PORTALE DI MARIOLOGIA - Maria, donna e ministeri nella Chiesa
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  La Vergine del silenzio
  Catechesi bibliche sui misteri del Rosario
  La Madonna che scioglie i nodi
  Uno sguardo a Maria. I molteplici aspetti del mistero mariano
  L'Annunciazione a Maria nell'arte d'Oriente e d'Occidente
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

La pietà popolare, i giovani e Maria


Il Mese di Maggio in Vaticano e nel mondo


Preghiera e contemplazione con Maria


Maria e i tempi dell'attesa nell'iconografia


Maria nella musica del Novecento Europeo 1


Maria nella musica del Novecento Europeo 2


Maria, la prima fra i "Testimoni" dell'amore di Gesù Cristo


Maria, prototipo genuino della femminilità secondo E. Stein


In quest’ora buia vieni a soccorrerci e consolarci


Maria di Nazareth, icona della "Lectio Divina"


I Teologi Palamiti e l'immagine spirituale e cosmica di Maria


25 marzo: Consacrazione di Russia e Ucraina al Cuore Immacolato di Maria


La preghiera del cristiano e di Maria in H. U. Von Balthasar


Il Monte Sinai e Maria


Maria di Nazaret, testimone di speranza e compassione


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 601
 Contatore visite 
DAL 1999

web counter 
 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 112
Iscritti: 0
Totale: 112
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Maria, donna e ministeri nella Chiesa 
DonnaDa: STEFANO DE FIORES, Maria madre di Gesù. Sintesi storico – salvifica. EDB, Bologna 1992

Maria sorella nel discepolato

Se la Vergine è “tipo della Chiesa” vuol dire che in lei la Chiesa si specchia per trovare il suo essere sul piano ontologico e il suo dover essere sul piano operativo. Maria è dunque paradigma sia degli uomini e sia delle donne nella Chiesa, perché rivela a tutti la struttura basilare della Chiesa che è verginale e materna, caratterizzata cioè dal “si!” dalla fede e dell’amore verso il Padre per cooperare con lo Spirito alla nascita di Cristo nel cuore dei fratelli.

Chiamare Maria nostra “sorella” vuol dire che essa condivide la nostra condizione umana in quanto figli di Adamo, ma anche la sua partecipazione alla fraternità/sororità cristiana come membri della Chiesa redenta da Cristo. In questa prospettiva Maria appare come la prima “discepola” di suo Figlio perché, a partire dall’annunciazione, accoglie la Parola con l’obbedienza che sarà richiesta a coloro che sono chiamati a diventare discepoli di Gesù, avanzando nella peregrinazione della fede. Uomini e donne, fratelli e sorelle di Maria nel discepolato, hanno molto da apprendere spiritualmente da lei: Maria li conduce verso la pienezza della loro vocazione cristiana che è la maturità spirituale in Cristo, cioè la pienezza della fede e dell’adesione a Lui. Soprattutto la donna trova nella “sorella” Maria un aiuto concreto di come affrontare i problemi della sua esistenza, dato che Maria si presenta come la Donna nuova e perfetta cristiana che riassume in sé le situazioni più caratteristiche della vita femminile perché vergine, madre e sposa.

Maria, donna, ministeri

Passando dall’ordine della santità a quello dei ministeri e dei carismi, il riferimento a Maria diventa più problematico perché essa rischia la strumentalizzazione per provare determinate tesi a favore o contrarie ai ministeri ecclesiali delle donne. Occorre quindi procedere con cautela, partendo sempre dalla realtà testimoniata dal dato biblico.

A) LO SPIRITO DI SERVIZIO
Come “serva del Signore” (Lc 1,38) Maria è certamente un paradigma dello spirito di servizio che deve animare ogni carisma nella Chiesa. Maria insegna a tutti ad esorcizzare il potere e il prestigio da ogni uso egoistico e individuale: ella vive la sua somma dignità di Madre di Dio come umile disponibilità e collaborazione al piano di Dio. Inoltre la donna, guardando a Maria, trova in lei il segreto per vivere degnamente la sua femminilità ed attuare la sua vera promozione nella Chiesa e nel mondo.

B) CARISMI DI MARIA
La Madre del Signore entra legittimamente nella storia della salvezza e partecipa alla condizione del popolo di Dio, in particolare ai carismi distribuiti dallo Spirito Santo per l’edificazione della Chiesa. Maria è riconosciuta dalla Tradizione della Chiesa soprattutto come profetessa perché, dopo l’effusione dello Spirito, canta nel suo Magnificat le lodi di Dio che si manifesta nella storia.

