PORTALE DI MARIOLOGIA - Madre della Divina Grazia
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  La Vergine del silenzio
  Catechesi bibliche sui misteri del Rosario
  La Madonna che scioglie i nodi
  Uno sguardo a Maria. I molteplici aspetti del mistero mariano
  L'Annunciazione a Maria nell'arte d'Oriente e d'Occidente
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

La Vergine Maria nel Concilio Vaticano II


La Theotokos Achiropita di Rossano


Maria, Icona della Chiesa pellegrina


La marianità del Carmelo


La contemplazione nel cuore di Maria per la missione


Maria al servizio della creazione e della vita


I giovani e Maria nella cultura contemporanea


Maria e l'Eucaristia


Con Maria aspettiamo la Pentecoste


La pietà popolare, i giovani e Maria


Il Mese di Maggio in Vaticano e nel mondo


Preghiera e contemplazione con Maria


Maria e i tempi dell'attesa nell'iconografia


Maria nella musica del Novecento Europeo 1


Maria nella musica del Novecento Europeo 2


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 770
 Contatore visite 
DAL 1999

web counter 
 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 139
Iscritti: 0
Totale: 139
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Madre della Divina Grazia 
Spiritualità

Un intervento di Mons. Francesco Ravinale vescovo di Asti in La Voce del Santuario di Maria SS. delle Grazie di Cerreto Sannita, 84 (2013), n. 1. gennaio-febbraio, pp. 3-4.



L'invocazione «Madre della divina grazia, prega per noi!» fino a qualche tempo era per me semplicemente una delle litanie che cercavo di recitare fedelmente ogni giorno, ma non nascondo che per molto tempo «litania» per me significava solamente «ripetizione » e talvolta anche ripetizione noiosa. Poi c'è stato un momento in cui mi sono detto che le litanie erano espressione di modi diversi per rivolgersi a Maria e pertanto potevano costituire un'interessante preghiera ispirata alle diverse sensibilità di un popolo credente sparso su tutta la terra. Ultimamente ho scoperto che le litanie possono rivelarsi un arricchimento ancora più efficace e un autentico programma di vita cristiana, in quanto dicono il rapporto con Dio tipico di Maria Santissima, i doni particolari da lei ricevuti e le virtù che ella ha vissuto in modo eminente. In questa luce mi pare molto importante pregare la«Madre della divina grazia». L'espressione si trova nella sacra Scrittura, in quel brano della lettera di San Paolo a Tito che viene proclamato a natale, nella Messa della notte: «E' apparsa la grazia di Dio, che porta salvezza a tutti gli uomini e ci insegna a rinnegare l'empietà e i desideri mondani e a vivere in questo mondo con sobrietà, con giustizia e con pietà, nell'attesa della beata speranza e della manifestazione del nostro grande Dio e salvatore Gesù Cristo». «La grazia di Dio» è apparsa con la nascita di Gesù. Maria è veramente la «Madre della grazia divina». La sua personalità, la sua santità, la preziosità della sua presenza accanto a noi derivano proprio da questo rapporto tutto particolare con la grazia di Dio e con colui che è la manifestazione visibile del Dio invisibile. Grazie a Maria Santissima «è apparsa la grazia di Dio» e si è manifestato un Dio preoccupato di donare grazia agli uomini, cioè di stabilire un rapporto con loro. Quando dico «Madre della divina grazia, prega per noi», chiedo fondamentalmente di farmi entrare in rapporto di grazia con il Signore. E la vita cristiana consiste essenzialmente in questo rapporto, capace di trasformare del tutto l'esistenza di una persona umana. La prima trasformazione è data dal fatto che«la grazia di Dio porta salvezza a tutti gli uomini». L'uomo, con il peccato, aveva troncato il rapporto con Dio e non poteva che lasciarsi andare alla deriva, lontano da lui e quindi esposto ad una vita secondo i propri criteri e i propri capricci. Una vita destinata al fallimento, perché non più ancorata al progetto per cui l'uomo era stato creato. Con l'Incarnazione il Figlio di Dio ha ristabilito questo rapporto di salvezza e lo ha offerto a chiunque semplicemente abbia il desiderio di accettarlo. Ristabilito il rapporto con Dio, diventa possibile proseguire in questo processo di trasformazione, perché«la grazia ci insegna a rinnegare l'empietà e i desideri mondani e a vivere in questo mondo con sobrietà, con giustizia e con pietà». Si compie così un vero cambiamento di impostazione della vita, che si sposta dai criteri umani, limitati e orientati male, alla essenzialità e rettitudine che si instaurano quando ci si lascia guidare dai criteri di Dio. La trasformazione definitiva avviene quando il rapporto con Dio diventa così intenso da costituire l'ideale di un'esistenza vissuta «nell'attesa della beata speranza e della manifestazione del nostro grande Dio e salvatore Gesù Cristo ». Quella trasformazione di vita che sant'Agostino aveva sperimentato e lo aveva portato ad un rapporto che si esprimeva così: «Ci hai fatti per te, o Signore, e il nostro cuore è inquieto fino a quando non giunga a riposarsi in te». «Madre della divina grazia»: un'espressione così breve e semplice che rischia di non lasciar trasparire la radicale trasformazione che la grazia divina aveva operato in Maria Santissima. Prega per noi e rendici assetati di questa grazia che è il dono più grande che noi possiamo desiderare.

 

ASCOLTA L'AUDIO DELL'ARTICOLO

Inserito Martedi 16 Luglio 2013, alle ore 23:49:53 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Spiritualità
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Spiritualità:
Offrire e soffrire con Maria

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Spiritualità

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.17 Secondi