PORTALE DI MARIOLOGIA - Autentiche le apparizioni mariane a Laus
PORTALE DI MARIOLOGIA
  Login o Registrazione
PER CONOSCERE MEGLIO LA MADRE DI DIO
 Menu 
· Home
· Account o Registrazione
· Argomenti generali
· Articoli: archivio
· Articoli: invia nuovo
· Articoli: piu' letti
· Articoli: ultimi inseriti
· Banners del sito
· Biblioteca mariana
· Calendario mariano
· Documenti Magistero
· Enciclopedie
· Forums
· Fotoalbum
· Help del sito
· Invia Cartolina virtuale
· La Chat di Mariologia
· Le vostre domande
· Mappa del sito
· Motore di ricerca
· Sondaggio
· Statistiche
· Suggerimenti
· Sussidi Pastorali
· Testimonianze
· Web Links
· Webcams
 Enciclopedie 










 Inserti Speciali 



























 Nuovi in Biblioteca 
  Cuore di Mamma.
  Maria Madre del Signore. Canti per le solennità mariane
  La Donna delle decisioni. Maria nei Vangeli e negli Atti
  Maria di Nazaret. L'umile star
  Medjugorje. Scienza e Chiesa
  Ave dolce mamma del cielo. Il rosario per i bambini
  Maria per l'unità di tutti i cristiani
  Le parole di Maria a Medjugorje
  Maria come amica
  Maria. La Madre del Cristo
  Nella chiesa di Maria. Saggio di Ecclesiologia e Mariologia
  Tutta bella. Contemplare il volto di Maria attraverso l'arte
  Con Maria. Un itinerario biblico
  Vergine della gioia e della tenerezza
  Donna è gentil nel ciel… Maria in Dante
 Pensieri 
Nuova pagina 1


 

 Ultimi 15 articoli 
Ultimi 15 Articoli

Nicola di Sant'Albano e la concezione immacolata di Maria


Maria: un cammino di amore per la speranza del mondo


Pregare con Maria nella vita


 La maternità divina di Maria, fonte di ispirazione per un'etica del dono


La “Concezione di Maria" nelle fonti liturgiche delle Chiese Orientali


Il Santo Rosario alla Beata Vergine Maria


Significato di Maria per il nostro tempo


Maria, la Madre della gioia


La povertà di Maria: amore di identità con i poveri


Significati dell'Assunzione di Maria al cielo


L'orientamento pedagogico in alcuni canti mariani tra Settecento e Novecento


Maria, speranza nostra


La beata María Romero Meneses, testimone della filialità mariana


Totus tuus: Maria e Giovanni Paolo II


Mariologia breve, secondo S. Bonaventura da Bagnoreggio


 Immagini  
 Sondaggio 
COSA TI INTERESSA DI PIU' IN MARIOLOGIA?

S. Scrittura
Magistero della Chiesa
Apparizioni
Mariologia ecumenica
Liturgia
Dogmi mariani
Spiritualità mariana
Pietà popolare
Mariologia sociale
Padri della Chiesa
Cultura e Arte



Risultati
Sondaggi

Voti 541
 Contatore visite 

Dal 1999
free counter

 F.A.Q. 

 Utenti 
Benvenuto, Anonimo
Nickname
Password
(Registrazione)
Iscrizione:
ultimo: pertinac
Nuovo di oggi: 0
Nuovo di ieri: 0
Totale iscritti: 357

Persone Online:
Visitatori: 77
Iscritti: 0
Totale: 77
 Orario 

 Imposta come Home
 Contatta il Webmaster
 Mappa del Sito
 Invia Cartolina 

Vuoi inviare una nostra cartolina ad un amico?
 La Chat 
Nome Stanzaonline
Privata IL MARIOLOGO0
Privata LA THEOTOKOS0

[ SPChat ]
  Autentiche le apparizioni mariane a Laus 
MariofanieDa un articolo di Giorgio Bernardelli su Avvenire del 04 maggio 2008

 