C) MARIA E I MINISTERI
Sul piano dei ministeri esistono delle evidenze che concernono Maria in quanto donna:
a) Maria non è stata ordinata sacerdote nel senso canonico del termine. Da questo fatto Epifanio di Salamina (+403) deduce l’esclusione delle donne non solo dal sacerdozio ma anche dall’amministrazione del battesimo. Infatti, scrive Epifanio, se Dio avesse voluto che le donne esercitassero il sacerdozio, chi meglio di Maria avrebbe potuto adempiere la funzione sacerdotale del Nuovo Testamento, lei il cui utero divenne il tempio e il domicilio in cui il Signore realizzò l’economia della sua incarnazione? Questo motivo “mariano” per l’esclusione delle donne dal sacerdozio si è ripetuto non solo nel Medioevo, ma giunge fino a noi con la dichiarazione Inter insignores del 1976. C’è da augurarsi comunque che questo argomento “mariano”, in un momento in cui ai laici viene riconosciuta l’abilitazione ad essere ministri del battesimo e del matrimonio e ad insegnare le scienze sacre (CIC, can 229 e 232, § 3) venga accantonato per riferirsi a Maria per quello che Dio ha operato in lei e con lei.
b) E’ molto più produttivo ispirarsi a Maria che ha ricevuto da Dio il più alto ministero nella Chiesa, quello della maternità divina, per appoggiare una maggiore partecipazione della donna nella vita ecclesiale anche nel campo dei ministeri canonici, secondo la maturazione della stessa coscienza ecclesiale. In particolare non si vedrebbe difficoltà ad ammettere la donna ai ministeri non ordinati del lettorato e accolitato, mentre ormai aumentano le voci, sia in oriente che in occidente, che richiedono l’ammissione delle donne al diaconato. Secondo, infatti, studi recenti risulterebbe non soltanto che il diaconato femminile è un’isituzione che esisteva nella chiesa unita prima dello scisma del 1054, che è riconosciuta da tre concili ecumenici (I, IV V/VI) ma l’esistenza dell’ordinazione diaconale delle donne nel corso del primo millennio. Questo ministero infatti, secondo la Didascalia Apostolorum e le Costituzioni apostoliche, cioè dall’inizio del III secolo, veniva conferito con un rito liturgico che comportava gli stessi elementi considerati essenziali per l’espiscopato, il presbiterato e il diaconato maschile: l’imposizione delle mani, l’invocazione dello Spirito Santo sull’eletta perché potesse compiere degnamente il suo ministero, la consegna della stola diaconale e, in particolare a Costantinopoli, anche la consegna del calice con il sangue di Cristo. Il lavoro di chiarificazione e fondazione critica di questi dati è in corso.

D) MARIA TIPO DEL POPOLO SACERDOTALE
La Chiesa, afferma la dichiarazione Inter insignores del 1976, per fedeltà all’esempio del suo Signore, non si considera autorizzata ad ammettere le donne all’ordinazione sacerdotale. Si tratta di una tradizione continua e universale che riveste un carattere normativo in quanto si appoggia sull’esempio di Cristo e viene considerata conforme al disegno di Dio per la sua Chiesa.
Al di là delle distinzioni ministeriali, Maria appare per tutti come “tipo del popolo sacerdotale” che si unisce a Cristo per celebrare nel rito liturgico e nella vita il mistero della salvezza. Maria è il “luogo della presenza e tenda dell’Altissimo” che suggerisce una transitività cultuale che non può essere disattesa. Maria è luogo epicletico, luogo di evocazione – invocazione dello Spirito Santo. La sua potenza trasformante sorregge la maternità divina, fa di Maria la nuova arca, verso la quale erompe il giubilo del popolo. E ancora: Maria che offre il proprio Figlio a Dio nel tempio di Gerusalemme e poi entra in comunione con il suo sacrificio sul Golgota, non è forse figura della Chiesa che offre il suo sacrificio eucaristico, in unione, mediante lo Spirito, con l’unico Sommo Sacerdote? Per questa sua comunione con il mistero della redenzione, Maria assolve al compito di formare a quella piena, consapevole e attiva partecipazione alle celebrazioni liturgiche, che è richiesta dalla natura stessa della liturgia. Nessuno come lei prese parte al sacrificio del Figlio, perciò va riconosciuta come figura prototipa della chiesa ministeriale e carismatica, in quanto in lei coincidono servizio e carisma, ministero e santità.

Inserito Mercoledi 16 Settembre 2009, alle ore 17:17:59 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Donna
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Donna:
Mariologia e movimento femminista

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Donna

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.25 Secondi