PORTALE DI MARIOLOGIA - Ireneo di Lione: Maria, l'Avvocata di Eva
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
  Le parole di Maria a Medjugorje
  Maria come amica
  Maria. La Madre del Cristo
  Nella chiesa di Maria. Saggio di Ecclesiologia e Mariologia
  Tutta bella. Contemplare il volto di Maria attraverso l'arte
  Con Maria. Un itinerario biblico
  Vergine della gioia e della tenerezza
  Donna è gentil nel ciel… Maria in Dante
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

L'immagine mistagogica di Maria nella spiritualità orientale


Maria Maestra di nuovi valori


Il culto al Cuore Immacolato di Maria: riflessioni teologiche


Messaggio di Fatima: attualità e incidenze


Maria e la sensibilità contemporanea


Il Rosario: una preghiera per più occasioni


«Il mio Cuore Immacolato trionferà»: alcune riflessioni


Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


Pregare con Maria nella vita


 La maternità divina di Maria, fonte di ispirazione per un'etica del dono


La “Concezione di Maria" nelle fonti liturgiche delle Chiese Orientali


Il Santo Rosario alla Beata Vergine Maria


Significato di Maria per il nostro tempo


Maria, la Madre della gioia


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 546
 Contatore visite 

Dal 1999
free counter

 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 157
Iscritti: 0
Totale: 157
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Ireneo di Lione: Maria, l'Avvocata di Eva 
Patristica

Un articolo su La Madonna della Neve, n 1 - gennaio 2020, pp. 4-6.



Ireneo di Lione è il primo a parlare di Maria avvocata - Uno dei padri della chiesa per il quale si chiede il titolo di dottore - L'obbedienza di Maria legata a quella di Cristo ricapitola dunque e rigenera l'umanità dal principio - La vergine Maria ripara la trasgressione della vergine Eva.

L'autore che per primo applica a Maria il titolo di «avvocata» è Ireneo di Lione (202). Egli riprende il confronto tra Eva e Maria già formulato da Giustino, ma, rifacendosi alla dottrina di S. Paolo su Cristo nuovo Adamo, ne trae conseguenze e implicazioni mariologiche così chiare e coerenti, da segnare la vera nascita della mariologia. Ireneo propone questo parallelo - Eva-Maria - con un vigore che mai sarà superato. Nella sua teologia della ricapitolazione, cioè della rigenerazione mediante la testa (caput), mediante il principio, Maria occupa un posto strutturale. Si tratta di un processo in cui ogni elemento della prima creazione è ripreso e spiegato secondo il principio delle recirculatio (ritorno a ritroso): Maria riprende la funzione della donna-Eva, come la croce riprende la parte dell'albero della caduta.
«Di conseguenza - scrive Ireneo nell'opera Contro le eresie - si trova anche Maria vergine obbediente che dice: "Ecco la tua ancella, Signore, sia di me secondo la tua parola". Eva però non è obbediente: non obbedì infatti, pur essendo ancora vergine. Allo stesso modo quella, avendo Adamo come marito, era ancora vergine - infatti "erano ambedue nudi" nel paradiso "e non ne provavano vergogna", perché essendo stati creati poco prima, non avevano alcuna idea della generazione dei figli: infatti prima dovevano crescere e poi moltiplicarsi -; come Eva, dunque, divenne disobbediente e fu causa di morte per sé e per il genere umano; così anche Maria avendo un uomo a lei destinato, e ancora vergine, obbediente, divenne causa di salvezza per sé e per tutto il genere umano. E proprio per questo la legge chiama "moglie" di colui che I'aveva presa come fidanzata colei che era stata fidanzata ad un uomo, anche se vergine; indicando quel movimento a ritroso (recirculatio) che va da Maria a Eva; poiché non diversamente viene sciolto ciò che è legato se non si slegano all'inverso gli intrecci della legatura, affinché i primi capi si sciolgano tramite i secondi e i secondi sciolgano nuovamente i primi. E accade che il prima intreccio si scioglie con il secondo nodo e che il secondo nodo ha il verso per sciogliere il prima atto della legatura. E per questo che il Signore diceva che i primi sarebbero stati gli ultimi e gli ultimi sarebbero stati i primi. E anche il profeta indica la stessa cosa, dicendo "invece che i padri ti succederanno i figli"; infatti il Signore nato "primogenito dai morti" accogliendo gli antichi padri nel suo seno, li rigenerò nella vita di Dio, divenuto egli stesso principio dei viventi, poiché Adamo divenne principio dei morenti. Per questo anche Luca cominciando dal Signore I'inizio della generazione, la riconduce ad Adamo indicando che non quelli (i padri) generarono lui, ma egli rigenerò loro per mezzo del vangelo della vita. Cosi pure anche il nodo della disobbedienza di Eva trovò soluzione di scioglimento attraverso l'obbedienza di Maria. Quello che la vergine Eva aveva legato nell'incredulità, questo la vergine Maria sciolse nella fede» (Contro le eresie III, 22.4).

La pronta adesione di Maria

L'opera di Maria inizia dal suo fiat. É la risposta della vergine obbediente mediante la quale avviene l'incarnazione del Verbo. In tal modo quello che era stato legato viene sciolto con un movimento opposto alla disobbedienza di Eva.
«Dunque il Signore è venuto visibilmente nella sua proprietà; e stato portato dalla sua propria creazione che da lui stesso è portata; grazie alla sua obbedienza sul legno (croce) ha compiuto la ricapitolazione della disobbedienza che era stata compiuta per mezzo del legno (albero); e la seduzione, di cui miseramente era stata vittima Eva, vergine soggetta al marito, è stata dissipata dalla verità che fu annunciata magnificamente dall'angelo a Maria, vergine già in potere del marito. Come infatti quella fu sedotta dalla parola di un angelo da fuggire Dio avendo prevaricato la sua parola, così anche questa fu evangelizzata da una parola angelica da portare Dio obbedendo alla sua parola. E se quella era stata disobbediente a Dio, questa però fu persuasa a obbedire a Dio, affinché la vergine Maria divenisse avvocata della vergine Eva. E come a causa di una vergine il genere umano fu legato alla morte, (così) a causa di una vergine è salvato; la disobbedienza di una vergine fu equamente controbilanciata dall'obbedienza di una vergine. Così il peccato del primo uomo ricevette riparazione dalla correzione del Primogenito e la prudenza del serpente fu vinta dalla semplicità della colomba, essendo stati sciolti quei legami con i quali, morti, eravamo incatenati» (Contro le eresie V, 19.1-2).

Vergine obbediente

E qui appare il termine di «avvocata»: colei che attraverso l'obbedienza all'angelo, con I'evento dell'incarnazione, permette di recuperare il danno operato da Eva. Non perché Maria intervenga direttamente in difesa di Eva, ma perché lasciando che la Parola divina venga in lei, permette il compimento dell'opera di salvezza.
«Come a causa di una vergine disobbediente l'uomo fu colpito, cadde e morì, cosi a causa di una vergine obbediente alla parola di Dio, fu risuscitato e riebbe vita. Infatti il Signore è venuto a cercare la pecora perduta, cioè l'uomo che si era smarrito. Per questo non si formò un corpo diverso, ma per mezzo di colei che era discendente di Adamo, mantenne la somiglianza di quel corpo. Adamo infatti fu ricapitolato in Cristo, affinché quello che è mortale fosse divorato dall'immortalità ed Eva da Maria, affinché una vergine divenuta avvocata di una vergine, dissolvesse e annientasse con la sua obbedienza di vergine la disobbedienza di una vergine. Il peccato commesso a causa dell'albero fu annullato dall'obbedienza compiuta sull'albero, abolendo la scienza del male e donando la scienza del bene. Male è disobbedire a Dio, bene è obbedire». (Dimostrazione della predicazione apostolica 32).
Tutti e tre I brani proposti - gli unici in cui il parallelo Eva-Maria è esplicitamente formulato - insistono su alcuni concetti fondamentali e le stesse definizioni coniate per Eva e per Maria si ripetono quasi identiche, sottolineando però, in modo particolare, il principio di obbedienza, causa di salvezza, contrapposto a quello della disobbedienza, causa di morte. Il male, nato dalla ribellione e dalla prevaricazione della parola di Dio, o vinto solo dall'obbedienza alla stessa parola.
Ireneo dunque conia su una base prettamente biblica, e paolina in specie, la sua teoria della ricapitolazione. Adamo, «figura di colui che doveva venire» (Rm 5,14), fu padre dei morenti, ma Cristo, «primogenito di coloro che risuscitano dai morti» (Col 1,18) doveva riconciliare a Dio l'umanità caduta a causa del peccato. E come il primo uomo fu affiancato dalla prima donna che, disobbediente, fu causa di morte, così al nuovo Adamo si affiancò la donna obbediente che doveva cooperare al piano della salvezza voluto da Dio.

