PORTALE DI MARIOLOGIA - Cana di Galilea, le fatidiche nozze e il primo miracolo
 PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO 
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 
Enciclopedie










 
Inserti Speciali



























 
Nuovi in Biblioteca
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
 
Pensieri
Nuova pagina 1


 

 
Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

Maria, la credente al servizio della fraternità


Maria, Donna veramente libera e credente


Avvocata delle donne, secondo Auguste Nicolas


L’immagine della Madre di Dio detta ‘Gioia degli Afflitti’


Maria, memoria eucaristica della Chiesa


Come Maria, davanti all'imprevisto e all'effimero


L'immagine mistagogica di Maria nella spiritualità orientale


Maria Maestra di nuovi valori


Il culto al Cuore Immacolato di Maria: riflessioni teologiche


Messaggio di Fatima: attualità e incidenze


Maria e la sensibilità contemporanea


Il Rosario: una preghiera per più occasioni


«Il mio Cuore Immacolato trionferà»: alcune riflessioni


Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


 
Immagini
 
Sondaggio
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 562
 
Contatore visite

Dal 1999
free counter

 
F.A.Q.

 
Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 28
Iscritti: 0
Totale: 28
 
Orario

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
 
Cana di Galilea, le fatidiche nozze e il primo miracolo
StoriaDal libro di Dalla Libera Vittore, Maria nella sua terra, Edizioni Paoline, Cinisello Balsamo 1986, pp. 202-205



1. Cana di Galilea

La città di Cana di Galilea non era villaggio come Nazaret, dove gli abitanti vivevano ancora nelle case-grotte addossate alla collina, ma era una città vera e propria, con case costruite in pietra. Il nome stesso, con il suo specifico appellativo di "Kafr", che vuoi dire appunto "pietra", cioè città costruite in pietra, lo lascia intendere chiaramente. Anche oggi si chiama " Kafr Kann ", e sorge sullo stesso sito dell'antica città evangelica. La differenza sta solo nel fatto che ora i suoi abitanti non sono più ebrei, ma arabi: sono circa 8.000, in maggioranza musulmani. I cristiani sono circa 1.200, divisi in tre comunità: greco-ortodossi, cattolici melkiti e latini. Qui c'è anche una scuola cattolica dell'associazione nazionale per soccorrere i missionari italiani all'estero, gestita dalle suore Francescane del Cuore Immacolato di Maria, meglio conosciute con l'appellativo di "Suore Missionarie d'Egitto".
Al centro della via principale della cittadina, sorge la chiesa francescana detta del " Miracolo delle nozze", probabilmente nell'area dove c'era la casa dei fortunati sposi ricordati nel Vangelo: si deduce da un'antichissima tradizione e da alcuni reperti archeologici del periodo giudeo-cristiano e bizantino.

2. Le fatidiche nozze

Alla nostra mentalità occidentale riesce difficile comprendere l'ambiente e lo svolgimento del convito nuziale di Cana, di cui parla l'evangelista Giovanni, perché il fatto è accaduto in Oriente e non in Occidente, e non oggi, ma circa venti secoli fa. Veramente in quell'ambiente anche ai nostri giorni, si possono vedere simili conviti che ricalcano usi e costumi millenari. Più volte ho avuto l'occasione di parteciparvi. Ma per spiegarlo, devo scendere a particolari.
Innanzitutto bisogna tener presente che si tratta di un banchetto festoso, compendio e anche epilogo di un rito nuziale religioso, effettuato già un anno prima, diciamo un anno lunare e non solare. Dopo il festino, e solo allora, faceva seguito la coabitazione degli sposi, cioè il matrimonio che da " rato", diventava "consumato". Tale convito non durava un solo giorno, ma più giorni, fino a una settimana.
Il primo banchetto si svolgeva nella casa dello sposo e si celebrava nella prima notte, con le persone intime.
Ma nei giorni successivi si continuava a banchettare, sempre per far festa agli sposi. Si servivano le vivande in grandi vassoi con una ricchezza di cibi e di pasticcini che, non essendo caldi, potevano in ogni momento essere messi a disposizione degli invitati, venuti per presentare le loro felicitazioni agli sposi.
Gli inviti alle nozze erano generici e approssimativi - lo sono anche oggi in molti villaggi di quella terra - per cui l'organizzatore della festa non era mai in grado di prevedere con precisione la quantità  delle provviste occorrenti. Pertanto facilmente poteva accadere di trovarsi di fronte a qualche sgradevole sorpresa.

3. Il primo miracolo

Precisamente una di queste incresciose sorprese avvenne durante le nozze di Cana di Galilea quando a un certo punto venne a mancare il vino. « Nel frattempo, venuto a mancare il vino, la Madre di Gesù gli disse: " Non hanno più vino"» (Gv 2,3).
L'evangelista non ci dà nemmeno il tempo di riflettere su questa improvvisa mancanza di vino, perché subito pone dinanzi la stupenda, provvidenziale figura di Maria, la quale con forza interviene per risolvere l'inconveniente, che sarebbe stato umiliante per gli sposi e per gli organizzatori della festa.
Maria è una donna forte e delicata, che, pur vivendo nell'umiltà e nel nascondimento, non teme di farsi avanti con energica dolcezza per risolvere all'istante il non facile problema della comunità in cui momentaneamente si trova a vivere.
Se dal banchetto fosse mancato del cibo invece del vino, forse la Madonna sarebbe ugualmente intervenuta; ma di fronte alla mancanza del vino ella non poteva rimanere indifferente in quanto il vino nel festino nuziale assumeva un significato molto importante, soprattutto nei confronti della sposa sua parente e conoscente.
Anche nei nostri festini nuziali il vino ha particolare importanza perché è l'elemento che porta allegria agli sposi e a tutti gl'invitati.
Nelle feste nuziali ebraiche il vino conteneva inoltre il significato ben più profondo della «fedeltà coniugale», di cui era un simbolo profetico. Infatti, la figura della vigna e del suo frutto, fu spesso assunta dai profeti come immagine e segno della fedeltà di Dio verso il suo popolo Israele. Anche Gesù, qualche tempo dopo, si servirà di questo simbolo per raffigurare il suo futuro regno messianico.
E come nell'Antico Testamento Dio affermò di essere stato fedele al suo patto stipulato con la sua vergine sposa, Israele (la quale però non ha mantenuto la promessa, diventando adultera), così Gesù dirà che la vigna d'Israele sarà tolta ai suoi perfidi vignaioli e sarà data da coltivare ad altri popoli.
Pertanto la mancanza del vino in quel banchetto nuziale non era solo un imbarazzo e una umiliazione per gli sposi, ma soprattutto era un segno di malaugurio per la sposa, amica di Maria. Non c'è da meravigliarsi dunque se ella intervenne con tanta dolce fermezza presso il Figlio, perché ponesse subito riparo al grave inconveniente.

 

ASCOLTA L'AUDIO DELL'ARTICOLO

Inserito Lunedi 7 Novembre 2011, alle ore 9:15:29 da latheotokos
 
Links Correlati
· Cerca ancora Storia
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Storia:
Note sulla storicità di Maria di Nazareth

 
Sondaggio
Punteggio medio: 5
Voti: 2


Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 
Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 
Altri articoli correlati

Storia

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.19 Secondi