PORTALE DI MARIOLOGIA - Maria secondo Émile Zola
 PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO 
Menu
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 
Enciclopedie










 
Inserti Speciali



























 
Nuovi in Biblioteca
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
 
Pensieri
Nuova pagina 1


 

 
Ultimi 15 articoli
Ultimi 15 Articoli

Maria, la credente al servizio della fraternità


Maria, Donna veramente libera e credente


Avvocata delle donne, secondo Auguste Nicolas


L’immagine della Madre di Dio detta ‘Gioia degli Afflitti’


Maria, memoria eucaristica della Chiesa


Come Maria, davanti all'imprevisto e all'effimero


L'immagine mistagogica di Maria nella spiritualità orientale


Maria Maestra di nuovi valori


Il culto al Cuore Immacolato di Maria: riflessioni teologiche


Messaggio di Fatima: attualità e incidenze


Maria e la sensibilità contemporanea


Il Rosario: una preghiera per più occasioni


«Il mio Cuore Immacolato trionferà»: alcune riflessioni


Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


 
Immagini
 
Sondaggio
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 565
 
Contatore visite

Dal 1999
free counter

 
F.A.Q.

 
Utenti
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 89
Iscritti: 0
Totale: 89
 
Orario

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 
Invia Cartolina

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 
La Chat
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
 
Maria secondo Émile Zola
Cultura Un articolo di Alberto Rum su Madre di Dio, n. 6 - giugno 2008.
 


Pochi sanno della conversione alla fede cristiana dello scrittore Émile Zola. Già alcuni suoi romanzi, scritti quando ancora irrideva la fede, rivelano una nascosta nostalgia di una fede perduta. E non mancano alcuni tratti mariani che fanno pensare. 

«Diffida della tua devozione alla Vergine». Dice così, con voce misteriosamente ammonitrice, frère Archangias a Serge Mouret nel romanzo La faute de l’abbé Mouret, scritto da Émile Zola nel 1875. Di questo scrittore francese (1840-1902) tutti sanno quanto sia stato lontano dalla fede e dalla vita cristiana. Pochi, però, sanno del suo ritorno a Dio e alla Chiesa cattolica, nel 1896. Già avanti negli anni, lo scrittore si era fratturato un piede. La ferita continuava ad aggravarsi, si pensava già all’amputazione dell’arto. Ma ecco che, la vigilia del Natale 1896, egli si vede in sogno entrare in una chiesa. Sul muro, una Signora regge in braccio un Bambino. Nel sogno intona un canto di chiesa. L’indomani, quando la moglie gli richiama il canto, egli le chiede di andare in chiesa ad accendere una candela innanzi all’altare della Madre di Dio. La signora Zola va, ed egli subito avverte insoliti stiramenti al piede malato. Tenta di alzarsi: con grande meraviglia non sente più dolore al piede. Era guarito.

La conversione del romanziere

Émile Zola non solo mise per iscritto l’avvenuta guarigione, ma insieme si convertì a quella fede che aveva tanto denigrata. Il 18 aprile 1898 pubblicò un documento, una sorta di confessione pubblica, in cui fra l’altro scrive: «Oggi, io sono pienamente convinto di essere stato per trent’anni nell’errore. Conosco bene su quale base poggia tutto il sistema della frammassoneria, di cui ho diffuso la dottrina, inducendo anche altri a diffonderla [...]. Di tutto mi pento con sincerità. Illuminato da Dio, mi rendo conto di tutto il male che ho così commesso. Pertanto, io respingo la frammassoneria e me ne dissocio, confessando i miei errori dinanzi alla Chiesa. Chiedo perdono a Dio di tutto il male che ho fatto con il mio esempio [...] e invoco il perdono dal nostro Sommo Pastore, Sua Santità il Papa Leone XIII». Quasi a commento di questi fatti, ritorniamo alla misteriosa parola di frère Archangias all’abbé Mouret: «Diffida della tua devozione alla Vergine». Il primo libro del suddetto romanzo è tutto incentrato sulla devozione del Mouret alla Vergine. Se è vero che nella «grande lotta della natura e della religione», intrapresa da Émile Zola, tale devozione è ricondotta a un’alienazione sociale, è anche vero, ci sembra, che l’autore del romanzo nasconde nell’animo un segreto rimpianto della fede perduta e un sopito affetto di pietà filiale verso la Madre del Signore. Il capitolo XVII del romanzo si chiude con una lunga e accesa preghiera dell’abbé Mouret all’Immacolata Concezione: una preghiera che andrebbe sicuramente purificata da talune crude espressioni e pronunciata con fede umile e sincera, ma che tradisce comunque un animo naturaliter cristiano e mariano e, nel suo compositore, la nascosta nostalgia di una fede perduta.

La devozione del Mouret alla Vergine

Nell’ultima parola dettagli da frère Archangias, il Mouret ravvisa addirittura «una specie di bestemmia», nonché un cocente rimprovero, come se la sua devozione alla Vergine fosse un furto a Dio e una mollezza d’animo indegna dei forti. Peccato che Zola abbia tracciato queste pagine soltanto come romanziere naturalista. Esse, comunque, nascondono quella segreta inquietudine che traspare anche nel romanzo Lourdes (1894). Le masse dei fedeli a Lourdes danno luogo a quadri memorabili, tipicamente zoliani. Anche notevole, perché meno frequente nello scrittore, la sicurezza psicologica nel tratteggiare la crisi del protagonista. Il quale, se non trova a Lourdes la fede perduta, non riesce però a vincere il dubbio tormentante: se si abbia il diritto di togliere all’umanità affaticata la sola illusione, la speranza da cui può vivere. Malgrado le ripetute affermazioni di fede razionalista, par di cogliere qui un’incertezza, un’inquietudine rivelanti una più austera pensosità nello scrittore avviato al tramonto. Ci sembra che la misteriosa parola di frère Archangias all’abbé Mouret, richiami l’attenzione alla frase del Vaticano II: «La vera devozione procede dalla fede vera, dalla quale siamo portati a riconoscere la preminenza della Madre di Dio, e siamo spinti al filiale amore verso la Madre nostra e all’imitazione delle sue virtù» (Lumen gentium 67). Semmai, la colpa dell’abbé Mouret (e nostra) sarà quella di ridurre la devozione a Maria a uno sterile e passeggero sentimentalismo. Sì, perché l’esser veri devoti di Maria è impegno a essere veri discepoli di Cristo.

Inserito Domenica 16 Settembre 2012, alle ore 18:32:08 da latheotokos
 
Links Correlati
· Cerca ancora Cultura
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Cultura :
La Madonna e la fede in Trilussa

 
Sondaggio
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 
Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 
Altri articoli correlati

Cultura

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi