PORTALE DI MARIOLOGIA - Maria nella vita di San Carlo da Sezze
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
  Le parole di Maria a Medjugorje
  Maria come amica
  Maria. La Madre del Cristo
  Nella chiesa di Maria. Saggio di Ecclesiologia e Mariologia
  Tutta bella. Contemplare il volto di Maria attraverso l'arte
  Con Maria. Un itinerario biblico
  Vergine della gioia e della tenerezza
  Donna è gentil nel ciel… Maria in Dante
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

L'immagine mistagogica di Maria nella spiritualità orientale


Maria Maestra di nuovi valori


Il culto al Cuore Immacolato di Maria: riflessioni teologiche


Messaggio di Fatima: attualità e incidenze


Maria e la sensibilità contemporanea


Il Rosario: una preghiera per più occasioni


«Il mio Cuore Immacolato trionferà»: alcune riflessioni


Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


Pregare con Maria nella vita


 La maternità divina di Maria, fonte di ispirazione per un'etica del dono


La “Concezione di Maria" nelle fonti liturgiche delle Chiese Orientali


Il Santo Rosario alla Beata Vergine Maria


Significato di Maria per il nostro tempo


Maria, la Madre della gioia


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 548
 Contatore visite 

Dal 1999
free counter

 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 154
Iscritti: 0
Totale: 154
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Maria nella vita di San Carlo da Sezze 
SantiUn articolo di Ireneo M. Tenzon in  Missio Immaculate International, Anno 8, maggio - giugno 2012, pp.20-23.



L’inizio…

Giancarlo Melchiori (questo era nel secolo il nome del nostro santo) nacque a Sezze, una piccola località del Lazio, il 19 ottobre del 1613 da Ruggero Melchiori e Antonia Maccioni. Anche il nostro santo è un esempio di come le gemme più preziose che il Signore dona alla Sua Chiesa, Egli le fa ordinariamente sbocciare in seno alle famiglie buone e devote, quasi a premiarle delle loro virtù. Il padre infatti, che amava testimoniare con la vita la sua fede, pur essendo un contadino di modeste condizioni economiche, non pensò nemmeno per un istante di rifiutare i sette figli che Iddio gli aveva mandati. La madre poi, ugualmente buona, era piena di carità verso il prossimo, e pur di soccorrere ognuno, laddove vedeva di non poter arrivare, ricorreva alla generosità delle persone benestanti. Il piccolo Giancarlo cresceva educato alla scuola di tanti begli esempi di virtù, ma la pratica di queste la imparava dalla nonna che lo mandava nelle case dei poveri a portare con discrezione i necessari soccorsi, e accanto alla quale fece progressi nella preghiera e nella devozione alla Madonna. Sarà proprio questa devozione alla Mamma del Cielo a far sviluppare in lui i buoni semi di virtù in lui sparsi, e a farli fruttificare fino al cento per uno. All’età di sette anni, il piccolo Giancarlo incominciò la scuola, e dato il suo temperamento focoso, in lui fecero subito presa le storie di imprese eroiche e cavalleresche, le quali gli facevano volare la fantasia ed il cuore. A questo proposito fu provvidenziale l’incontro con un padre della “Compagnia di Gesù”, il quale intuendo il valore di quell’anima privilegiata, non esitò a prenderlo sotto la sua direzione, e ad arginare con delle energiche esortazioni quegli eccessi di sentimenti e di fantasia così tipici dell’età adolescenziale. Ma quel sacerdote non fu il solo ad accorgersi della singolare innocenza di questo contadinello; se ne accorse anche il demonio, il quale ottenne di turbarlo con una visione diabolica, nella quale il diavolo, sotto le apparenze del Redentore, gli apparve profondamente offeso, istillando nel fanciullo la convinzione di essere destinato alla dannazione eterna. Chiusosi nel silenzio, vi uscì solo grazie alle premure affettuose della mamma, la quale accortasi del turbamento del figlio, riuscì man mano a rasserenarne il cuore.

La vocazione…

Gli anni passavano e nel frattempo a Sezze sorsero diverse case religiose, tra le quali si trovava quella dei “Frati Minori Riformati”, che subito attirarono le simpatie del giovane. In breve, conquistato dalla vita di quei frati, e soprattutto dopo aver conosciuto la vita di due grandi santi francescani, san Salvatore da Horta e san Pasquale Baylon, non ebbe più dubbi: egli sarebbe entrato in questo ramo dell’Ordine francescano e avrebbe vissuto da umile frate. Quando prese questa risoluzione aveva solo quindici anni, e a quel tempo, le Costituzioni dei “Frati Minori Riformati” non permettevano ad un fratello laico di entrare prima dei vent’anni compiuti. Nell’attesa però il nostro piccolo santo non stava con le mani in mano ma pregava e si mortificava per vincere il suo temperamento spiccatamente sanguigno. Per fare un esempio, se mentre sorvegliava i buoi questi si imbizzarrivano, lui per non correre il rischio di arrabbiarsi oltre misura, ricorreva subito all’aiuto della Madonna e Le cantava dei bei inni religiosi. In questo suo fare non passava inosservato e per questo era chiamato “il piccolo cantore di Maria”. Nel tempo libero a volte si trovava con i suoi amici per parlare di Dio e pregare insieme, e il tutto si concludeva sempre con la recita delle litanie dei Santi e della Madonna, e sempre in onore e ricordo della Madonna, teneva abitualmente fra le mani la corona del Santo Rosario. Un giorno poi, volendo dare alla sua cara Mamma Celeste una prova tangibile del suo amore per Lei, Le fece voto di verginità per tutta la vita; ed era ancora ben lontano il giorno in cui sarebbe entrato in convento. Il demonio naturalmente si diede subito a triplicare il suo impegno per farlo cadere, ma con la preghiera, la protezione materna di Maria e la sicura guida spirituale del padre Gesuita, uscì sempre vittorioso dal combattimento. Per intercessione della Vergine Santa poi, poté anche vivere le sue prime esperienze mistiche. Raggiunti i vent’anni la Madonna si mostrò così sollecita del bene di questo suo figlio che voleva tutto per Sé, da anticipare l’ansia pur grande del giovane, facendogli sentire internamente quest’ammonimento: “Figliuol mio, se volete osservare quanto avete promesso, entrate quanto prima nella Religione”. Questa esortazione materna, avvertita mentre era in preghiera dinanzi ad un’ immagine di Lei, gli riempì il cuore di una grande gioia. Invero ci furono altre prove che cercarono di ostacolare l’entrata del nostro santo nell’Ordine del Serafico san Francesco, ma lui “costrinse” la Mamma Celeste a prendersi cura di quest’affare che di fatto, in quanto Regina e Avvocata dell’Ordine, le competeva. Fu così che per il fratello Giovanni Battista, ammalatosi gravemente, ottenne da Lei una guarigione miracolosa, senza la quale Giancarlo avrebbe dovuto rinunciare alla sua vocazione per aiutare la sua famiglia. Le traversie che dovette affrontare furono davvero tante; per capirlo ci basta notare come nonostante la sua brama ardente e l’aiuto diretto del Cielo, il santo giovane riuscì ad indossare l’abito del noviziato solamente il 18 maggio del 1635, ossia dopo un anno e sette mesi in più del necessario. L’anno di noviziato, durante il quale prese il nome di “fratel Cosimo”, procedette “naturalmente” bene, se non ché, tra le molte virtù del giovane, quella della preghiera contemplativa era così sviluppata da renderlo quasi incapace di prendere parte alla preghiera comunitaria, durante la quale si astraeva completamente da tutto e da tutti. Questo rappresentava un vero impedimento alla vita religiosa, in quanto la preghiera comune ne è il “cuore”. Ricorse quindi anche in questo frangente alla Vergine Madre di Dio, e grazie al Suo aiuto il 19 maggio del 1636 poté emettere i voti religiosi di obbedienza, povertà e castità. In quel medesimo giorno poi, per volontà di mamma Antonia, cambiò il suo nome in “Frà Carlo”. Anche nella vita del chiostro, al futuro santo non mancarono certo le prove, ma le dure battaglie che il demonio ingaggiava contro di lui venivano sempre compensate con estasi e rapimenti divini, nei quali molto spesso la Madonna lo colmava di ogni grazia. Ella sia faceva vicina e presente a lui con una tale frequenza, che si potrebbe parlare di una presenza costante della Madonna nella sua vita.

La santificazione…

San Carlo da Sezze, attraverso questa unione intima e costante con Maria Santissima, arrivò alle vette più alte della vita di unione con Dio, dal quale venne ricolmato di molti doni e carismi. Ricevette infatti la ferita sensibile al cuore ( la cosiddetta “trasverberazione del cuore”), prodotta da un raggio uscito dall’Ostia Santa durante l’elevazione della Santa Messa, con la quale gli veniva concesso di bruciare dell’amore di Dio stesso. I doni dello Spirito Santo rifulsero in lui nelle sue profezie e nelle guarigioni miracolose che otteneva, ma soprattutto quando per ordine del confessore e dei suoi superiori, si accingeva a scrivere dei veri e propri trattati di vita ascetica e contemplativa, nonché una sorta di autobiografia in cui lo si obbligò a descrivere le sue esperienze mistiche. Il tutto lo fece, nonostante la sua poca cultura, sempre e solo invocando l’aiuto di Maria, Vergine Sapiente, Madre e Maestra della vita spirituale di ogni cristiano. Presto la fama di santità di Frà Carlo si diffuse in lungo e in largo e la sua preghiera, accompagnata magari anche dalla sua presenza, era richiestissima, sia da chi era afflitto da malattie e angustie varie, sia da Vescovi e Cardinali, nonché dallo Stesso Sommo Pontefice Clemente IX. Fu proprio a quest’ultimo, ormai gravemente malato, che disse verso la fine del 1669, che si sarebbero rivisti la prossima Epifania. Il Papa però moriva pochi giorni dopo e da più parti si mormorò contro il santo, il quale invece non si mostrava per niente turbato. In prossimità del Santo Natale di quell’anno fu lui ad ammalarsi gravemente. Era il 6 gennaio del 1670, festa dell’Epifania, quando, vedendo in un’estasi che l’anima del Papa Clemente IX saliva gloriosa al Cielo dopo la purificazione del Purgatorio, anche la sua anima spiccava il volo. La profezia si era avverata. Da quel momento san Carlo gode della visione di quella Vergine Gloriosa che tanto lo aiutò qui in terra, e ne adora il Divin Figlio nella beatitudine senza fine del Paradiso.

 

ASCOLTA L'AUDIO DELL'ARTICOLO

Inserito Martedi 21 Agosto 2012, alle ore 10:05:28 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Santi
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Santi:
Giovanni Paolo II: Totus tuus: A Cristo attraverso Maria

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Santi

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.23 Secondi