PORTALE DI MARIOLOGIA - Maria nella storia rumena
 PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO 
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 
Enciclopedie










 
Inserti Speciali



























 
Nuovi in Biblioteca
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
 
Pensieri
Nuova pagina 1


 

 
Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

Maria, la credente al servizio della fraternità


Maria, Donna veramente libera e credente


Avvocata delle donne, secondo Auguste Nicolas


L’immagine della Madre di Dio detta ‘Gioia degli Afflitti’


Maria, memoria eucaristica della Chiesa


Come Maria, davanti all'imprevisto e all'effimero


L'immagine mistagogica di Maria nella spiritualità orientale


Maria Maestra di nuovi valori


Il culto al Cuore Immacolato di Maria: riflessioni teologiche


Messaggio di Fatima: attualità e incidenze


Maria e la sensibilità contemporanea


Il Rosario: una preghiera per più occasioni


«Il mio Cuore Immacolato trionferà»: alcune riflessioni


Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


 
Immagini
 
Sondaggio
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 563
 
Contatore visite

Dal 1999
free counter

 
F.A.Q.

 
Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 155
Iscritti: 0
Totale: 155
 
Orario

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
 
Maria nella storia rumena
Società

Un articolo di P. Stefano Connoter ocd, in La Madonna della Neve, n. 3 - marzo 2011, pp.6-7.



In uno dei suoi libri Giovanni Paolo II scriveva che un buon modo per cogliere la cultura e l'anima profonda di un popolo era la visita ai suoi santuari mariani. In quei luoghi si sedimenta la storia e si esprimono i valori più profondi e più nobili di una regione. Mi aveva colpito questo fatto, anche perché ho potuto vivere per quattro anni accanto al Santuario delle Madonna delle Laste di Trento dove la storia della mia regione e della mia stessa famiglia si intreccia con la presenza di Maria.
Venuto in Romania mi è sembrato naturale seguire anch'io questo "metodo" per conoscere non solo la lingua ma anche la cultura e la storia del popolo rumeno. Ero deciso quindi ad andare prima o poi a Cacica, nel nord della Romania, dove si trova il più importante santuario mariano della nazione.
In novembre mi trovavo a Iasi, appunto al nord, per studiare la lingua. Sarebbe stata una bella occasione, ma ero ancora abbastanza lontano e non avevo a disposizione molto tempo.

L'Immacolata di Cacica

Ed ecco la sorpresa: posso dire che Maria mi è venuta incontro! Almeno così io ho letto il fatto che l'icona delle Vergine Immacolata, venerata a Cacica, sia stata trasportata solennemente alla cattedrale di Iasi la prima domenica di Avvento. Senza sapere niente, quel giorno sono andato proprio alla messa di accoglienza dell'icona, che è poi rimasta una settimana per solenizzare l'inizio dell'anno della famiglia celebrato dalla diocesi di Iasi. Nella cerimonia di accoglienza il vescovo ha ricevuto l'icona della Vergine portata dai padri francescani alla porta della cattedrale. In quel momento è stato letto il vangelo della visitazione di Maria a Elisabetta: "A che debbo che la madre del mio Signore venga a me?" (Lc 1,43) Anch'io mi sentivo un po' visitato, un po' preceduto da Maria, un po' introdotto nel paese dove lei è tanto amata e venerata con il titolo di Vergine Purissima (Preacurata Fecioara).
Poi in gennaio sono andato a Timisoara per perfezionare lo studio del rumeno. Ero ospite di padre Zsolt, di origine ungherese. Con lui un giorno sono andato a visitare la basilica di Maria Radna, un'altro importante santuario mariano rumeno.

La stampa di Bassano

Qui si scopre come la devozione a Maria diventa luogo di incontro di popoli diversi. Fino alla prima guerra mondiale questa terra apparteneva all'Impero Austro-ungarico, per cui oltre al rumeno si parla ungherese e tedesco, ma anche serbo e bulgaro. L'immagine della Vergine Maria venerata a Radna rappresenta la Madonna del Carmine: è una stampa donata nel 1668 da Giorgio di Bosnia. La riproduzione sacra è stata però impressa in Italia da una stamperia di Bassano del Grappa. Essa riproduce la figura classica della Madonna del Carmine che si rifà al modello della Madonna Bruna di Napoli. L'immagine appare però speculare rispetto alla "Bruna", cioè con il bambino alla sua sinistra, probabilmente perché la lastra è stata incisa come l'originale e girandola per la stampa l'immagine si è rovesciata.

Tenerezza carmelitana



Come la"Bruna" si tratta di una Madonna della tenerezza dove il bambino tiene una mano sotto il mento di Maria. Nel settembre del 1695 la chiesa, incendiata dai turchi, è bruciata fino alle fondamenta. Solo la stampa che raffigura la Madonna è rimasta intatta. A partire da questo fatto miracoloso hanno iniziato ad affluire numerosi pellegrini.
Si potrà un giorno raccontare una storia simile dell'immagine della Madonna del Carmine che è venerata qui nella nostra cappella del monastero di Ciofliceni in Romania? Speriamo di sì, possibilmente senza che il convento venga incendiato! Il posto che mi è stato assegnato in cappella è proprio di fronte a questa immagine sacra. Quando vado a pregare mi sembra che Maria guardi proprio verso di me e che Gesù Bambino con la sua mano sotto il mento della Vergine dica ancora: Donna ecco tuo figlio".
A lei quindi affido la nostra missione e la costruzione della chiesa che ancora manca al nostro convento di Ciofliceni, assieme alla costruzione di un popolo carmelitano, capace di accogliere la grande sfida della nuova evangelizzazione, di cui anche la terra rumena ha tanta sete.

 

Inserito Martedi 12 Aprile 2011, alle ore 12:22:20 da latheotokos
 
Links Correlati
· Cerca ancora Società
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Società:
Maria e la consolazione degli afflitti

 
Sondaggio
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 
Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 
Altri articoli correlati

Società

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi