770
 Contatore visite 
DAL 1999

web counter 
 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 349
Iscritti: 0
Totale: 349
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Perchè celebrare Maria 
Culto

Di Ermanno Maria Toniolo, dal libro AA.VV., Come celebrare Maria. Principi e proposte, Centro di Cultura Mariana "Madre della Chiesa", Roma 1981, pp. 9-12.




Perché celebrare Maria? Potremmo rispondere, compendiando tutto in una sola frase: « Perché Dio lo vuole ». Se infatti l'uomo, come insegna Giovanni Paolo II, è la strada della Chiesa, Maria  - potremmo dire noi - è la strada di Dio, de] suo eterno disegno ancora in atto fino alla fine dei tempi: è il nodo di tutte le strade che vengono da Dio e portano a Dio. Ciò vale tanto per la professione di fede, quanto per l'espressione del culto. Insegna il Concilio: « Ogni salutare influsso della beata Vergine verso gli uomini non nasce da una necessità obbiettiva, ma dal beneplacito di Dio e sgorga dalla sovrabbondanza dei meriti di Cristo (LG 60). E altrove afferma: « Mentre la Chiesa ha già raggiunto nella beatissimo Vergine la perfezione, con la quale è senza macchia e senza ruga, i fedeli si sforzano ancora di crescere nella santità debellando il peccato; e per questo innalzano gli occhi a Maria, la quale rifulge come modello di virtù a tutta la comunità degli eletti. La Chiesa, pensando a lei con pietà e contemplandola alla luce del Verbo fatto uomo, con venerazione penetra più profondamente nel mistero supremo dell'incarnazione e si va ognor più conformando col suo Sposo. Maria infatti, la quale, per la sua intima partecipazione alla storia della salvezza, riunisce in qualche modo e riverbera in se i massimi dati della tede, mentre viene predicata e onorata, chiama i credenti al Figlio suo, al suo sacrificio e all'amore del Padre » (LG 65).

Qui abbiamo, in breve, gli elementi costitutivi che riguardano la figura di Maria, la sua funzione e il culto che la Chiesa le rende.
1. Dio l'ha voluta per se e per noi, l'ha data a se stesso e l'ha data a noi, afferma Paolo VI nella Marialis Cultus, sulla linea del Concilio (MC 56). Il posto che Maria ha nella fede e nel culto non è invenzione della Chiesa: è scoperta lenta e stupenda del progetto del Padre su di lei e su di noi. E' opera dello Spirito Santo, che guida la Chiesa verso la pienezza della verità e della vita. Per questo, il più delle volte, il sensus Ecclesiae, il sensus fidelium, occupano, nella dottrina e nel culto, il primo posto storico: ne sono come la prima radice, che germinerà poi in definizione precisa di fede e in più attenta e completa espressione di culto, nella Liturgia.
2. Maria, per esprimerci con parole diventate ormai comuni tra cattolici ed anche tra alcuni protestanti, come i Fratelli di Taizé, è l'elemento rivelatore della vera dottrina: « Compendia e riverbera - dice il Concilio - i massimi dati della fede » (LG 65). Rivela infatti Dio: il suo amore misericordioso, il suo piano storico-escatologico di salvezza. Rivela Cristo nel suo essere, nel suo agire, nel suo sovrabbondante influsso di grazia sulla Chiesa e sull'umanità: Maria è immersa, per così dire, nel mistero di Cristo, da cui attinge la sua pienezza, di cui esprime le componenti più alte e la forza operante. Rivela l'uomo nel suo stato di natura e nella sua vocazione di grazia, nel suo posto voluto dal Padre di partecipe della salvezza universale e di costruttore pacifico e solerte della città terrena, di discepolo fedele di Cristo (MC 37). Rivela la Chiesa: ciò che è, ciò che sarà; ciò che deve fare e come lo deve compiere: Maria non è solo la realizzazione della Chiesa, che in lei ha raggiunto la perfezione ontologica ed escatologica: ne è lo specchio vivente, l'immagine conduttrice, il segno certo della speranza.

Perché allora celebrare Maria? Perché celebrandola ci immergiamo con lei e attraverso di lei nella salvezza, ci identifichiamo con Cristo Sacerdote e Vittima, comprendiamo e viviamo l'amore del Padre. Dice il Concilio: « Mentre viene predicata e onorata, (Maria) chiama i credenti al Figlio suo, al suo sacrificio Padre » ( LG 65 ).

Se infatti « celebrare » vuoi dire non solo prendere coscienza, ma più ancora attualizzare la salvezza, calarla nel vissuto personale e comunitario, nel tempo e nello spazio, per poi conseguenzialmente esprimerla nella vita, celebrare Maria vuoi dire immergerci con lei, quasi portati per mano dalla Madre, nel flusso traboccante dei meriti di Cristo: diventa per tutti « via a Cristo: per Mariam ad Iesum ».

Vuol dire ancora attualizzare in forma quasi sensibile quel soave rapporto che il Padre ha voluto tra lei e noi, che Cristo ha autorevolmente confermato dall'alto della Croce: il legame indissolubile che ci fa suoi figli e la fa nostra madre: perché resterà sempre vero che « la maternità di Maria nell'economia della grazia perdura senza soste dal momento del consenso fedelmente prestato nella Annunciazione e mantenuto senza esitazioni sotto la Croce, fino al perpetuo coronamento di tutti gli eletti. Infatti assunta in cielo, non ha deposto questa funzione di salvezza, ma con la sua molteplice intercessione continua ad ottenerci le grazie della salvezza eterna. Con la sua materna carità si prende cura dei fratelli del Figlio suo ancora peregrinanti e posti in mezzo a pericoli ed affanni, fino a che non siano condotti nella patria beata » (LG 62).

La sua è dunque una presenza soprannaturalmente operante, continua, efficace, che ha lo scopo unico di riprodurre nei figli i lineamenti del Figlio primogenito ( MC 57). La Chiesa lo sa e lo sperimenta continuamente: per questo « raccomanda il culto di Maria all'amore dei fedeli, perché sostenuti da questo materno aiuto, siano più intimamente congiunti col Mediatore e Salvatore » (LG 62). « Non si è cristiani, se non si è mariani », affermò Paolo VI: e con tali parole volle sottolineare la funzione intrinseca di Maria nel dogma e nel culto, come più volte viene ripetuto dalla Esortazione apostolica Marialis Cultus.

Celebrare Maria significa dunque celebrare in lei e con lei il mistero di Cristo, il culto cristiano; è vivere più intensamente la propria immersione battesimale in Cristo e la propria solidarietà d'amore coi fratelli; è capire la vita ed impegnarci fattivamente ad essere nel mondo i testimoni della risurrezione e del Regno, gli artefici della giustizia e della pace. E', in sostanza, capire e vivere la propria vocazione cristiana.

Purché si celebri Maria « come si deve »: cioè, come vuole la Chiesa, illuminata e guidata dallo Spirito Santo; come vuole Cristo, come vuole il Padre.

 

Inserito Lunedi 18 Ottobre 2010, alle ore 13:08:47 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Culto
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Culto:
Solennità, Feste e Memorie della B. Vergine Maria

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Culto

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.40 Secondi