PORTALE DI MARIOLOGIA - Giuseppe Toniolo e la pietà mariana
 PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO 
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 
Enciclopedie










 
Inserti Speciali



























 
Nuovi in Biblioteca
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
 
Pensieri
Nuova pagina 1


 

 
Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

Maria, la credente al servizio della fraternità


Maria, Donna veramente libera e credente


Avvocata delle donne, secondo Auguste Nicolas


L’immagine della Madre di Dio detta ‘Gioia degli Afflitti’


Maria, memoria eucaristica della Chiesa


Come Maria, davanti all'imprevisto e all'effimero


L'immagine mistagogica di Maria nella spiritualità orientale


Maria Maestra di nuovi valori


Il culto al Cuore Immacolato di Maria: riflessioni teologiche


Messaggio di Fatima: attualità e incidenze


Maria e la sensibilità contemporanea


Il Rosario: una preghiera per più occasioni


«Il mio Cuore Immacolato trionferà»: alcune riflessioni


Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


 
Immagini
 
Sondaggio
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 562
 
Contatore visite

Dal 1999
free counter

 
F.A.Q.

 
Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 250
Iscritti: 0
Totale: 250
 
Orario

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
 
Giuseppe Toniolo e la pietà mariana
Santi

Un articolo di Luciano Orabona in Il Rosario e la Nuova Pompei, 128 (2012), n. 4, pp. 10-11.



Il 29 aprile la Chiesa ha proclamato Beato Giuseppe Toniolo, morto il 7 ottobre 1918. Laico, come Bartolo Longo, e di quattro anni più giovane, nacque a Treviso il 7 marzo 1845, si occupò anche lui di problemi sociali e condivise con il Beato il mondo religioso mariano di Pompei.
Compiuti gli studi al Foscarini di Venezia e laureatosi nel 1867 in giurisprudenza nell'Università di Padova, fu il più acclamato teorizzatore cattolico in campo economico-sociale. Da vincitore di concorso venne chiamato a insegnare Economia politica nell'Università di Pisa e dal 1883 ne illustrò la cattedra da ordinario per circa quarant'anni.
In Pisa l'osservazione di una penosa situazione locale, lo spinse alla ricerca di soluzioni per venire incontro alle esigenze della povera gente. Dopo aver sposato, a trentatré anni, Maria Schiratti di Pieve di Soligo, dalla quale ebbe sei figlie e un maschio, assunse crescenti responsabilità nell'apostolato, fino a diventare il maggiore esponente del movimento sociale cattolico.
L'esplorazione del pensiero teorico, la fedeltà ai canoni della scienza e una grande umiltà - sue principali virtù umane - si alimentarono nel contatto con il soprannaturale, alla costante presenza di Dio. Ne nacquero una dopo l'altra le principali opere di cui fu promotore: l'Unione cattolica per gli studi sociali in Italia, nel 1891; la «Rivista internazionale di scienze sociali e discipline ausiliarie», nel 1893; la Società cattolica per gli studi scientifici, nel 1899; le Settimane sociali, nel 1907. E quando con  Il fermo proposito san Pio X sciolse nel 1905 l'Opera dei Congressi, toccò a lui l'onere della presidenza dell'Unione elettorale, la più impegnativa delle tre nuove strutture dell'apostolato dei laici in Italia.
Non minore merito storico è stato il suo contributo alla formazione della coscienza nazionale da pioniere in campo femminile nella promozione dell'Unione delle Donne Cattoliche, ispiratrice della Barelli nella fondazione con padre Gemelli dell'Università Cattolica.
Di lui disse il cardinale Roncalli alla vigilia di diventare papa Giovanni XXIII: «Magistrum sequor: un semplice laico, ma quale maestro! I suoi chiari insegnamenti sono luce all'intelligenza e fiamma viva al cuore».
La lezione del Beato Toniolo va oltre gli scritti di storia ed economia politica. Tre volumi dell'Opera omnia, con ricco epistolario, e altri due di Scritti religiosi e Iniziative culturali e di Azione cattolica attestano la vita interiore dello scienziato, con testimonianze negli Appunti di regolamento di vita sui rapporti con Bartolo Longo e la recita del Rosario.
Nel diario del 1886 pone con straordinaria umiltà gli esercizi spirituali sotto il patrocinio di Maria Vergine del rosario e ne scandisce i tempi con tale impressionante umiltà: « 1° giorno: 3 ottobre (domenica del Rosario). 1. Tu quis es? - Sono peccatore - sono manchevole delle più elementari virtù - sono tiepido. Da trenta e più anni io frequento la scuola di Gesù, ammesso ai suoi più intimi ammaestramenti e non ho ancora imparato, posso confessarlo, nulla! Oh vergogna!».
Ancora in ottobre, del 1890, l'umile sentire di sé, sublimato da aneliti di speranza mariani: «5 ottobre. Madonna del Rosario. - A lode di Maria Regina del Sacratissimo Rosario, ausilio dei cristiani, [...] diffidare assolutamente in tutte le guise di me stesso, [...] e di ogni presidio naturale; per sperare vivamente e compiutamente (per intercessione di Maria Vergine del Rosario) soltanto nei presidi sovrannaturali». Poi aggiunge: «Spero nel nome di Maria, che affidato del tutto alla grazia vostra, senza abbattimenti e con ogni calma, conseguirò grande profitto, onde si faccia in me la vostra volontà e possa il vostro regno in me discendere; ed in quanto a voi piaccia, contribuire alla diffusione del vostro regno anco negli altri».
Così, infine, confida nel 1916, due anni prima della morte, ad Achille Gallarini: «Carissimo amico, scrivo il giorno del Rosario affinché la memoria sacra della Madonna benedetta renda più efficaci le mie espressioni di amicizia».

 

ASCOLTA L'AUDIO DELL'ARTICOLO

Inserito Lunedi 7 Maggio 2012, alle ore 17:30:38 da latheotokos
 
Links Correlati
· Cerca ancora Santi
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Santi:
Giovanni Paolo II: Totus tuus: A Cristo attraverso Maria

 
Sondaggio
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 
Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 
Altri articoli correlati

Santi

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi