PORTALE DI MARIOLOGIA - Figlia di Dio
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
  Le parole di Maria a Medjugorje
  Maria come amica
  Maria. La Madre del Cristo
  Nella chiesa di Maria. Saggio di Ecclesiologia e Mariologia
  Tutta bella. Contemplare il volto di Maria attraverso l'arte
  Con Maria. Un itinerario biblico
  Vergine della gioia e della tenerezza
  Donna è gentil nel ciel… Maria in Dante
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


Pregare con Maria nella vita


 La maternità divina di Maria, fonte di ispirazione per un'etica del dono


La “Concezione di Maria" nelle fonti liturgiche delle Chiese Orientali


Il Santo Rosario alla Beata Vergine Maria


Significato di Maria per il nostro tempo


Maria, la Madre della gioia


La povertà di Maria: amore di identità con i poveri


Significati dell'Assunzione di Maria al cielo


L'orientamento pedagogico in alcuni canti mariani tra Settecento e Novecento


Maria, speranza nostra


La beata María Romero Meneses, testimone della filialità mariana


Totus tuus: Maria e Giovanni Paolo II


Mariologia breve, secondo S. Bonaventura da Bagnoreggio


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 542
 Contatore visite 

Dal 1999
free counter

 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 73
Iscritti: 0
Totale: 73
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Figlia di Dio 
Patristica

La mariologia di Tarasio Patriarca di Costantinopoli in un articolo di Paolo Riva su La Madonna della Neve, n. 5, maggio 2017, pp. 6-7.



Tarasio di Costantinopoli

Tra le figure illustri che in Oriente tra il secolo VIII e il secolo IX hanno difeso la legittimità delle immagini sacre, si distingue senza dubbio san Tarasio. Questo personaggio nacque nel 730 circa a Costantinopoli in una famiglia di grandi dignitari e divenne lui stesso primo segretario imperiale. Nel 784 fu eletto patriarca della capitale bizantina e, con questa funzione, partecipò alla lotta contro l'iconoclastia prima, durante e dopo il II Concilio di Nicea (787). Morì il 25 febbraio 806 dopo vent'anni di patriarcato. Il suo corpo riposa a Venezia nella chiesa di San Zaccaria nella cappella che porta il suo nome. In quanto protagonista del VII Concilio ecumenico, la sua opera letteraria si confonde con gli Atti di tale assemblea che ha sancito in modo definitivo la legittimità delle immagini sacre.
Tra le opere a noi pervenute spicca una omelia scritta in occasione della festa della Presentazione di Maria al tempio. Come è abitudine in tutti gli autori del IX secolo, anche il proemio di questo sermone invita l'assemblea dei fedeli a partecipare vivamente all'annunzio di gioia che viene proclamato dalla festività. Maria è subito presentata con i titoli che le competono: dimora del mistero preparato prima di tutti i secoli, il prezioso dono offerto a colui che successivamente si sarebbe degnato di nascere da lei, I'esordio della gioia, colei che è stata annunziata dai profeti per eliminare definitivamente la maledizione della sterilità. E qui va ricordato che non si tratta solo della sterilità dei genitori della Vergine, Gioacchino e Anna (come raccontano i vangeli apocrifi), ma anche quella dell'intera natura umana che fino a Maria non produsse nessun frutto che non fosse sotto la maledizione di Dio. La presentazione della Vergine al tempio costituisce per il patriarca il vero e autentico proemio della divina unione. Stupendo è l'elogio che viene tessuto per Gioacchino e Anna. Entrambi infecondi, pregano incessantemente il Signore di concedere loro una creatura e promettono di consacrarla a lui in rendimento di grazie.

Nove mesi nel grembo di Anna

É un angelo che annuncia loro il concepimento di una creatura: «L'Altissimo ha esaudito le vostre preghiere e tra breve darete alla luce una figlia, che sarà beata perché scelta tra tutte le generazioni ad essere la dimora del Signore». Ma Tarasio si preoccupa di correggere una diceria che correva tra i cristiani secondo la quale la Vergine sarebbe nata dopo sette mesi dal concepimento: «Ho ascoltato molti sciocchi discutere animatamente su questo argomento. Io personalmente li giudico peggiori degli infedeli, giacché simili invenzioni sono proprie degli eretici. Esse sono contrarie all'insegnamento della Chiesa e del tutto aliene da coloro che pensano in modo retto. Infatti la vergine è figlia di Dio Maria, prima di venire alla luce, rispettò nel seno della madre il perfetto compimento dei nove mesi, come appunto richiede la natura». Maria è chiamata la "figlia di Dio" (Theopais) profeticamente annunziata ad Anna, è colei - dice Tarasio - che tutte le generazioni avrebbero chiamato beata, è la gioia e l'esultanza del mondo intero, è la mensa del pane divino, vino che dà gioia, cibo gratuito, colomba illibata, cielo dotato di un'anima, lampada dai mille splendori, sposa inneggiata, madre ornata di molte lodi, olivo irrigato da Dio, divino veicolo dell'economia di salvezza dell'Altissimo, tabernacolo santo, candelabro foggiato da Dio, agnella spirituale, offerta espiatoria, vaso inestimabile, tesoro degno di onore, tromba soavemente squillante, monte pingue e coagulato (cfr. Sal 677), vello divino, nube scaturita da Dio, scala per mezzo della quale gli uomini vedono il creatore, santo giaciglio, vaso di grande bontà, abisso di miracoli, fonte di beni, inviolabile abbondanza di ricchezze. E specchio dei profeti e inveramento dei loro oracoli.

Onore alla sua santa immagine

Tarasio invita perciò a venerare la sua icona: «continuiamo, dunque, come nostra usanza, ad abbracciare la sua veneranda immagine; anzi, veneriamola con il dovuto culto, perché la Vergine è diventata Madre di colui che ha dimorato tra noi rivestito di carne. Comunque non dobbiamo venerarla nella sua mera e plastica rappresentazione, ma onorarla andando oltre questa materiale struttura, come appunto abbiamo creduto per fede divina». E, polemizzando con gli iconoclasti, prosegue: «Noi, contrariamente a quello che voi stolti e ciechi andate blaterando, non affermiamo di guardare con gli occhi la forma della divinità, ma diciamo che, ricorrendo ad una plastica rappresentazione, il Salvatore ha assunto da noi la carne, che è la primogenita risuscitata dai morti e per mezzo della quale egli è vissuto in mezzo a noi senza subire alcuna mutazione. Per cui noi onoriamo con il medesimo e debito culto l'immagine di Colei che, tutta immacolata, ha generato colui che da lei ha assunto la carne. Infatti è tutta santa colei che in modo ineffabile ha concepito colui che solo è santo». E chiude la sua omelia intessendo un lungo inno di lode alla Madre di Dio, modulandolo sulle parole dell'angelo Gabriele: «Ti saluto, o piena di grazia». Lo fa dopo una nota polemica contro gli Ebrei, fatto non insolito per i predicatori di Costantinopoli: «O Sinagoga dei Giudei, che non avete accolto la Vergine Madre di Dio che, discendendo dalla vostra tribù, risplendeva di luce. Anzi, oltraggiandola indegnamente con impudenti parole, mossi dall'invidia, l'accusate di ingiustizia e di disprezzo delle leggi. Perché non avete mai accettato che l'eterno Figlio del Padre negli ultimi tempi è stato generato da lei, voi allora siete rimasti non solo privi della Madre, ma anche della gloria del Figlio, non perché quando egli era in vita vi abbia in qualche modo respinto, ma perché siete stati voi a ripudiarlo con la vostra malizia». E prosegue: «Invece, noi popolo di Dio, gente santa, popolo puro, schiera di uomini fedeli alla verità, figli di colomba, stirpe della grazia, noi che festeggiamo la Presentazione della Vergine nel tempio. Con animo puro, labbra incontaminate e a più voci, eleviamo in questa sacra celebrazione melodici inni, venerando, come è naturale, questa splendida festa che è la prima di tutte le solennità, gioiosa per gli angeli e degna di essere annunziata dagli uomini».

 

ASCOLTA L'AUDIO DELL'ARTICOLO

Inserito Martedi 13 Giugno 2017, alle ore 10:26:26 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Patristica
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Patristica:
Maria, la Seconda Eva

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Patristica

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.19 Secondi