Proprio nel 2008, anno in cui si sono ricordati i 150 anni di Lourdes, la geografia delle apparizioni mariane riconosciute dalla Chiesa si è arricchita di un nuovo luogo francese. Nel corso di una solenne liturgia eucaristica nel santuario di Notre-Dame du Laus, sulle Alpi francesi, la diocesi di Gap-Embrun, ha promulgato il decreto in cui si afferma la veridicità del messaggio qui affidato dalla Vergine alla pastorella diciassettenne Benedetta Rencurel. Non si tratta di un e­pisodio recente, ma di apparizioni che risalgono al XVII secolo. A renderle, però, interessanti è il fatto che si tratta del primo riconoscimento ufficiale in Francia dopo quello che 146 anni fa riguardò Lourdes. Insieme alla forte caratterizzazione di Laus come santuario legato a Maria «Rifugio dei peccatori» e al sacramento della Riconciliazione. Il rito solenne, nel giorno dell’Ascensione è stato presieduto dal vescovo diocesano Jean-Michel Di Falco Leandri, alla presenza del nunzio apostolico in Francia Fortunato Baldelli e di una trentina tra cardinali e vescovi, non solo francesi.

Quella di Laus è una storia sorprendente se inquadrata nel suo periodo storico. Nella Francia di Luigi XIV, del giansenismo e delle guerre di religione, la Madonna appare in una zona sperduta a una ragazza di diciassette anni che non sapeva né leggere né scrivere. Le affida un messaggio che è un forte invito alla conversione dei peccatori. E -fatto abbastanza insolito in questo tipo di esperienze – la Vergine continua ad apparire a Benedetta Rencurel per ben 54 anni, dal 1664 al 1718. Ma ciò che ancora più conta è che questa pastorella – di cui oggi è in corso il processo di beatificazione – sceglie di consacrare interamente la propria vita a testimoniare con semplicità la dolcezza della misericordia di Dio. E lo farà fino alla sua morte, all’età di 71 anni. Intorno a lei – intanto – Laus diventerà una meta privilegiata per chi ha il cuore ferito. Tanto da far esclamare a un grande francese del Novecento come Jean Guitton che questo santuario sulle Alpi «è uno dei tesori più nascosti e più potenti della storia dell’Europa ».

Ma che significato ha, oggi per la Chiesa, riconoscere ufficialmente apparizioni che risalgono a quasi quattro secoli fa? È la domanda da cui prende le mosse il vescovo di Gap-Embrun nella lettera indirizzata alla diocesi in occasione di questo evento. «Le apparizioni – spiega monsignor Di Falco Leandri – avvengono perché Cristo, Maria e i santi sono vivi, perché la comunione dei santi non è una parola vuota, perché il Cielo si interessa della Terra. Ma le apparizioni non sono fotografie del Cielo; noi continuiamo infatti a camminare nella fede, senza vedere Dio faccia a faccia». Quando dunque la Chiesa – dopo aver indagato con criteri umani – dichiara credibile uno di questi fenomeni «offre un aiuto alla fede». Offre – sottolinea il presule – perché la Chiesa non obbliga mai nessuno a credere a una determinata apparizione. Quando però – come nel caso di Laus – si pronuncia ufficialmente, riconosce per tutti l’importanza dell’invito «a riavvicinarsi a Cristo, a riscoprire il Vangelo e i sacramenti; l’invito a riconciliarsi con se stessi, con gli altri e con Dio» contenuto nel messaggio di queste apparizioni. Di qui l’insistenza sull’atteggiamento giusto con cui salire in questo angolo incantevole delle Alpi francesi: la consapevolezza che «il santuario di Notre-Dame du Laus – conclude il vescovo di Gap-Embrun – non è una finestra aperta sul Cielo, ma una strada aperta verso una vita quotidiana da vivere secondo lo stile di Benedetta».

 

Inserito Giovedi 31 Dicembre 2009, alle ore 20:34:51 da latheotokos
 
 Links Correlati 
· Cerca ancora Mariofanie
· Ultimi volumi inseriti in Biblioteca da latheotokos


Articolo più letto relativo a Mariofanie:
Medjugorje: Comunicazione del Nunzio Apostolico USA Mons. Carlo Maria Viganò

 Sondaggio 
Punteggio medio: 3
Voti: 1


Vota questo articolo:

Excellent
Very Good
Good
Regular
Bad

 Opzioni 

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile


Altri articoli correlati

Mariofanie

IDEATO E REALIZZATO DA ANTONINO GRASSO
DOTTORE IN S. TEOLOGIA CON SPECIALIZZAZIONE IN MARIOLOGIA
DOCENTE ALL'ISSR "SAN LUCA" DI CATANIA

PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.19 Secondi