PORTALE DI MARIOLOGIA - Le apparizioni: segno della intercessione e mediazione di Maria
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  La Vergine del silenzio
  Catechesi bibliche sui misteri del Rosario
  La Madonna che scioglie i nodi
  Uno sguardo a Maria. I molteplici aspetti del mistero mariano
  L'Annunciazione a Maria nell'arte d'Oriente e d'Occidente
  Il messaggio teologico di Guadalupe
  L'angelo mi disse. Autobiografia di Maria
  Il paradosso mariano. Cornelio Fabro rilegge S. Kierkegaard
  Maria e la modernità
  Benedetto XVI. Una donna icona della fede
  Giovanni XXIII. Madre e maestra di vita cristiana
  Icone. Il grande viaggio
  Ben più che Madonna. Rivoluzione incompiuta
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

La Vergine Maria nel Concilio Vaticano II


La Theotokos Achiropita di Rossano


Maria, Icona della Chiesa pellegrina


La marianità del Carmelo


La contemplazione nel cuore di Maria per la missione


Maria al servizio della creazione e della vita


I giovani e Maria nella cultura contemporanea


Maria e l'Eucaristia


Con Maria aspettiamo la Pentecoste


La pietà popolare, i giovani e Maria


Il Mese di Maggio in Vaticano e nel mondo


Preghiera e contemplazione con Maria


Maria e i tempi dell'attesa nell'iconografia


Maria nella musica del Novecento Europeo 1


Maria nella musica del Novecento Europeo 2


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 757
 Contatore visite 
DAL 1999

web counter 
 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 323
Iscritti: 0
Totale: 323
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Le apparizioni: segno della intercessione e mediazione di Maria 
Mariofanie

Da Salvatore Maria Perrella, La Rosarium Virginis Mariae e le apparizioni di Fatima, in Theotokos 25 (2017) n. 1, pp. 41-45.



L'evento dell'Incarnato-Crocifisso-Morto-Risorto-Asceso alla destra del Padre e Donatore dello Spirito vivificante, dal quale promana e ha senso il mistero dell'Immacolata-Morta-Assunta in cielo in anima e corpo, almeno per i cattolici romani, sono potenti e concrete risposte, pregne delle parole e delle opere del Dio vivente, al senso e al bisogno di futuro non effimero delle attuali generazioni.67 Inoltre, secondo il disegno provvidente di Dio per la sua Chiesa e a motivo della sua conformazione al Risorto-Asceso, Maria assunta agisce ed opera (adest et agit), è presente ed appare nella nostra storia per invitare a perseguire la via dell'Evangelium vitae:68 a inoltrarsi, cioè, nei sentieri dello Spirito, e quindi impegnarsi concretamente in ordine a una città degli uomini più cordiale, giusta, solidale e fraterna, lottando senza nessuna violenza ma con l'arma della persuasione e della testimonianza a favore della memoria passionis, che sempre origina dalla Parola di Dio e dal mistero di Gesù, per dare al grido degli uomini un ricordo e al tempo un termine.69
L'esercizio in actu della maternità spirituale della Vergine Maria è realtà, presenza e servizio che la Chiesa confessa, celebra ed esperisce primariamente e fontalmente nelle celebrazioni liturgiche, che la teologia anche ecumenica approfondisce, e il popolo cristiano fortemente avverte e conserva toto corde nel quotidiano dell'esistenza storica e di fede;70 ed anche, secondariamente e quale effetto del mistero pasquale, nei doni carismatici liberamente offerti a sostegno della predicazione evangelica, quali, tra gli altri, le apparizioni-visioni. Infatti, osserva ancora Stefano De Fiores, la «presenza pneumatica di Maria rende conto dell'esperienza del popolo di Dio, che percepisce pur nello statuto della fede non solo il suo aiuto e la sua azione, ma anche la sua stessa persona come un tu vivente con cui è possibile intessere un dialogo di fiducia e di amore. A tale esperienza, che coincide con un'autentica spiritualità mariana, è orientata strutturalmente la presenza di Maria, che come ogni presenza personale permette ed esige una risposta vitale. Certo l'amicizia e l'amore non sono imposti per forza, ciò sarebbe contro la libertà della persona, ma una mancata risposta responsabile ai segni della presenza di Maria frustrerebbe tale stessa presenza e la convertirebbe in un'assenza».71
La consapevolezza della materna intercessione di Maria, insegna il magistero dei pastori in profonda consonanza con la plurisecolare e genuina tradizione della Chiesa, suscita nei fedeli due caratteristici atteggiamenti cultuali: l'invocazione fiduciosa e l'abbandono filiale. Atteggiamenti che non devono sorprendere in quanto sono il riflesso del posto che santa Maria possiede nella storia della salvezza: di fatto, nelle sue espressioni di culto (lex orandi) la comunità del discepoli del Risorto riflette la sua fede nel ruolo della Serva del Signore nel mistero di Cristo e della Chiesa (lex credendi) e si impegna a vivere con coerenza le esigenze evangeliche che ne derivano (lex vivendi).72
La maternità salvifica, o mediazione materna esercitata dalla Glorificata, si inscrive nella cooperazione sostanziale e imprescindibile che lo Spirito attua nei credenti, portando a pienezza l'opera messianica del Cristo nel tempo e nella storia, negli uomini, nella Chiesa. Il popolo di Dio, che ha sempre beneficato e consapevolmente invocato ed esperito la maternità spirituale di Maria, è consapevole che ella è, nella Chiesa e con essa, dopo e nello Spirito santo, la prima e principale collaboratrice del Redentore e Mediatore Cristo nell'opera della salvezza.73
La cooperazione o mediazione (evidentemente emendata da ogni fraintendimento e da ogni indebita appropriazione mariocentrica) in Cristo e nello Spirito della Vergine Assunta/Glorificata, è prototipo e paradigma per la Chiesa, chiamata, come santa Maria, a cooperare all'opera salvifica della Trinità. In questo senso bisogna affermare che la Vergine gloriosa personifica la collaborazione della Chiesa, essendo la prima di coloro che Paolo chiama "collaboratori" o "cooperatori di Dio" (cfr. 1 Cor 3,9). Tutti coloro che hanno ricevuto il Vangelo della riconciliazione e della carità e il battesimo, sono chiamati a cooperare con il Figlio di Dio all'opera redentrice della Trinità; a tal riguardo ci sovviene la Parola della fede (cfr. Rm 10, 8) sulla nostra partecipazione all'itinerario pasquale di Gesù Cristo: con il battesimo siamo "co-sepolti" con lui (cfr. Rm 6,4) e con la fede siamo già "co-risuscitati" con lui (cfr. Ef 2, 45).74
L'apostolo Paolo era più che convinto della nostra partecipazione, in quanto chiesa, a sì grand'opera quando affermava: «Siamo infatti collaboratori di Dio» (1 Cor 319). Dalla grazia siamo resi come Maria "generosi compagni" e "generose compagne" del Redentore nell'opera della sua redenzione (cfr. Lumen gentium 60-62; Redemptoris Mater 38-41).75 In questo orizzonte si può inserire la spiegazione delle apparizioni mariane offerta da von Balthasar (†1988): «Chi si meraviglia [...] non ha capito chi è veramente Maria. Ella è il prototipo della Chiesa, la Chiesa nella sua forma più pura, la Chiesa come dovrebbe essere o (poiché siamo tutti peccatori) come dovrebbe cercare di essere. Maria non è una persona privata. Ella è, si potrebbe dire, una persona universale [ ... ] quale Serva del Signore che si può a tutto adoperare. Ella è ora disponibile anche per il Figlio suo, per mostrare ai cristiani ciò che la Chiesa è in realtà - e dovrebbe essere. Proprio perché ella è la perfetta umile, non ha alcun timore nel rimandare a se stessa, nell'apparire con un rosario, nel fungere da intermediaria al Figlio. Tutto in lei è grazia, perché dovrebbe esitare a presentare al mondo questo miracolo di Dio, fare ammirare non già se stessa ma manifestare la potenza di Dio e del proprio Figlio? La parola "rivelazione privata" non è molto felice. Essa è giustificata se si considera che oltre alla parola di Dio nel Nuovo Testamento non c'è da aspettarsi per il mondo nessuna rivelazione del Dio uno e trino. Ma l'abbiamo compresa nella sua profondità e pienezza? Non abbiamo bisogno sempre di nuove spiegazioni per capire ciò che in essa è contenuto in profondità di grazia ma anche in richiesta di grazia? In che misura ne siamo assorbiti? E chi sarebbe più competente a darci questa mai conclusa spiegazione se non la Ecclesia immacolata?».76
Questo mirabile disegno d'amore dell'Unitrino, comunque, deve tutto alla persona e all'opera del Figlio incarnato, sacerdote, mediatore perfetto della nuova e definitiva alleanza. Scrive a tal riguardo il biblista e cardinale Albert Vanhoye: «Coronato di gloria e di onore a causa della morte che ha "sofferto" (Eb 2, 10), Cristo, "reso perfetto", e stato "proclamato sommo sacerdote da Dio" (Eb 5, 9-10). Attraverso la sua Passione, ha acquisito, nella sua umanità, una capacità illimitata di misericordia (Eb 2, 17-18; 4, 15-16). Fondata sulla sua Passione, la sua glorificazione l'ha reso "degno di fede per i rapporti con Dio". La sua umanità crocifissa e glorificata è "la strada nuova e vivente" (Eb 10, 20) che introduce i credenti nella comunione con Dio; è "la tenda vera" (Eb 8, 2), "la tenda più grande e più perfetta" (Eb 9, 11) che dà accesso alla santità di Dio. L'adesione alla mediazione di Cristo si realizza prima di tutto mediante la fede, perché Cristo e "sommo sacerdote degno di fede". Allo Stesso tempo, si realizza mediante la speranza, inseparabile dalla fede, perché questa è adesione ad un dinamismo potente di mediazione. Infine, si realizza pienamente mediante l'amore, perché la mediazione di Cristo è un dinamismo di alleanza, un dinamismo d'amore, sotto la duplice forma dell'accoglienza amante della volontà di Dio e della solidarietà con le persone umane».77
Da e in questo dinamismo di alleanza e di amore sgorga, è inserita e prende sempre nuova linfa, la mediazione materna della Vergine glorificata, non come necessità ma come segno della sovrabbondanza della grazia del Dio misericordioso (cfr. Lumen gentium 60);78 vera diaconia in Cristo, nello Spirito, nella e per la Chiesa, per ogni uomo e donna amati ed accolti dal Padre nostro che è nei cieli. Le apparizioni-visioni-mariofanie, sono pertanto ulteriore attestazione carismatica di tale presenza e ministero di assistenza della Madre di Gesù nella comunione dei santi; per cui sono sfida per la ragione e dono per la fede!

NOTE
67 Cfr. S. M. PERRELLA, Tra protologia ed escatologia: il mistero mariano degli inizi e della fine. Una lettura teologico-ecumenica, in Theotokos 18 (2010), 569-599.
68 Sul tema della presenza celeste e materna di Maria nella storia umana, cfr. A. PIZZARELLI, Presenza, in NDM, 1045-1051; I. M. CALABUIG, Per una ripresa del discorso sulla presenza della Vergine, in Marianum 55 (1996), 7-15; J. M. MARTINEZ, Presencia e jnflujo de Maria en nuestra vida teologal: testimonios y teoria, in Ephemerides Mariologicae 55 (2005), 449-466; S. DE FIORES, Maria, vol. 2, 1364-1400: «Presenza»; T. TURI, Presenza, in Mariologia, 1002-1012.
69 Cfr. J. B. METZ, Memoria passionis. Un ricordo provocatorio nella società pluralista, Queriniana, Brescia 2009, 13-71.
70 L'attuale liturgia romana, ad esempio, esprime la fede della Chiesa e ringrazia Dio per il "dono" della maternità spirituale di Maria nei confronti dei fedeli; basti pensare ai testi ecologici del Messale Romano o a quelli specifici della Collectio Missarum de Beata Maria Virgine (= CMBMV): testi in cui Si veicola e si celebra nel Memoriale del Signore la Madre che è data alla Chiesa come vera madre nell'ordine della grazia. Si veda lo studio di I. M. CALABUIG, II culto alla Beata Vergine: fondamenti teologici e collocazione nell'ambito del culto cristiano, in AA. VV., Aspetti della presenza di Maria nella Chiesa in cammino verso il Duemila, Marianum, Roma 1989, 267-274.
71 S. DE FIORES, Maria, vol. 2, 1393-1394.
72 Cfr. C. MAGGIONI, Il contributo della Marialis cultus per la comprensione dell'assioma lex orandi-lex credendi, in S. M. MAGGIANI-A. MAZZELLA (a cura di), Liturgia e pietà mariana a cinquant'anni dalla Sacrosanctum concilium, 33-159.
73 Cfr. S. M. PERRELLA, L'intercessione celeste della Madre del Signore. Alcune note teologiche ed ecumeniche, in Marianum 72 (2010), 53-146.
74 Cfr. G. MASPERO, Uno perché Trino. Breve introduzione al trattato su Dio, Cantagalli, Siena 2011, 109-133.
75 Cf. AA. VV., In Cristo unico mediatore Maria cooperatrice di salvezza, Alvil, Roma 2008; S. M. PERRELLA, Cooperatrice di salvezza/Mediatrice, in Mariologia, 327-336; A. VILLAFIORITA MONTELEONE, Alma Redemptoris Socia. Maria e la Redenzione nella teologia contemporanea, Eupress Fm, Lugano 2010; A. GARCO, Madre dei viventi. La cooperazione salvifica di Maria nella "Lumen gentium". Una sfida per l'oggi, Eupress Fm, Lugano 2012.
76 H. U. VON BALTHASAR, Aprite i cuori all 'Immacolata, ecco appare la Madre di Dio, in Il Sabato, del 3-9 dicembre 1983, 19. Sul pensiero balthasariano circa le apparizioni mariane, si veda lo studio di: D. A. CERQUEIRA, Maria presso la Croce (Gv 19,25-27). Risonanze balthasariane negli scritti di A. von Speyr (1902-1907), Dissertazione per il conseguimento della laurea in Teologia con specializzazione in Mariologia, Pontifica Facoltà Teologica "Marianum", Roma AA. 2016-2017, 720-741.
77 A. VANHOYE, Gesù Cristo il Mediatore nella lettera agli Ebrei, Cittadella, Assisi 2007,268-269.
78 La cooperazione di Maria all'opera della salvezza, così come celebrata e attuata dalla liturgia ecclesiale, «ha la sua ragione ultima nell'insondabile e libera volontà di Dio, il quale, essendo eterna e divina carità (cfr. 1 Gv 4,7-8. 16), tutto compie secondo un disegno di amore: egli l'amò ed in lei operò grandi cose (cfr. Lc 1,49); l'amò per se stesso e l'amò anche per noi; la donò a se stesso e la donò anche a noi [ ... ]. All'uomo contemporaneo, non di rado tormentato tra I'angoscia e la speranza, prostrato dal senso dei suoi limiti e assalito da aspirazioni senza confini, turbato nell'animo e diviso nel cuore, con la mente sospesa dall'enigma della morte, oppresso dalla solitudine mentre tende alla comunione, preda della nausea e della noia, la Beata Vergine Maria, contemplata nella sua vicenda evangelica e nella realtà che già possiede nella Città di Dio, offre una visione serena e una parola rassicurante: la vittoria della speranza sull'angoscia, della comunione sulla solitudine, della pace sul turbamento, della gioia e della bellezza sul tedio e la nausea, delle prospettive eterne su quelle temporali, della vita sulla morte» (PAOLO VI, Marialis cultus 56 e 57).

 

ASCOLTA L'AUDIO DELL'ARTICOLO

Inserito Sabato 28 Ottobre 2017, alle ore 19:26:05 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Mariofanie
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Mariofanie:
Medjugorje: Comunicazione del Nunzio Apostolico USA Mons. Carlo Maria Viganò

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Mariofanie

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.17 Secondi