Maria porta di salvezza

Maria, antitesi di Eva, è protagonista indispensabile dell'economia salvifica; se Eva fu causa di caduta, Maria è causa indispensabile di redenzione; ella non è soltanto una donna che accoglie nel grembo e partorisce il Figlio di Dio, ma è la Vergine che doveva portare la salvezza a quell'umanità condannata al peccato da Eva. Maria è portatrice di salvezza nel senso più autentico della parola: tiene nel suo grembo il Salvatore e lo dona al mondo; accoglie il Verbo di Dio e lo dona incarnato a beneficio degli uomini, partorendo il Cristo, nuovo Adamo.
Anche nell'antitesi Maria-Eva si compie la ricapitolazione che Ireneo annunzia nelle sue opere; tutto sarà «riunito sotto un solo capo» e perché ciò avvenga è necessario che la storia della salvezza abbia percorso un cammino inverso a quello delta storia del peccato. Lo schema: oboedientia solvens inoboedientiam, è la ripetizione di circostanze analoghe ma con risultato positivo e cioè in vista del conseguimento della salvezza e del ricongiungimento a Dio. In questa struttura salvifica l'obbedienza di Maria nell'accettare la volontà di Dio precede, in qualche modo, l'obbedienza di Cristo, anch'egli «obbediente fino alla morte di croce». L'obbedienza di Maria, contrapposta alla disobbedienza di Eva non è che il primo mezzo, in ordine di tempo, perché si realizzi l'incarnazione e, quindi, l'assotuta e unica ricapitolazione di Adamo, uomo «animalis ut ab spiritalis salvaretur» (Contro le eresie III, 22.3).
Ireneo procedendo in formulazioni perfettamente analoghe, sebbene antitetiche, indica in Eva la causa mortis e in Maria la causa salutis e dimostra come da Eva a Maria si sia realizzata la «generazione» umana, mentre da Maria a Eva la «rigenerazione» attraverso il concepimento del Verbo che fin dall'incarnazione inizia l'opera di salvezza. Essendo la prima donna implicata anch'essa nella caduta per la sua disobbedienza, la risalita prende l'avvio, analogamente, dall'obbedienza di una donna.
Ireneo insiste sulla condizione verginale di entrambe le donne: Eva, perché non ha ancora conosciuto il marito; Maria, perché la sua verginità è segno della paternità divina di Gesù. Ma soprattutto perché tale stato permette e favorisce una totale adesione alla volontà di Dio. E questo dà maggiore rilievo alla di-versa risposta delle due donne, sia a quella negativa della progenitrice, come a quella positiva di Maria. A Maria Dio affida il Figlio suo per la salvezza del mondo e Maria è «il puro seno che rigenera gli uomini a Dio» (Contro le eresie IV, 33.11).

Inserito Domenica 9 Febbraio 2020, alle ore 11:19:16 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Patristica
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Patristica:
Maria, la Seconda Eva

 Sondaggio 
Punteggio medio: 0
Voti: 0

Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Patristica

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.21 Secondi