PORTALE DI MARIOLOGIA - Bella Agnella
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  La Vergine del silenzio
  Catechesi bibliche sui misteri del Rosario
  La Madonna che scioglie i nodi
  Uno sguardo a Maria. I molteplici aspetti del mistero mariano
  L'Annunciazione a Maria nell'arte d'Oriente e d'Occidente
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

La Vergine Maria nel Concilio Vaticano II


La Theotokos Achiropita di Rossano


Maria, Icona della Chiesa pellegrina


La marianità del Carmelo


La contemplazione nel cuore di Maria per la missione


Maria al servizio della creazione e della vita


I giovani e Maria nella cultura contemporanea


Maria e l'Eucaristia


Con Maria aspettiamo la Pentecoste


La pietà popolare, i giovani e Maria


Il Mese di Maggio in Vaticano e nel mondo


Preghiera e contemplazione con Maria


Maria e i tempi dell'attesa nell'iconografia


Maria nella musica del Novecento Europeo 1


Maria nella musica del Novecento Europeo 2


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 611
 Contatore visite 
DAL 1999

web counter 
 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 130
Iscritti: 0
Totale: 130
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Bella Agnella 
Patristica

Un articolo di P. G. F., in La Madonna della Neve, n. 3 - marzo 2014, p.14.



Questo titolo è molto antico, forse il primo non direttamente biblico applicato alla Madre di Dio. Tipico dell'oriente cristiano, mai utilizzato nel mondo latino.
Lo troviamo per la prima volta in una celebre omelia:

È lui l'agnello muto,
è lui l'agnello sgozzato,
è lui che nacque da Maria,
l'Agnella pura,
è lui che fu preso dal gregge
e all'immolazione fu trascinato
e di sera fu ucciso
e nella notte fu sepolto;
che sul legno non fu spezzato,
in terra non fu corrotto,
dai morti risorse
e risuscitò l'uomo dal fondo della tomba.

Si tratta dell'Omelia sulla Pasqua di Melitone vescovo di Sardi, pronunciata nella seconda metà del secolo II. Un testo molto bello, scoperto solo di recente. Interessante il riferimento mariano: tes kalês amnádos, che è stato tradotto «l'agnella pura». In verità l'aggettivo kalós di solito richiama il termine «bello»; ma nel caso di Maria l'autore sembra dire molto di più: si tratta di quella bellezza che viene dalla condizione di santità, dalla consacrazione verginale, dal fatto di aver generato l'Agnello, rivestito della nostra umanità proprio nel suo grembo, donato al mondo per il sacrificio.
Un simbolo suggestivo, ma che non ha subito fortuna. Occorre attendere quasi due secoli per ritrovarlo nella predicazione dei padri. Ed è un grande oratore mariano, Proclo di Costantinopoli (†446), a rievocare l'immagine, non più nel contesto pasquale, ma in quello natalizio:

Accorrano i pastori, per il Pastore che è nato dalla Vergine Agnella;
Oggi... dall'Agnella ci è nato l'Agnello di Dio che toglie il peccato del mondo;
Sia benedetto Dio, che dal cielo è disceso come pioggia sul vello verginale e dall'Agnella Maria nacque l'Agnello.

Un altro testimone significativo è Romano il Melode (†560 ca). Nell'Inno sull'Annunciazione egli scrive:

Ciò che vedo non riesco a comprenderlo:
supera ogni intendimento umano il fatto
che l'erba arde senza consumarsi,
che l'agnella porti in groppa un leone,
e la rondine un'aquila, e l'ancella, il proprio padrone.
Nel suo seno mortale che non lo circoscrive,
Maria porta il mio Salvatore, con il consenso di lui.

Qui i simboli, accostati uno all'altro, esprimono lo stupore dei fedeli davanti al mistero della maternità divina e della perpetua verginità. Lo stesso autore contempla poi Maria, in un inno che si potrebbe denominare dell'Addolorata, che ci riporta al contesto pasquale:

L'Agnella, alla vista del proprio Agnello trascinato al macello,
Maria seguiva afflitta con le altre donne, e gridava:
"Dove vai, Figlio? Per quale ragione corri con tanta premura?
Si celebrano forse altre nozze a Cana,
e ora tu ti affretti, onde mutarvi per loro l'acqua in vino?
Posso accompagnarti, Figlio?
O piuttosto, meglio è aspettarti?
Dimmi una parola,Verbo,
non passare avanti a me in silenzio,
tu che mi hai conservata pura, Figlio e Dio mio.


In questa drammatizzazione del mistero pasquale, che sembra anticipare in Oriente le laudi medievali, Maria accosta il miracolo di Cana, al mistero della croce: il vino per le nozze diventa il sangue sparso per i peccatori. E Gesù risponde:

Non farti simile alle altre donne senza intelligenza,
Vergine sapientissima.
Tu sei al centro della mia sala delle nozze,
non atteggiarti come se fossi rimasta fuori....


E dopo aver ricordato il mistero dell'incarnazione, prosegue:

In questa carne io soffro, in essa pure, io opero salvezza.
Non piangere dunque, Maria, grida piuttosto così:
Di sua volontà sopporta la passione il Figlio e mio Dio.

 

ASCOLTA L'AUDIO DELL'ARTICOLO

Inserito Giovedi 27 Marzo 2014, alle ore 7:44:49 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Patristica
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Patristica:
Maria, la Seconda Eva

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Patristica

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.20 Secondi